Dalle torture in Siria ai palchi di Berlino: il rap anti-regime della Mazzaj Band

A Berlino tre musicisti siriani, ex carcerati politici, sfidano Assad e l’ISIS a colpi di rap. Si chiamano Mazzaj Rap Band e il loro ultimo concerto all’Heart Beats Solifest (lo scorso 2 aprile al Köpi), è stato un tale successo che anche Deutsche Welle ha parlato di loro.

La storia della Mazzaj Band. A fondarla nel 2007 è Abu Hajar all’epoca poco più che ventenne insieme a due amici, nonché già rapper, Alaa Odeh e Hazem Zghaibe. Come raccontano sul loro sito, durante un incontro al bar nella natia Siria, i tre iniziano a scambiarsi pareri e idee sulla situazione politica nel loro paese. Decidono quindi di usare la musica per portare avanti la loro battaglia per la libertà e la dignità umana, minacciata dalle azioni del regime. Incidono qualche canzone, vengono anche arrestati, ma la loro vita va avanti indipendentemente dalla musica. Abu Hajar si trasferisce prima in Giordania, Libano e in Italia (dove consegue una laurea in economia politica all’Università La Sapienza di Roma), poi a Berlino dove tuttora svolge un dottorato. Nella capitale tedesca il progetto della band, grazie all’arrivo degli amici, riprende vita. Oggi come allora la loro musica unisce artisti e pubblico per allontanare pregiudizi, paura e ignoranza. Le loro canzoni raccontano le storie di quei ragazzi arrestati dal regime siriano a causa delle loro idee.

Gli arresti e l’esilio. Come raccontato in un’intervista rilasciata alla DW, Abu Hajar fu fermato per la prima volta nel 2007 a causa dei testi delle sue canzoni contrari agli omicidi di donne per motivi d’onore. Scappò in Giordania, ma solo brevemente, troppo forte il richiamo della sua Patria e il desiderio di lottare per essa. Il secondo arresto, stavolta con tortura annessa, avvenne nel 2011 a causa di una marcia anti-regime, accusato di propaganda politica non autorizzata. Inaspettatamente rilasciato dopo due mesi, fu invitato, leggasi obbligato, a lasciare il paese e rifugiarsi prima in Libano, poi in Italia e infine a Berlino.

img_8914
© enrico incerti

La vita a Berlino. Oggi Abu Hajar si impegna in molte delle iniziative Refugees Welcome, ma fa notare: «Anche qui a Berlino c’è ancora tanta diffidenza nei confronti dei profughi, soprattutto dopo gli attacchi di Bruxelles del mese scorso.» La Mazzaj Band però non si lascia intimorire e porta avanti la sua lotta per la dignità e la libertà di espressione. «Cantiamo per tutti quelli che il potere vuole far tacere e continueremo a farlo in Siria, in Italia e a Berlino »

banner3okok (1)

Foto di copertina © Enrico Incerti

Related Posts

  • Oggi alla mia lezione di italiano, livello intermedio, presso la scuola di lingue di Berlino in cui insegno, è arrivato un ragazzo per una lezione di prova. Non ha mai studiato regolarmente l'italiano, ma quando gli chiedo di provare a presentarsi, "come si chiama, cosa fa, di dove è", parla in maniera spontanea…
  • Volete imparare il tedesco da zero? Il 4 aprile parte il nuovo corso super-intensivo mattutino di Berlino Schule/Berlino Magazine, livello A1.1. Le lezioni si svolgeranno dal lunedì al venerdì, dalle 9.15 alle 13.30, nella nostra sede in Gryphiusstraße 23, nel cuore di Friedrichshain. Il corso si terrà fino al 15 aprile. Per iscriversi non sono necessarie…
  • Di seguito una piccola guida agli eventi da non perdere venerdì 21, sabato 22 e domenica 23 luglio 2017. 1.BERLIN BEER WEEK  Torna a Berlino la Berlin Beer Week, con la terza edizione del festival della birra artigianale in Germania. Dopo il successo delle due precedenti edizioni, l'evento di apertura…
  • Gli Aerosmith all’O2 Arena di Berlino. Succedeva il 9 giugno scorso. Come spesso accade in occasioni come queste, gli aspetti piacevoli non si riducono alle sole due ore effettive di spettacolo, ma coinvolgono i momenti precedenti all’evento – l’attesa frenetica, le aspettative – e quelli successivi: la gioia, la delusione e i…
  • Questa settimana Berlino ci ha regalato ben pochi momenti di bel tempo. Chi vive a Berlino ha dovuto rispolverare impermeabile e ombrello negli ultimi giorni: piogge torrenziali stanno inondando la capitale tedesca e il solo pensiero che il mese di luglio stia iniziando con tali condizioni meteorologiche è a dir…

Leave a Reply