Der Spiegel: “In Italia treni veloci, puliti e puntuali, un paradiso per chi viaggia sui binari”

treni

La testata tedesca Der Spiegel elogia appassionatamente l’alta velocità italiana per la sua efficienza, economicità e pulizia.

Una ottima recensione al servizio ferroviario italiano arriva da oltralpe, più precisamente dalla Germania. Va sottolineato che a tessere gli elogi dei nostri treni è proprio la testata tedesca Der Spiegel, famosa per molte copertine, titoli e articoli spesso poco caritatevoli nei confronti del Belpaese. Quindi, se il giudizio positivo arriva da Der Spiegel, sembrerebbe proprio che ci si possa fidare. Unica avvertenza: le parole di Der Spiegel si riferiscono esclusivamente all’alta velocità italiana. “Immaginiamoci dei treni” scrive il settimanale tedesco. “Che rispondono al loro dovere: portare alla meta i cittadini sprovvisti di patente di guida e convincere i guidatori ad abbandonare l’auto per un viaggio più breve, più rilassato e più conveniente. Tutto ciò si trova in Italia.”

1. Prenotazione del posto e accoglienza

“Immaginiamoci” prosegue Der Spiegel, “treni che arrivano puntuali al binario e nella disposizione di carrozze prevista, nessuno che si affanna alla ricerca di un posto libero perché nessuno ha dovuto rinunciare alla prenotazione per risparmiare 4,50 euro. La prenotazione è obbligatoria e inclusa nel prezzo. Il personale si impegna affinché tutti si trovino a loro agio. Il controllore e il personale di bordo risultano ordinati e cortesi, carrelli con bevande calde, fredde e snack circolano tra i binari.”

2. Pulizia e velocità

“Un servizio clienti impeccabile, che Deutsche Bahn” sottolinea il giornale tedesco, “può solo sognare: ogni 2 minuti un addetto alle pulizie passa nelle carrozze e toglie con discrezione i rifiuti. In caso di ritardo, Trenitalia offre semplici soluzioni di rimborso dopo 30 minuti di ritardo. Per ottenere il rimborso è possibile fare richiesta comodamente online.”

3. Convenienza

Der Spiegel ci tiene inoltre a sottolineare che “l’Italia è uno dei Paesi europei dove i biglietti ferroviari sono più economici. Un viaggio da Venezia a Roma con un’offerta speciale può costare anche solo 13,90 euro. I tempi di percorrenza sono di 3 ore e 45 minuti – imbattibili per 539 km. Il viaggio in auto durerebbe circa 6 ore.”

Il motivo per cui le Frecce hanno un così grande successo

Il giornale tedesco, alla fine del suo articolo, si chiede come mai le Ferrovie italiane possano vantare tanta efficienza. Soprattutto, risulta difficile capire come sia possibile che i treni italiani funzionino meglio di quelli tedeschi. “Perché un viaggio di più ore tra le città italiane con il Frecciarossa può essere così rilassato, mentre una corsa in autobus di una ventina di minuti a Roma può rivelarsi una tortura?”, chiede Der Spiegel. “Uno dei motivi del successo dei treni AV italiani potrebbe essere” argomenta il settimanale tedesco. “Quello indicato dal CEO delle Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini, all’ultimo congresso mondiale di settore: dal 2012 con Italo-NTV c’è un concorrente sui binari italiani, qualcosa che la monopolista Deutsche Bahn non ha. Da quando il mercato è conteso, sottolinea Mazzoncini, la divisione AV della sua compagnia non ha perso niente, ma ha piuttosto ottenuto più passeggeri.”

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Frecciarossa ETR500 a Milano Centrale, © Dominio pubblico.

One Response to “Der Spiegel: “In Italia treni veloci, puliti e puntuali, un paradiso per chi viaggia sui binari””

  1. Andrea

    Come italiano e come dipendente del gruppo FS non posso che essere stupito e lusingato. Tuttavia i miei viaggi in treno in Germania sono stati confortevoli e rilassanti, le coincidenze sono state sempre rispettate, i convogli, non solo gli ICE anche quelli della SBahn, sono sempre stati puliti. I prezzi sono più alti, ma sempre concorrenziali con l’auto. Che il gruppo FS abbia fatto centro con le frecce è un fatto, ma sono convinto che la presenza di NTV, un’azienda che, in pratica da subito ha dovuto ricorrere a contratti di solidarietà e che ha accumulato una valanga di debiti, non abbia avuto un’impatto particolarmente significativo, l’Italia ha una consolidata tradizione nell’ingegneria ferroviaria, mezzi come il “Settebello” erano magnificati da tutti già negli anni ’60, le linee ad alta velocità sono state costruite con denaro pubblico, stroncando resistenze di ogni tipo, soprattutto da parte degli ecologisti, e la scelta ha pagato. Grazie allo Spiegel, mi auguro che si continui così per la soddisfazione di tutti, Italiani e Tedeschi.

    Rispondi
  2. Scarlet Lubowski

    Mi pare uno scherzo! Io per motivi di lavoro vado due volte al mese a Monaco (da Perugia con il treno) viaggio sia di giorno che di notte! e: non c e´ viaggio senza ritardo, avendo delle coincidenze, spesso e volentieri perdo un treno. una volta ho viaggiato con un ritardi di 7!!! ore.

    Rispondi

Leave a Reply