Dorothy Iannone e il coloratissimo amore libero in mostra alla Berlinische Galerie

La Berlinische Galerie è solita accompagnare le sue mostre con una serie di eventi tra cui letture e concerti. Lunedì scorso ha omaggiato l’attuale mostra su Dorothy Iannone, artista di origine americana che vive a Berlino dal 1978, con la lettura di alcune poesie erotiche del Rinascimento e del Barocco francese e brani del più recente romanzo “Paura di volare” di Erika Jong. A interpretarli è stata Eva Mattes, attrice tedesca che ha lavorato anche al fianco di Fassbinder, che ha letto con divertita complicità questi testi sul corpo e la sessualità femminili.

Nella sala principale della Berlinische Galerie dove vengono ospitati questi eventi, circondati dai coloratissimi e fantasiosi dipinti della mostra, l’ascolto di una tale lettura assume naturalmente un valore aggiunto. Dorothy Inannone è una delle artiste contemporanee che con più insistenza ed un approccio originale si è dedicata alla raffigurazione dell’amore e dei rapporti uomo-donna. Dopo aver studiato letteratura, negli anni ’60 inizia a dipingere da autodidatta, sperimentando numerose tecniche come la tinta a olio, il collage, pittura con le dita; è influenzata dall’arte orientale, in particolare dalla tecnica giapponese degli origami. Mostra fin da subito una predilezione per l’apposizione di numerosissimi colori vivaci e alcuni dei primi lavori ricordano l’astrattismo lirico di Kandinskij.

iannone01

Col passare del tempo la figura umana si insinua sempre più nella sua opera, raffigurata in modo stilizzato, coi contorni netti e gli organi sessuali spesso in evidenza. A causa della componente erotica fortissima, i suoi dipinti incorrono nella censura di molti Paesi. Ma la Iannone ha continuato a perseguire la sua arte e il suo personalissimo stile senza demordere: attraverso formule e scritte che diventano parte del quadro, e rimandano alla tecnica del fumetto, riesce ad esprimere le situazioni e i dubbi della vita quotidiana di coppia, come nella serie Dialogues. Gli influssi sono moltissimi, dalla religione buddista, al Cristianesimo, ai miti greci. Le tecniche spaziano dai disegni in bianco a nero alle tele enormi coloratissime; la mostra contiene anche due installazioni video e alcuni modelli in cartone realizzati dall’artista.

iannone02

Con questa splendida mostra che è una vera esplosione di colore la Berlinische Galerie ha voluto omaggiare il lavoro di una donna che ha combattuto per tutta la vita contro la censura e per affermare la libertà della sessualità femminile, che da quando si è trasferita a Berlino Ovest ne ha fatto il suo atelier permanente e ne ha espresso la bellezza inserendo in uno dei suoi dipinti il vecchio motto “You have no idea how lovely you are, Berlin”. E probabilmente è proprio Berlino la città più adatta per celebrare un’arte che grida libertà.

La mostra durerà fino al 2 giugno. Durante la visita è possibile ammirare anche la collezione stabile della galleria, sull’arte berlinese dal 1945 ad oggi: un’occasione da sfruttare visto che dal 1° luglio l’intero complesso chiuderà per lavori di manutenzione (ne abbiamo parlato qui).

DOROTHY IANNONE
This Sweetness Outside Of Time. Gemälde, Objekte, Bücher 1959–2014
20.02. – 02.06.2014
Orario di apertura: ogni giorno 10:00 – 18:00 (chiuso il martedì)
Entrata: 8 euro (ridotto 5 euro – ogni primo lunedì del mese 4 euro)

BERLINISCHE GALERIE
Alte Jakobstraße 124-128, 10969 Berlin

Prossimi eventi:

22.05.2014, ore 19:00
Concerto “Leidenschaft und Ostinato. Ein Abend für Dorothy Iannone”: cantate e madrigali barocchi interpretati dal DJ Michael Glasmeier. Prezzo di entrata del museo.

26.05.2014, ore 19:00
Proiezione del film „Brokeback Mountain“ (2005) di Ang Lee come parte della serie “Movie People”, i dipinti della Iannone ispirati a grandi coppie del cinema. Entrata gratuita.

LEGGI ANCHE DELLA BELLA MOSTRA GRATUITA ADULT CHILDHOOD PRESSO LA PINK ZEPPELIN GALLERY

Related Posts

  • A Berlino da oggi torna la Berlin Art Week, una settimana di eventi, conferenze, vernissage e esibizioni con alcuni tra i più importanti artisti contemporanei. Dal 13 al 18 settembre gallerie, project room e musei aprono le loro porte a collezionisti, galleristi e appassionati per scoprire il meglio dell'arte contemporanea. Negli…
  • «Ciò che voglio mostrare nei miei lavori è l'idea che nasconde la cosiddetta realtà.» Max Beckmann (1884 –1950) Max Beckmann è uno dei più grandi pittori tedeschi del ventesimo secolo. Espressionista? Non solo, o meglio, lui per primo non amò definirsi tale, se non per un breve periodo della sua carriera.…
  • Boris Mikhailov, Hannah Höch, Dorothy Iannone, Georg Baselitz, Nan Goldin, Ursula Sax, Lajos Kassák, Bernd Zimmer, Tobias Zielony, Sergej Jensen, Markus Draper, Max Beckmann... Da più di trent'anni, ovvero dal 1975, alcune delle migliori mostre di arte contemporanea, in particolare pittura e fotografia, a Berlino vengono regolarmente organizzate dalla Berlinische Galerie.…
  • È alle porte la Giornata Internazionale dei Musei, l'evento ideale per esplorare i musei di Berlino in una chiave diversa dal solito. Si terrà domenica 21 maggio la 40esima edizione della Giornata Internazionale dei Musei organizzata in tutto il mondo dall'ICOM (International Council of Museum) con l'obiettivo di combattere l'idea per…
  • Si preannunciano tempi duri per gli amanti dei musei di Berlino: per una triste coincidenza infatti tre delle più grandi attrazioni turistiche della capitale tedesca dovranno a breve chiudere le porte per fare spazio a vari lavori di manutenzione. La fondazione Preußischer Kulturbesitz, che amministra i musei statali berlinesi, ha…

Sara Trovatelli

Dottoranda in traduzione letteraria, traduttrice, amante del buon cibo, dei viaggi e di tutto ciò che è cultura, vive a Berlino dal 2012 dopo essersene innamorata durante una gita lampo ai tempi del liceo.

2 Responses to “Dorothy Iannone e il coloratissimo amore libero in mostra alla Berlinische Galerie”

  1. simona

    Volevo precisare una cosa: l’ingresso ridotto (4€) alla Berlinerische Galerie è ogni primo lunedì del mese 🙂

    Rispondi

Leave a Reply