È morto Helmut Kohl, il cancelliere artefice della riunificazione tedesca

Helmut Kohl, il cancelliere padre della riunificazione tedesca, è morto oggi a 87 anni nella sua abitazione di Ludswigshafen.

Il giornale tedesco Bild è stato il primo a diffondere la notizia: stando alle informazioni riportate dalla testata, l’ex cancelliere è deceduto nella mattinata di venerdì nella sua abitazione di Ludwigshafen, nel Bundesland della Renania-Palatinato. Era malato da tempo e costretto sulla sedia a rotelle da un ictus. Dal 1982 al 1998 Kohl fu cancelliere della Repubblica Federale Tedesca e artefice della riunificazione di BRD e DDR nel 1990. La CDU (Unione cristiano-democratica), partito di Angela Merkel di cui Kohl fu presidente per 25 anni, ha prontamente confermato il decesso dell’ex cancelliere con il seguente tweet: “Siamo a lutto. Rip Helmut Kohl”.

Helmut Kohl
Tweet della CDU dopo la morte di Helmut Kohl

Chi era Helmut Kohl

L’ex cancelliere Helmut Kohl detiene il record per il periodo di carica più lungo di sempre: 16 anni. Viene ricordato come padre della riunificazione, ma anche come “architetto” del Trattato di Maastricht che spianò la strada all’istituzione dell’Unione Europea e sostenitore della moneta unica. Dal 1973 al 1998 fu anche presidente del partito della CDU. Il suo più grande traguardo fu il processo di riunificazione delle due Germanie. All’inizio degli anni Novanta fece da “padre adottivo” ad Angela Merkel, nel partito e nel governo. Il controverso scandalo di donazioni illegali al partito in cui Kohl rimase coinvolto gli costò la presidenza onoraria della CDU nel 2000. Questo episodio danneggiò la sua eredità politica. Helmut Kohl viene comunque ricordato come uno dei più importanti leader europei della seconda metà del XX secolo.


Foto di copertina: Bonn, Pressekonferenz Bundestagswahlkampf, Kohl © Engelbert Reineke CC BY-SA 3.0 DE

Related Posts

  • 10000
    La Cancelliera Angela Merkel ha dichiarato nella conferenza stampa di domenica 20 novembre che si candiderà per la quarta volta come cancelliera: «Oggi ho detto alla presidenza del mio partito, la CDU di Germania, che sono pronta a candidarmi di nuovo al congresso di Essen del 6 dicembre per la carica di presidente…
  • 10000
    Helmut Schmidt non è stato un politico qualunque né soltanto uno degli ex cancellieri tedeschi. Era la coscienza critica di una nazione. Con il suo stile pacato e diretto, con le sue analisi lucide e incisive, con quel suo tratto a volte impertinente, ma sempre educato, era molto amato anche…
  • 10000
    «Il mio ristorante divenne ben presto un punto di riferimento a livello internazionale, perché si mangiava come in Italia ed era frequentato dai personaggi più importanti dell'epoca: di volta in volta Herbert von Karajan, Romy Schneider, Jack Nicholson, Willy Brandt, Helmut Kohl, Freddie Mercury e i Queen, Depeche Mode, Pelè,…
  • 10000
    Ogni anno, dal 1968, intorno ai tavoli del ristorante Bacco di Marburger Strasse 5, a due passi dal Ku'damm, si siedono non solo gli amanti del buon cibo italiano, ma anche, sempre che le cose non coincidano, alcune delle più grandi personalità della politica e della cultura internazionale. Freddy Mercury,…
  • 10000
    L’opinione pubblica tedesca non vede di buon occhio il comportamento della Grecia, proprio per niente. Così facendo, si dimentica però di come la metà dei debiti contratti da Berlino durante le due guerre mondiali fu azzerata con l’accordo di Londra del 1953: tra i creditori, c’era anche la Grecia. Poco…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply