È morto Manuel Marín, l’inventore dei programmi Erasmus. Ha cambiato la vita di tanti di noi. La sua storia.

È morto a Madrid il politico spagnolo Manuel Marín. È stato un politico sia nazionale sia europeo, sotto la cui guida è nato il programma Erasmus. È morto lunedì all’età di 68 anni.

Il “padre del progetto Erasmus” Manuel Marín è morto lunedì a Madrid a 68 anni in seguito a una lunga malattia. Secondo i media spagnoli, la morte è avvenuta per via di un cancro. Il politico spagnolo ha svolto un ruolo chiave nei colloqui per l’integrazione della Spagna prima nella Comunità Europea e successivamente nell’Unione europea. Ha occupato anche ruoli di alto livello all’interno della Commissione Europea, implementando il noto progetto di mobilità europea per l’istruzione e la formazione e cambiando la vita di molti di noi, testimonial di un sentimento europeo che poco ha a che fare con l’economia, ma molto con le esperienze, il cuore e le amicizie. Come scrivemmo qui, in più di 25 anni di attività l’Erasmus ha portato a più di un milione di bambini nati da coppie internazionali frutto di quel programma.

Chi è stato Manuel Marìn

Manuel Marìn González, classe 1949, è stato un politico nazionale ed europeo. Faceva parte del Partito Socialista Operaio Spagnolo (PSOE), secondo partito più antico della Spagna fondato nel 1879 . Oggi il partito si colloca, per ideologia, tra i partiti socialdemocratici europei. Manuel Marìn – come riporta Zeit.de -ha svolto un ruolo chiave nei negoziati per l’adesione della Spagna alla Comunità Europea nel 1986. È stato vicepresidente della Commissione Europea, sotto la presidenza di Jacques Delors, ricoprendo importanti incarichi come Commissario per l’istruzione, l’occupazione e gli affari sociali. Sotto la sua supervisione, la Comunità Europea ha adottato il programma Erasmus nel 1987. Programma che consente ai partecipanti di studiare all’estero. Il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, ha speso per lui parole di elogio definendolo «il padre del programma Erasmus».

Il programma Erasmus

Il programma Erasmus è stato adottato nel 1987. Dal 2014 è denominato Erasmus Plus. Si tratta del programma di mobilità dell’UE per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. Ad oggi, circa nove milioni di persone hanno beneficiato del programma. Prende il nome dallo studioso olandese del 1400 Erasmo da Rotterdam, che ha diffuso i suoi insegnamenti in molte città europee. Il suo obiettivo è rafforzare la mobilità nel settore dell’apprendimento in Europa, promuovendo l’occupazione giovanile in Europa: grazie ad Erasmus milioni di giovani hanno goduto e continuano a godere di borse di studio europee, con la possibilità di formarsi e fare esperienze in un altro stato europeo. Dal 2014, il programma prevede il coinvolgimento non solo degli studenti universitari, ma di tutti gli studenti a partire dai 13 anni. Gli obiettivi del programma sono: ridurre la disoccupazione giovanile e l’abbandono scolastico in Europa e promuovere la collaborazione, la mobilità e l’innovazione nei giovani europei. Sul sito ufficiale europeo, è possibile trovare tutte le informazioni utili come le opportunità che offre e i requisiti necessari per prenderne parte.

Banner Scuola Schule

 Immagine di copertina: © Youtube

Rosellina Neri

Nata a Roma, a 10 anni mi sono trasferita a Lipari alle Isole Eolie, dove ho vissuto in barca per qualche anno. L'isola la considero casa, in ogni suo scorcio, in ogni sua luce e in ogni suo scoglio. Ho iniziato gli studi in Giurisprudenza a Palermo, terra natale di mia madre. Ora vivo a Berlino e ho portato con me la voglia di scrivere. "Da grande", mi piacerebbe essere una giornalista.

Leave a Reply