E poi Berlino diventa “casa” e ti chiedi che fine abbia fatto la tua generazione in Italia

Oggi mi sono affacciato alla finestra del mio appartamento a Berlino è per la prima volta per un attimo ho provato quella sensazione. La stessa di quando mi affacciavo al balcone a Napoli in passato o a Gaeta nelle mie estati. Quella sensazione che ti fa respirare l’aria, scrutare gli angoli, che nel momento in cui passa qualcuno ti fa dire “Io non ti conosco, ma in realtà ti conosco”. Non è una sensazione che si può provare spesso. Due, tre volte nella vita. Una. Se si è davvero sfortunati, mai.

Sono tre anni che ormai siamo qui tra lavoro, fatica, solitudini. Ma anche sorrisi, sorprese, soddisfazioni. Guardo negli occhi la mia generazione e mi chiedo cosa saremo davvero in grado di costruire. Quale presente stiamo vivendo e quale futuro immaginiamo, se ormai lo facciamo ancora. Come istruiremo i nostri figli, come li formeremo. Gli diremo che il mondo è bello o brutto? Che la vita è un sogno o una fatica? Che illusioni gli regaleremo? Non lo so.

Sono tre anni che parlo con quelli come me e non ne vengo a capo. Anche nei successi migliori vedo una tristezza latente. Lì, nel fondo. Dove riversiamo tutto quello che non vogliamo vedere. Dove nascondiamo le nostre paure. Dove quella sensazione che ho provato oggi non ci raggiunge.

Ma questo è il nostro tempo e dobbiamo andare avanti. Senza tanti incanti, ma neanche oppressi dalle delusioni. Siamo pur sempre più fortunati di altri e non è un affare da poco. Possiamo ancora affacciarci ad una finestra una domenica pomeriggio e, nel momento in cui un raggio di sole dal nulla ci sfiora il viso, sentirci finalmente a casa.


banner3okok (1)

Related Posts

  • 65
    di Pièe Piny La mia esperienza con l'agenzia XXXXXX XXXXXXX, non italiana, con nome inglese e base a Berlino, ha inizio a novembre del 2015. Dopo essermi trasferito a Berlino comincio, con molte difficoltà, a cercare casa. Guardo su vari siti. Su una celebre piattaforma  di case in affitto che ti permette di…
    Tags: non, è, mi, per, in, casa, berlino, come, si
  • 65
    Storia vera. Sono le undici di sera, Gaia ha passato una bella domenica pomeriggio con il suo ragazzo venuto appositamente tre giorni prima dalla Svizzera, è una di quelle relazioni a distanza che si infiammano il weekend quando uno dei due percorre centinaia di chilometri per dimostrare che il proprio amore…
    Tags: è, non, si, per, in, berlino, come, casa
  • 63
    E' vero, non bisogna mai generalizzare. Ma è altrettanto vero che, quando torniamo in Italia dopo aver vissuto in Germania per un po', non possiamo fare a meno di notare quei comportamenti così tipicamente italiani che quasi ce li eravamo dimenticati durante il soggiorno in terra tedesca. E come alcuni possono…
    Tags: non, in, mi, è, per, si, se, berlino
  • 62
    Berlino? Per descriverne fascino, creatività e contraddizioni spesso bastano una manciata di foto per strada scattate al momento giusto. Ci vuole occhio e curiosità, qualità che non mancano alla vicentina Giulia Filippi. 22 anni, si trasferisce a Berlino nel 2012. Con sé si porta una laurea triennale ottenuta all'Istituto Europeo di Design di Milano.…
    Tags: per, berlino, come, non, mi, anni, si, nel, in, se
  • 60
    Il fascino di Berlino, a quasi due anni di distanza dal mio arrivo resta immutato. Certo due anni non sono tanti ma non sono neanche pochi. "Povera ma sexy" l'aveva definita un suo sindaco qualche anno fa, ed è sicuramente una definizione appropriata. Se Berlino fosse una persona sarebbe sicuramente…
    Tags: berlino, è, in, per, ti, non, anni

Gabriele Iaconis

Gabriele Iaconis è nato a Napoli nel 1985. È laureato al corso magistrale di Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale ed Ambientale presso la Federico II di Napoli. È appassionato di lettura e scrittura e non osa immaginare un mondo senza libri. Ha pubblicato due romanzi: Un motivo in più per guardare il cielo (Boopen LED 2010) e Buenos Aires (Homo Scrivens 2012) nonché racconti in varie antologie. Vive a Berlino dal novembre 2013 e si trova benissimo. Spera di continuare a scrivere e leggere il più possibile.

Leave a Reply