Everyness, in scena a Berlino lo spettacolo che mixa balletto, arti marziali e street dance

Balletto, arti marziali e street dance: questo insolito mix di elementi andrà in scena a Berlino grazie a Everyness, spettacolo di danza diretto dai due celebri coreografi Honji Wang e Sébastien Ramirez. Everyness sarà ospite del festival Tanz im August dal 26 al 28 agosto 2016 presso lo spazio RADIALSYSTEM V. La testata inglese Evening standard ha scritto dello spettacolo definendolo “poesia che sfida la gravità”.

La performance. Everyness è uno spettacolo di danza che fonde hip hop, arti marziali e balletto: i performer volano e fluttuano sulla scena, dando vita a immagini poetiche e fortemente espressive attraverso il movimento dei propri corpi.  Per le coreografie, come già per il precedente spettacolo di grande successo dal titolo Borderline, Wang e Ramirez si servono di una fune metallica sulla scena, utilizzando una tecnica comunemente adottata nei film sulle arti marziali.

Il duo Wang-Ramirez. Figlia di genitori coreani, Hyun-Jung Wang (in arte Honji) è cresciuta a Francoforte sul Meno. Ha studiato balletto per poi diventare allenatrice di ginnastica, arti marziali e hip hop. Trasferitasi a Berlino, Wang si è immediatamente affermata sulla scena di break dance della capitale, lavorando dapprima per videoclip musicali e spot pubblicitari, poi anche per il teatro. L’incontro con Ramirez nel 2005 a Berlino ha segnato l’inizio di una proficua collaborazione artistica. Di nazionalità francese, ma con radici catalane, Sébastien Ramirez lavora dal 1996 come coreografo e ballerino professionista. Durante la sua brillante carriera, Ramirez ha collaborato fra gli altri con i ballerini berlinesi Nils ‘Storm’ Robitzky e Raphael Hillebrand. Dal 2005 in poi, il duo Wang-Ramirez ha collezionato numerosi successi a livello internazionale, dalla produzione Monchichi allo spettacolo True Blue Market. Nel 2011 la coppia è stata premiata al concorso per coreografi di Hannover con il primo premio e il premio del pubblico. Di recente i due hanno ottenuto a New York il riconoscimento Bessie. Il debutto di Everyness nella capitale tedesca rappresenta per i due artisti un gran ritorno alle origini della propria carriera.

Tanz im August: Everyness

Wang Ramirez

Quando: venerdì 26 agosto 2016, ore 19; sabato 27 agosto 2016, ore 19; domenica 28 agosto 2016, ore 17

Dove: Radialsystem V, Holzmarktstr. 33, 10243 Berlino

Biglietti: intero 15€/20€/25€; ridotto 10€/15€/20€

banner3okok (1)

Foto di copertina © G. Cuartero

Related Posts

  • In arrivo a Berlino un appuntamento da non perdere per tutti gli amanti della danza. La scena teatrale della capitale tedesca sta per inaugurare il festival Tanz im August, uno dei più grandi raduni di teatro-danza contemporanea del momento, quest'anno alla sua 28esima edizione. La manifestazione si terrà dal 12…
  • Torna a Berlino dopo essersi fatto desiderare a lungo il ballerino e coreografo ucraino Vladimir Malakhov. Soltanto due le date in programma nella capitale tedesca: la nuova edizione del suo acclamato spettacolo Malakhov & Friends andrà in scena il 2 e 3 settembre 2016 all'Admiralspalast. Ad esibirsi accanto a Malakhov saranno altre stelle…
  • Forse non tutti sanno che i teatri, a Berlino, sono piuttosto frequentati, sia dai tedeschi che da stranieri. Nonostante l'intralcio della lingua, che può effettivamente rappresentare un grande ostacolo, tutti possono partecipare pur non essendo ferrati nella paurosissima e temutissima lingua tedesca. Questo perchè la città offre un'ampia gamma di…
  • Uno spazio vuoto, una scenografia minimalista, una ballerina che si muove sulla scena sempre più velocemente e affannosamente creando un climax di tensione ascendente. Così inizia lo show "Fugen" di Isabelle Schad, ballerina e coreografa tedesca impegnata in una ricerca che studia il corpo e la sua materialità in funzione della…
  • Salvatore Siciliano torna in scena venerdì 16 e sabato 17 gennaio al Theaterhaus di Berlino, e lo fa con il suo nuovo spettacolo di danza contemporanea intitolato “ORIKBEM”. «Orikbem è l’espressione più chiara di noi stessi, una stanza dove non serve il vestito della vergogna e dove ognuno può mostrare…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply