Febbre Pokémon Go, occhio a non distrarsi: gli avvertimenti della polizia di Berlino

13680433-543148139202628-7232408727970102914-o

L’applicazione sviluppata dalla Nintendo “Pokemon Go”, sta davvero avendo tantissimo successo anche a Berlino. Ma nell’euforia del momento, felici di trovare un Pokémon in Warschauer Straße ,o mentre si scende dalla metro di Alexander Platz, bisogna stare attenti, avverte la Polizia di Berlino. «Acchiappateli, ma non a ogni costo», si legge in un comunicato sulla sua pagina Facebook dove si allude all’ormai celebre slogan della campagna Nintendo, gotta catch ‘em all.

Il comunicato. «Non c’è nessun problema che le persone escano per cercare Pokémon o che addirittura si riuniscano in gruppi per giocare. Ma non si deve mettere in pericolo l’incolumità degli altri cittadini», si legge. «C’è il rischio che ci si possa distrarre diventando un pericolo per gli altri, soprattutto nel traffico di una grande città come Berlino. Quindi state attenti a voi stessi e gli altri, affinché la gioia di giocare non si trasformi in un rischio». «Anche perché», minaccia scherzosamente il social media manager della polizia, «se ci fate intervenire per un incidente causato dalla distrazione Pokèmon, non saremo molto felici…». Suggerimenti per i quali sembrerebbe sufficiente il buon senso, ma evidentemente non è così. E la polizia di Berlino, come tante altre nel mondo, preferisce nel dubbio ribadire il concetto. Anche se, per adesso, con simpatia.

13700032_10210009281294471_6805213121558408995_n

Multe ai ciclisti. I toni, insomma, sono concilianti ma la polizia di Berlino è pronta a sfoderare, oltre alla carota, anche il bastone contro chi continua ad assumere atteggiamenti irresponsabili. Così, in zona Prenzlauer Berg, è già stata comminata la prima multa a un ciclista che procedeva a velocità piuttosto spedita con uno smartphone in mano e concentrato sui dintorni anziché sulla sua strada. L’uomo, alla ricerca di Pokèmon, è stato fermato da un agente e multato per 25 euro. «Poi i punti conquistati giocando non vi restituiranno i soldi», conclude caustica la polizia sempre sulla sua pagina.

Un successo planetario. Ormai Pokèmon Go ha raggiunto record inimmaginabili, e la Nintendo è rinata grazie a questo successo. A Berlino è un vero e proprio fenomeno, tanto che è stata stilata un lista dei posti dove è possibile catturare Pokèmon più rari, e quella dei club dove è anche possibile giocare. Qualche giorno fa ha suscitato indignazione la notizia che sono stati sorpresi giocatori nei pressi del memoriale di Auschwitz e in quello dell’Olocausto nel centro di Berlino.

banner3okok (1)

 

 

 

 

Foto di copertina © Polizei Berlin

Related Posts

  • Quattro ricoverati in ospedale ed una rissa che ha coinvolto sette persone e poteva finire in maniera più grave: è il bilancio degli scontri andati in scena martedì notte a Brema. La causa, secondo le indiscrezioni raccolte da diversi media locali (qui la Welt), sarebbe legata a rivalità nate a causa…
  • Da martedì a Berlino sono in tanti a camminare per le strade della città fissando gli smartphone e provando a catturare uno dei Pokémon che appaiono sullo schermo. Anche in Germania, infatti, è ora disponibile Pokémon Go, il nuovo videogioco per smartphone creato da Nintendo e Niantic e dedicato ai personaggi inventati nel…
  • Pokémon Go è un po' il caso dell'estate. Alla Nintendo ci si aspettava un successo ma probabilmente non a questi livelli: le azioni della casa giapponese sono schizzate alle stelle dopo mesi di torpore ed il sito è stato più visitato di Youporn, un record non facile da battere. Ma a…
  • Secondo informazioni della rbb, il 24enne tunisino Anis Amri, sospettato di essere l'esecutore dell'attentato di Breitscheidplatz, sarebbe stato ripreso da una videocamera poche ore dopo l'attacco nel quartiere berlinese di Moabit nei pressi di una moschea. La stessa moschea è stata perquisita stamattina dalla polizia e già definita da altri ambienti islamici della capitale…
  • Una delle cose che maggiormente colpisce noi italiani che arriviamo a Berlino, o almeno una parte di noi, è la grande quantità di cani che girano liberi, senza guinzaglio, quasi fossero essi stessi l'emblema del senso di libertà generale che si respira in questa strana e unica città; ovviamente, questo…

Leave a Reply