I frigoriferi aperti 24/24 h sparsi per Berlino e a disposizione di chiunque. Ecco dove sono.

Frigoriferi in giro per la città aperti 24 ore su 24 a disposizione sia di chi vuole donare qualcosa che di chi ne ha bisogno o semplicemente detesta l’idea dello spreco. Sono ben due a Berlino. Uno si trova nel quartiere di Prenzlauer Berg, su Malmöstrasse 29 all’interno di uno dei capannoni dell’Hausproject M29, l’altro, in realtà doppio, a Kreuzberg, nel cortile delle Tommy-Weisbecker-Hauses su Wilhelm Strasse 9, completamente all’aria aperta. Dentro ci si può trovare di tutto, non solo il cibo di turisti e berlinesi che non fanno in tempo a consumare quanto acquistato prima di partire. “Parte del cibo viene portato anche dai gestori di banchi di mercatini biologici, da panetterie e ristoranti. Sono le loro eccedenze” spiega alla BZ Lisa Berger, una delle promotrici dell’iniziativa attraverso il sito Lebensmittelretten.de.

Ai due frigoriferi “sempre a disposizione” devono poi aggiungersene altri diciannove sparsi per tutta la città ospitati dentro esercizi commerciali di cui, logicamente, finiscono con il seguire gli orari di apertura. Ecco quindi panetterie, erboristerie, empori di bibite e tanto altro. Tutti possono donare o prendere in maniera anonima e senza nessun passaggio burocratico. L’intenzione è quella non solo di aiutare i più bisognosi, ma di sviluppare una coscienza sociale che si batta contro gli sprechi del cibo. Secondo il Tagesspiegel in Germania circa 82 kg di cibo commestibile  a persona vengono buttati ogni anno nella spazzatura. C’è un solo imperativo quando si ritira del cibo: “Prendere solo ciò che si consumerà per sé stessi”, mentre se CONTINUA SU WIRED.IT

Related Posts

  • Bisogna essere orgogliosi della "giovane" ristorazione italiana a Berlino portata da italiani che non si accontentano di ricercare il successo esponendo una bandiera tricolore nell'insegna esterna e riempiendo il menù di pizze di poco valore e paste piene di panna. No, loro puntano sui prodotti di qualità e sulla cucina regionale e/o…
  • La Panna Bio - di Claudia Valentini (dal Workshop di Scrittura Creativa “Scrittori Emigranti”, racconto scritto in occasione della Passeggiata Letteraria) Ciao, sono la panna da cucina di soia e a te che mi stai per comprare chiedo: “Ma che campi a fa'?” Eh c'hai ragione, cara mia. Mi sono ridotta…
  • Il 31 Gennaio 2016, a Berlino musei, teatri e anche i due zoo saranno ad ingresso libero. Lo ha deciso il senato cittadino lo scorso giovedì per ringraziare i residenti e il loro impegno e solidarietà a favore dei rifugiati. "Senza le loro donazioni di abiti, giocattoli, medicine e cibo, la città…
  • Un festival d'arte lì dove meno ci si aspetterebbe l'arte Späti è l'abbreviazione amichevole di Spätkauf, acquisto in ritardo, ovvero drogherie/tabaccai dove acquistare qualsiasi cosa a qualsiasi ora. La roba è spesso accatastata, ci sono junk food, bibite, sigarette, ricariche per cellulari e tanto altro, anche la possibilità - ogni…
  • Vivevo a Berlino da pochi mesi e nel mio terzo appartamento da poche ore, quando, svegliandomi, ho trovato ad accogliermi sul tavolo della cucina, settantadue vasetti di yogurt e un post-it che diceva: “mangia quello che vuoi!” Poco dopo, ringraziando il mio coinquilino per quel gesto, sono venuta a conoscenza…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

One Response to “I frigoriferi aperti 24/24 h sparsi per Berlino e a disposizione di chiunque. Ecco dove sono.”

  1. Deutsch

    L’iniziativa è senz’altro meritoria è però scandaloso che in paese ricco come la Germania ci siano persone che non sanno come procurarsi il cibo. Scandaloso che uno stato che prevede una tassazione altissima non riesca a farsi carico dei suoi cittadini più deboli. Scandaloso che ci siano persone che vivono di welfare e ancora più scandaloso che altri non vivano di welfare perché per ignoranza non sono andati a bussare alla porta giusta. Certe volte mi sembra che la Germania sia un paese di contraddizioni peggio ancora dell’Italia.

    Rispondi

Leave a Reply