Finalmente la Merkel si preoccupa dei migranti via mare. E non potrebbe essere altrimenti

[sharethis] Angela Merkel migranti

Angela Merkel è stata in visita in Egitto e Tunisia dove ha incontrato i capi di Stato per discutere la situazione dei migranti economici.

La questione migranti non è più solo un problema di Italia, Spagna e Grecia, i Paesi europei che si affacciano sul Mediterraneo. Finalmente anche la Germania si muove per risolvere la situazione. Dal 2015 ad oggi infatti sono oltre un milione il numero di richiedenti asilo in Germania. Un numero destinato a salire se non si iniziano a varare politiche tese alla riduzione degli arrivi. La Merkel per prima si sta muovendo per stabile accordi con Libia, Tunisia ed Egitto. Questi paesi infatti dovrebbero per primi effettuare controlli. La situazione nel nord d’Africa però non è ancora molto stabile. I nuovi governi, frutto delle varie primavere arabe, non hanno ancora la forza per imporre politiche forti sul territorio. Oltre alla debolezza politica in queste zone si aggiunge anche la precarietà economica. «Senza una stabilizzazione politica della Libia» afferma la «non saremo in grado di fermare i trafficanti di esseri umani che operano in Libia che sono responsabili del maggior numero di arrivi in Italia.» In questo senso grande fiducia ripone la cancelliera nell’Egitto che «così come l’Algeria e la Tunisia, riveste nell’area del Nord Africa un ruolo centrale».

Il viaggio

La cancelliera tedesca Angela Merkel è atterrata giovedì in Egitto per un incontro con il presidente Abdel-Fattah el-Sissi. Venerdì ha incontrato il presidente tunisino Beji Caid Essebsi. Il capo di stato tedesco sarà accompagnato in questo viaggio da una delegazione economica che potrebbe aiutare nei negoziati, visto anche che le economie di entrambi i paesi attraversano una fase di decrescita. Il turismo in queste zone è crollato dopo le turbolenze interne e gli attacchi dei jihadisti che ha portato ad un alto tasso di disoccupazione, soprattutto i giovanile. Il viaggio riveste un ruolo importante anche in vista delle elezioni di settembre. Elezioni in cui AFD (Alternative fur Deutschland), il partito tedesco anti immigrazione, potrebbe ottenere molti più consensi.

Accordo Germania-Tunisia

Venerdì la Merkel ha sottoscritto un accordo con Beji Caid Essebsi con cui la Germania si impegna a investire 250 milioni di euro in progetti di sviluppo per le aree più povere della Tunisia. Questo accordo permetterà alla Germania di velocizzare le procedure di rimpatrio dei richiedenti asilo rifiutati. Una parte dell’accordo prevede infatti che le autorità tunisine verifichino le identità dei richiedenti asilo entro 30 giorni e che in caso di rifiuto preparino i documenti per l’espulsione entro una settimana .

La diplomazia tedesca

Questo tour nel nord Africa si inserisce in un’operazione diplomatica più vasta. Già l’anno scorso la Germania aveva guidato un accordo UE con la Turchia volto a ridurre l’afflusso di migranti in arrivo attraverso la Turchia e i Balcani occidentali. Sempre lo scorso la Merkel ha visitato Mali, Niger ed Etiopia. Un altro viaggio della cancelliera in Algeria era in programma per la scorsa settimana, ma è stato cancellato a causa delle scarse condizioni di salute del presidente Abdelaziz Bouteflika. Quest’anno la Germania detiene anche la presidenza del G20 ed ha annunciato un piano di investimenti a lungo termine tesi a ridurre la povertà e a scoraggiare la partenza dalle zone in questione.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: 51sth Munich Security Conference 2015: Dr. Angela Merkel (Federal Chancellor, Federal Republic of Germany) © Tobias Kleinschmidt CC BY 3.0 DE

Related Posts

  • 10000
    «Dal 2014 oltre diecimila uomini sono morti nel tentativo di attraversare il Mediterraneo». Croci bianche e rosse, sfondo nero, e sulle bare una scritta perentoria, UE. Il graffito, comparso su un vagone della metro di Berlino e non rivendicato, è una dura critica alle politiche di accoglienza dell'Unione Europea, accusata di chiudersi come una fortezza di…
  • 10000
    Confusione a Berlino sulle soluzioni abitative per i rifugiati. Nel 2016, in particolar modo dopo l'accordo Ue-Turchia, i flussi migratori verso la Germania sono drasticamente calati, ma nella capitale tedesca circa 4200 migranti continuano a vivere in sistemazioni di fortuna come palestre, palazzetti dello sport o gli hangar dell'ex aeroporto di…
  • 10000
    Il merkeliano «ce la facciamo» compie un anno: in occasione della conferenza stampa estiva del 31 agosto 2015, la cancelliera tedesca Angela Merkel pronunciò la fatidica frase che sarebbe passata alla storia. Oggi la dichiarazione viene da molti associata alla fase più calda della crisi migratoria in Europa e giudicata alla…
  • 10000
    Un aeroporto non è esattamente un posto in cui qualcuno sogna di vivere. Specialmente se hai meno di dieci anni, sei rifugiato e non hai nessuno spazio dove giocare. Stiamo parlando dell’ex Flughafen Tempelhof di Berlino, che da più di un anno è diventato un improvvisato centro di accoglienza che ospita quasi 2000 rifugiati.…
  • 10000
    Cosa ci si aspetta generalmente dal cinema dell'Europa sud-orientale? Musica balcanica, gitani, feste e bevute. In definitiva una perfetta sintesi di esotismo e alterità, entrambi fattori che da sempre esercitano una straordinaria forza attrattiva sullo spettatore dell'Europa occidentale, storicamente affascinato da una regione che percepisce geograficamente così vicina e allo stesso tempo…

Leave a Reply