Geni del crimine rubano 5 milioni di dollari su un aereo Lufthansa

Un furto che ha dell’incredibile si è verificato all’aeroporto di Viracopos, in Brasile: spariti 5 milioni di dollari da un aereo Lufthansa.

Maxi-furto sulle piste dell’aeroporto merci di Viracopos, in Brasile. Lo scorso 4 marzo, 5 milioni di dollari che viaggiavano a bordo di un aereo Lufthansa sono spariti. Cinque ladri si sono camuffati da addetti della sicurezza aeroportuale e sono riusciti a commettere il furto in pochi minuti. Di loro ancora nessuna traccia.

La rapina

Secondo un’inchiesta riportata su B.Z., il bottino viaggiava su un aereo della compagnia aerea tedesca Lufthansa. Il velivolo era partito dall’aeroporto di Guarulhos, in Brasile, si trovava all’aeroporto di Viracopos per uno scalo ed era diretto a Zurigo. Il maxi-furto è avvenuto poco dopo l’atterraggio all’aeroporto di Viracopos, il terzo per grandezza nella città brasiliana. Secondo Liberoreporter, i ladri sono riusciti a passare indisturbati i controlli a bordo di un furgone che riportava il logo della società che gestisce la sicurezza. Sul velivolo hanno poi immobilizzato i veri addetti alla sicurezza facendosi consegnare il denaro in contanti. Secondo il quotidiano spagnolo Folha de São Paulo, i 5 milioni di dollari in questione appartenevano alla società di trasporto di denaro Brinks. Dopo il furto, avvenuto intorno alle 21.40 di domenica 4 marzo ed eseguito in pochi minuti, i ladri si sono dati alla fuga. Le indagini della polizia non hanno ancora portato a dei nomi.

Come in un film d’azione, ma senza feriti

Gli uomini hanno agito in modo veloce ed indisturbato: si sono mossi come se recitassero in un film d’azione, sapevano già dove si trovavano i soldi e sono riusciti nel loro intento immobilizzando la sicurezza. Fortunatamente, sebbene fossero armati di fucili, non hanno avuto bisogno di utilizzarli per raggiungere il loro scopo. Secondo quanto affermato da Lufthansa in una dichiarazione ufficiale, nessuna persona è rimasta ferita. Al momento sono in corso le indagini per identificare i responsabili.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © CC0 bernswaelz

Leave a Reply