Germania, autista della Flixbus lascia a piedi una donna di colore e suo figlio

Nuovo danno d’immagine per Flixbus, la giovane compagnia tedesca che offre viaggi in bus in Europa a prezzi vantaggiosi. Lo scorso 14 agosto uno degli autisti della compagnia è ripartito dopo la pausa alla stazione di servizio di Haßloch, nella Renania-Palatinato, senza aspettare che una donna di colore e suo figlio fossero tornati a bordo. Come riportano il Berliner Morgenpost e il Rheinische Post, alcuni dei passeggeri hanno dichiarato che l’autista avrebbe espresso commenti razzisti e ignorato le loro richieste di attendere che anche la donna e suo figlio fossero risaliti sull’autobus prima di ripartire verso Düsseldorf.

«Siamo un autobus di linea, non dobbiamo aspettare nessuno». Sarebbe stata questa la frase rivolta dall’autista ai viaggiatori che erano già risaliti sull’autobus dopo la pausa di trenta minuti alla stazione di servizio. Secondo i passeggeri l’uomo è ripartito in anticipo rispetto all’orario annunciato, non aspettando intenzionalmente il ritorno della madre di colore e di suo figlio. Una ragazza di 16 anni che si trovava a bordo dell’autobus diretto a Düsseldorf ha detto alla stampa che l’autista ha raccontato l’accaduto a un collega che gli ha dato il cambio a Leverkusen. Secondo il racconto della ragazza il nuovo autista avrebbe approvato la condotta del collega dicendo: «Hai fatto bene, questi stranieri arrivano sempre troppo tardi». Pei passeggeri sarebbero poi seguiti altri commenti razzisti. Al momento la donna lasciata a Haßloch non ha ancora contattato né la compagnia né la polizia, per cui bisognerà attendere ancora per ulteriori sviluppi.

Le reazioni di Flixbus. Il portavoce dell’azienda Gregor Hintz ha dichiarato che è stata intrapresa un’indagine interna per fare chiarezza sull’accaduto. Per ora la Flixbus ha solo confermato che alcuni dei passeggeri in viaggio da Costanza a Dortmund via Düsseldorf non hanno completato il viaggio. Secondo quanto dichiarato dal portavoce, l’autista ha atteso i trenta minuti di pausa previsti prima di ripartire. «A volte capita che i passeggeri non tornino dalla pausa alla stazione di servizio, ma continueremo comunque ad indagare per chiarire la vicenda», ha dichiarato Hintz. Dopo l’odissea di quaranta passeggeri costretti dall’autista a tornare a Dortmund da Hannover, quando ormai erano già a metà del viaggio verso Berlino, questa nuova notizia non gioca di certo a favore dell’immagine della Flixbus. Anche se la polizia non ha ancora rilasciato dichiarazioni ufficiali in merito all’indagine, la reputazione dell’azienda ne esce chiaramente danneggiata.

banner fondo articolo

</p>

Foto © ubahnverleih © CC0 1.0

Related Posts

  • É stata una corsa piuttosto rocambolesca quella sperimentata lunedì mattina dai passeggeri del 168, autobus di linea della BVG, la compagnia dei trasporti di Berlino. L'autista, infatti, attraversando il quartiere di Schmöckwitz, zona sud-est di Berlino non lontana dall'aeroporto di Schönefeld, ha imboccato più volte la strada contromano ed è…

2 Responses to “Germania, autista della Flixbus lascia a piedi una donna di colore e suo figlio”

  1. anonimo

    Fa notizia solo perchè è una “donna di colore”: in realtà succede più spesso di quanto si pensi che i passeggeri (credendo che l’ autobus sia un mezzo di trasporto privato) ritornino dopo l’ orario stabilito dall’ autista (che ha una tabella di marcia da rispettare), illudendosi che tutto sia dovuto, solo perchè “di colore”. Bisogna considerare che l’ autobus è come un treno: nessuno si scandalizzerebbe se un macchinista “lasciasse a piedi” una ragazza di colore, un ragazzo canadese o un signore spagnolo, in qualsiasi stazione del mondo. Sarebbe il caso di evitare di strumentalizzare episodi del genere (ripeto, molto frequenti) solo perchè il passeggero era “di colore”.

    Rispondi
    • Gianpaolo Pepe

      Secondo diversi testimoni l’autista Flixbus sarebbe ripartito prima dell’orario concordato e si sarebbe lasciato andare a commenti razzisti sulla presunta tendenza a fare ritardo degli stranieri. Già solo questi due elementi rendono il fatto una notizia degna di essere raccontata.

      Rispondi

Leave a Reply