Germania, il governo mette in guardia: «La dieta vegana può essere pericolosa»

Una dieta vegana può apportare deficit nutrizionali e, a lungo termine, danni neurologici: è il governo tedesco ad affermarlo, sulla base di uno studio della Deutsche Gesellschaft für Ernährung (DGE), la Società Tedesca per l’Alimentazione. L’alimentazione vegana ha visto un vero e proprio boom in Germania, e in particolar modo a Berlino: secondo alcune stime avrebbero abbracciato questo stile di vita fino a 800mila persone nel Paese, circa l’1% della popolazione.

Berlino, una capitale vegana. Berlino è stata definita la “capitale vegana” ed è una città estremamente friendly verso chi decide di rinunciare alla carne e ai derivati animali. Conta più di 80.000 vegani e le iniziative vegan riscuotono sempre più successo, oltre ad essere considerevolmente aumentate nel corso degli ultimi anni. Ma il regime nutrizionale vegano potrebbe rivelarsi rischioso se adottato a lungo termine, in particolar modo per alcune categorie.

La dieta vegana non è salutare. Il governo mette in guardia tutti coloro che, per convincimenti etici, ideologici o di salute, si decidono per questo tipo di alimentazione: la dieta vegana è carente di vitamina B12, che si trova soprattutto nella carne, e questo a lungo termine può causare danni neurologici e alle funzioni cellulari. Secondo altri studiosi la mancanza di vitamina B12 può essere messa in relazione anche a depressioni e psicosi. L’alimentazione vegana, come afferma lo studio della DGE, può essere inoltre povera di vitamina D, proteine, calcio, ferro, iodio, zinco e selenio.

Niente dieta vegana per bambini e donne incinte. Il governo tedesco chiarisce come le scelte alimentari pertengano alla sfera privata. Ma specifica anche come ciò non valga ugualmente per i bambini e per tutte quelle categorie incapaci di decidere autonomamente. Nel documento, così, si sconsiglia fortemente la scelta di far seguire a bambini e adolescenti un regime alimentare vegano. Lo stesso varrebbe per le donne incinte o che sono in fase di allattamento. Infatti, i bambini allattati da madri vegane sviluppano ben presto problemi legati a carenze nutrizionali e devono assumere integratori sin dalla più tenera età.

Uno stile di vita sano. Il Bundesregierung, però, afferma anche che i vegani solitamente hanno uno stile di vita più sano di chi segue una dieta onnivora: spesso bevono meno alcol e non fumano. Infatti, alcune birre come la Guinness contengono come chiarificante una gelatina ricavata dai pesci, come riporta Wired. Inoltre, i vegani non bevono Martini rosso perché contiene un colorante artificiale derivato dagli animali. Lo stesso vale per le tic tac rosse, lo yogurt e le patatine fritte. Una dieta, insomma, assolutamente contraria a tutto ciò che non rispetta la vita altrui. Come scrive Vegan Home: «Diventare vegani è la scelta più importante da fare per cambiare in meglio il mondo. Si salvano animali, si salva l’ambiente, si combatte la fame nel mondo, si migliora la propria salute». Su quest’ultimo punto il governo tedesco ha molto da obiettare e consiglia, se proprio si vuole seguire un regime vegano ferreo, di rivolgersi a uno specialista alimentare per ottenere una dieta personalizzata sul proprio fabbisogno, senza improvvisare, ed eventualmente di ricorrere a pillole e integratori  per ovviare alle carenze più rischiose.

banner3okok (1)

Immagine di copertina (C) Moyan Brenn, Vegetables CC BY SA 2.0

Related Posts

  • Tra musica, sfilate di moda, stand informativi, cooking shows, workshops e tanto altro si apre ancora una volta il festival estivo vegano nella capitale tedesca, ormai rinomata come capitale vegana europea. Un po' di numeri. Dal 19 al 21 agosto, Alexanderplatz sarà per il sesto anno la località prescelta per il festival,…
  • Lasagna di zucca, pizza di zucca, insalate miste con pomodorini siciliani, pasta con pesto di spinaci, mandorle e semi di girasole, vini selezionati, espresso e cappuccino. A Berlino la cucina italiana è anche raw e vegan. Si chiama Officina Berlino ed è il nuovo, buonissimo, ristorante/wine-bar che la chef Giulia…
  • Secondo una recente sentenza di un tribunale di Berlino, gli alunni delle scuole berlinesi non hanno diritto ad un'alimentazione vegana nelle mense scolastiche. Il quotidiano Berlin Morgenpost racconta che un padre ha fatto causa al'istituto della figlia, una scuola elementare a tempo pieno nel quartiere di Köpenick, dopo che il…
  • Al banco prodotti freschi e al bistro campeggiano salsicce, polpette, hamburger, involtini. E infatti, a uno sguardo superficiale, sembrerebbe proprio di stare in una classica macelleria, soltanto dal design un po' più cool e giovanile. Ma da l'herbivore, prima macelleria vegana di Berlino, in realtà non c'è traccia di carne:…
  • Una guida ai 10 migliori ristoranti vegetariani e vegani di Berlino. A seguito della accresciuta consapevolezza e preoccupazione sociale sul tema alimentazione, oggi una grande fetta della popolazione decide di prendere una strada alimentare diversa e più consapevole. Riconosce quanto il cibo della grande industria sia contaminato da additivi, conservanti, ormoni e…

Giulia Mastrantoni

Laureata in inglese e francese, ama scrivere e viaggiare. Legge come se non ci fosse un domani e, non appena se ne presenta l'occasione, si butta a capofitto in nuove avventure. «Da grande» vuole non doversi mai chiedere: «E se?». Ha pubblicato i racconti "Misteri di una notte d'estate" per la Ed. Montag nel 2015 e "Veronica è mia" per la Panesi Edizioni nel 2016, sulla tematica della violenza psicologica e sessuale.

One Response to “Germania, il governo mette in guardia: «La dieta vegana può essere pericolosa»”

  1. Viviana Volpicelli

    Salve,
    Le scrivo dalla LinkaAppeal, media agency specializzata in pianificazioni pubblicitarie.
    Vorrei mettermi in contatto con Lei per acquistare spazi pubblicitari sul suo sito per conto dei nostri clienti italiani ed esteri.
    La prego gentilmente di contattarmi a mezzo mail oppure telefonando al numero 08119750540.

    Resto in attesa di un Suo gentile riscontro.

    Grazie per la cortese attenzione.

    Distinti Saluti

    Rispondi

Leave a Reply