Germania, la commovente storia del senzatetto tornato a casa dopo 23 anni

Dopo 23 anni di vita lontano dalla famiglia, di cui le ultime settimane sulla strada, la sorte del senzatetto Bernhard si è risolta con un happy end.

I fratelli Bernhard e Norbert non si vedevano da 23 anni. «Lo abbiamo cercato per molto tempo, ma era difficile entrare in contatto con lui perché si trasferiva di continuo. In alcuni momenti abbiamo addirittura temuto che fosse morto» spiega Norbert, fratello minore di Bernhard. Dopo tanti anni di lontananza, grazie a un articolo pubblicato dal giornale locale di Kiel Kieler Nachrichten, Norbert ha ritrovato il fratello e lo ha ripreso con sé. Da ora in poi Bernhard alloggerà nella cameretta di quando era ragazzo, nella casa di famiglia.

Una storia commovente

Da circa un mese Bernhard (60 anni) dormiva su una panchina all’interno di un parco e viveva in condizioni di salute decisamente precarie. A chi gli domandava come stesse, Bernhard rispondeva: «Sto aspettando soltanto la morte». Un articolo del giornale locale Kieler Nachrichten che denunciava le sue drammatiche condizioni, ha attirato l’attenzione di molti cittadini di Kiel che si sono impegnati per donare a Bernhard soldi e vestiti. La storia di Bernhard è arrivata così anche alle orecchie del padre e del fratello, che dopo la pubblicazione dell’articolo si sono messi immediatamente sulle sue tracce. Così Norbert è riuscito a ritrovare il fratello maggiore. L’ultima volta si erano visti quando Norbert aveva 29 anni. Nessuno dei due saprebbe definire precisamente i motivi dell’allontanamento di allora. Nonostante i 23 anni di lontananza, Nobert ha definito il riavvicinamento del tutto naturale: «Per me è stato come se non ci fossimo visti per 15 giorni». La reazione del papà 83enne è stata invece decisamente più emotiva, non senza pianti di gioia. Per un periodo Bernhard alloggerà nella stanza dove dormiva da bambino, almeno finché non troverà un piccolo appartamento nelle vicinanze della casa di famiglia. Se Bernhard ha così lasciato la strada e una vita di solitudine e sofferenza, non si è però voluto separare dai suoi sacchi a pelo e dal suo materassino che hanno trovato un posto nella nuova sistemazione.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Transportation © Sascha Kohlmann CC BY-SA 2.0

Related Posts

  • 36
    Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
    Tags: non, è, si, per, in, i
  • 34
    Una delle tante storie di chi vive ai margini della società a Berlino. Le stime Il numero dei senzatetto nella capitale tedesca è in continua crescita. Nonostante ad oggi non sia disponibile alcuna stima esatta, secondo una stima della Berliner Stadtmission, associazione che si occupa di fornire un posto letto, un…
    Tags: in, i, si, è, senzatetto, storia, non
  • 32
    10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è 30km orari, sulle strade un po’ più ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se…
    Tags: non, è, si, per, in, i
  • 31
    Italiano per parte di papà e tedesco per parte di mamma, Michelangelo vive a Berlino ed è in pericolo di vita. Compirà sette anni giovedì 17 novembre 2016, ma da più di tre mesi è in coma farmacologico presso l'ospedale Charité di Berlino. Michelangelo soffre di una rara forma di epilessia, in gergo…
    Tags: è, in, per, si, non, kiel
  • 30
    Circa due settimane fa divulgavamo l'appello di Alessandro Lecce: «Mio figlio Michelangelo soffre di una rara forma di epilessia ed è in coma farmacologico da oltre tre mesi presso l'ospedale Charité di Berlino. La clinica universitaria di Kiel (UKSH – Uniklinikum Schleswig-Holstein), presso la quale opera il medico Andreas van Baalen,…
    Tags: è, in, kiel, per, si, non

Leave a Reply