Germania, l’assurda storia del nuotatore nudista “pescato” al lago e finito in ospedale

Inizialmente pensava di essere rimasto impigliato in qualche alga; poi, osservando meglio, la dolorosa scoperta: era stato preso all’amo da un pescatore, e proprio «nella parte più sensibile del suo corpo», come scrive la Augsburger Allgemeine. È l’assurda disavventura capitata a un uomo (che ha preferito rimanere anonimo) mentre stava nuotando nudo nel Kaisersee, lago nei pressi di Augsburg, in Baviera.

Una pesca poco fortunata. Lo sfortunato nuotatore era un assiduo frequentatore del Kaisersee, meta molto popolare ad Augsburg sia tra i pescatori che tra bagnanti che amano nuotare in tenuta adamitica. L’uomo stava appunto nuotando a stile libero quando ha avvertito una sensazione molto spiacevole all’altezza del bacino. Ha così alzato la testa e notato un pescatore sulle rive del lago che aveva gettato l’amo nella sua direzione. Dopo aver gridato all’uomo di non tirare, il povero nuotatore si è diretto verso la riva. Una volta uscito dall’acqua, si è reso conto più precisamente di cosa fosse successo: l’amo gli aveva trafitto il pene. Impossibilitato a rimuovere l’inaspettato “piercing”, l’uomo ha tagliato il filo legato all’amo con un coltello prestatogli dal pescatore ed è tornato a casa sulla bici con cui era uscito.

L’intervento dei medici. Presa la macchina, la vittima si è diretta al pronto soccorso con l’indesiderato piercing sempre penzoloni tra le gambe. «Il dottore a cui ho spiegato la situazione non ha potuto nascondere il ghigno impresso sul suo volto», ha dichiarato alla Augsburger Allgemeine. Per fortuna i medici sono riusciti tempestivamente a rimuovere l’amo e suturare la ferita. Per il nuotatore nessuna conseguenza seria, solo l’obbligo di astenersi da docce e bagni al lago per una settimana. Il pescatore, dal canto suo, non ha mostrato particolare empatia alla sua vittima: «Mi ha detto che il Kaisersee non è ufficialmente un lago per bagnanti e che è un suo diritto pescare lì, ci sono i cartelli a provarlo. Da adesso in poi nuoterò sicuramente più avanti, lontano dalla riva», ha aggiunto il nuotatore al quotidiano bavarese.

banner3okok (1)

 

Related Posts

  • 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è 30km orari, sulle strade un po’ più ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • E' vero, non bisogna mai generalizzare. Ma è altrettanto vero che, quando torniamo in Italia dopo aver vissuto in Germania per un po', non possiamo fare a meno di notare delle differenze. Di solito si tratta di quei comportamenti così tipicamente italiani che quasi ce li eravamo dimenticati durante il soggiorno…
  • Il Club der Visionäre, uno dei club più amati di Berlino. E anche uno dei più belli. Situato tra Kreuzberg e Treptower Park, il club colpisce per la sua posizione. Il locale, infatti, si affaccia direttamente sulla Sprea. Noi ci siamo stati e vi raccontiamo come è andata. Una serata al…
  • A Berlino la pizza verace napoletana ha finalmente un ambasciatore. Acqua, farina, sale, lievito, pomodori, fior di latte, olio e basilico: gli ingredienti per una margherita sono pochi, eppure è difficile trovare una pizzeria, in Italia e, logicamente, ancora di più all'estero, che faccia venire voglia di tornarvi. Malafemmena è uno…

Leave a Reply