Germania, madre single si rifiuta di pagare il canone: condannata al carcere

[sharethis]

Una madre single di 43 anni è stata condannata a sei mesi di carcere perché si rifiuta di versare il Rundfunkbeitrag, il canone radiotelevisivo tedesco. La donna, che vive a Brandenburg an der Havel, cittadina a circa 80 chilometri a ovest di Berlino, deve pagare 309,26 euro arretrati dal 2013. In Germania il pagamento del canone è organizzato per unità abitative ed è obbligatorio per tutti, anche per chi non possiede apparecchi radio o televisori. Al momento dell’Anmeldung si deve dimostrare che un altro inquilino dell’abitazione provvede a pagarlo oppure farsene carico direttamente sul proprio conto corrente. Sempre più cittadini tedeschi, però, trovano ingiusta questa procedura che non tiene conto dell’utilizzo effettivo e si rifiutano di versare il Rundfunkbeitrag.

Il caso di Brandenburg/HavelCome riportato dal Berliner Morgenpost, il mandato di cattura contro la 43enne di Brandenburg an der Havel è stato emesso durante lo scorso agosto. La donna ha subito sporto un ricorso, che però è stato respinto dal tribunale cittadino, come confermato dalla direttrice dell’Amtsgericht Brandeburg/Havel, Adelheid von Lessen. Dopo un ulteriore ricorso la pratica è giunta al tribunale del Land di Potsdam, che ora deve decidere se dare corso al mandato di arresto.

Cosa succede a chi è insolvente. Per chi non paga il canone, almeno formalmente, sono previste conseguenze penali, tra cui il carcere. Lo scorso febbraio una donna di Geisa, in Turingia, è stata condannata a tre mesi di carcere per un caso analogo, finché l’emittente Mitteldeutsche Rundfunk non ha ritirato la sua denuncia. «Ci auguriamo che nel caso di Brandenburg an der Havel non si arrivi davvero all’arresto», ha dichiarato un portavoce dell’emittente RBB. «Chiaramente non è nel nostro interesse che qualcuno finisca in carcere a causa di arretrati del canone non pagati, ma per equità non possiamo nemmeno rinunciare all’esazione». La donna 43enne, che lavora come clown e dichiara un reddito basso, basa la sua difesa sull’argomentazione più diffusa, quella di non guardare mai la tv o ascoltare la radio.

Il rifiuto del canone. Secondo stime del Beitragsservice, l’ente che riscuote il canone per conto di ARD, ZDF e Deutschlandradio, alla fine del 2014 erano quattro milioni e mezzo i conti correnti di cittadini, imprese o istituzioni insolventi. Solo a Berlino sono circa 40.000 le persone che si rifiutano di pagare il canone e crescono sempre più petizioni e movimenti per l’abolizione dell’imposta più contestata di Germania.

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • Ci siamo. Finalmente, dopo mesi e mesi di riflessioni, è arrivato il momento che tanto aspettavi: ti sei trasferito a Berlino. Che si tratti di un periodo breve o di un progetto senza biglietto di ritorno, si tratta di una scelta da vivere con entusiasmo e ottimismo, ma anche dopo aver ponderato eventuali ostacoli e…
  • Al riparo dal caos e dal rumore del traffico, di fronte alla stazione centrale Hauptbhanhof, circondato da alte mura in una piccola oasi di tranquillità, si trova uno storico luogo della memoria: il parco didattico Geschichtspark Ehemaliges Zellengefängnis, nell’area in cui sorgeva l'antico carcere prussiano. La struttura Le ex-prigioni modello…
  • Una delle cose che maggiormente colpisce noi italiani che arriviamo a Berlino, o almeno una parte di noi, è la grande quantità di cani che girano liberi, senza guinzaglio, quasi fossero essi stessi l'emblema del senso di libertà generale che si respira in questa strana e unica città; ovviamente, questo…
  • Sempre più freelancer si spostano a Berlino. Alcuni si portano "il lavoro da casa", possono continuare a fare nella capitale tedesca ciò che già facevano in Italia, in Spagna o altrove. Altri invece le opportunità le cercano qui sul posto perché ciò che si sono portati dietro in termini di…

One Response to “Germania, madre single si rifiuta di pagare il canone: condannata al carcere”

  1. fra

    ma basta con ste tasse folli non se può piu

    Rispondi

Leave a Reply