Germania, un Paese per giovani: prima al mondo per qualità della vita under 30

La Germania è il miglior Paese in cui vivere per i giovani dai 15 ai 29 anni: lo rivela il Global Youth Development Index and Report 2016, uno studio del segretariato del Commonwealth britannico. Il report ha preso in considerazione 183 nazioni, valutandole attraverso 18 indicatori tra cui la partecipazione politica, l’accesso a cure e benessere, il livello di istruzione, le opportunità di lavoro e altri fattori decisivi per chi si trova in quella fascia d’età . E l’Italia? Il Belpaese, purtroppo, non si colloca in una posizione altrettanto prestigiosa: siamo 37esimi, dopo Costa Rica, Cile, Ungheria, Romania e Colombia.

Germania, paradiso degli under 30. Dal canto suo, la Germania guadagna la prima posizione. Un dato che non sorprende più di tanto: la Repubblica Federale è vista come locomotiva trainante dell’Europa grazie all’ottima qualità della vita, alle tante chance di lavoro e specializzazione, a un’università di alto livello e pressoché gratuita. L’Italia supera la Germania solo riguardo a salute e benessere (decima), mentre sono estremamente preoccupanti i dati riferiti alla partecipazione civica: la Germania si piazza trentasettesima, mentre l’Italia si trova addirittura al 102esimo posto. La Germania occupa poi il primo posto per la partecipazione politica, la seconda per opportunità di lavoro, l’ottava per il livello di istruzione dei suoi giovani. L’Italia invece è al 38esimo posto per l’istruzione, al 67esimo per opportunità di lavoro e all’88esimo per partecipazione politica.

L’Italia e i suoi giovani. Sole, buon cibo e rapporti umani calorosi non sono sufficienti a dare ai giovani italiani un buon motivo per restare. Nonostante quella italiana sia una repubblica fondata sul lavoro, le possibilità di avere un impiego stabile dopo la laurea sono basse. L’Italia non è un paese per giovani. Della fuga dei cervelli si è parlato tanto negli ultimi anni. Se il fenomeno non è nuovo, la sua incidenza sta sensibilmente aumentando. Secondo il rapporto Italiani nel mondo 2016, nel 2015 hanno fatto le valigie 39.410 giovani tra i 18 e i 34 anni e la loro meta preferita è stata proprio la Germania. Numeri che dovrebbero far riflettere. La nostra generazione è precaria e disoccupata. Così, i giovani, se ne vanno altrove. Allenati all’internazionalità da Erasmus, scambi culturali, master e stage all’estero durante e dopo l’università, cercano e spesso trovano fuori un’occupazione, lontano da mamma Italia. Molto spesso non sono i cervelli a voler scappare: è l’Italia stessa a dargli tante buone ragioni per allontanarsi.

Il sogno americano diventa europeo? Dallo studio arrivano anche alcune sorprese: nonostante gli Stati Uniti vantino le università più prestigiose del mondo e siano la patria della Silicon Valley, si trovano solo in 23esima posizione nella graduatoria generale. A dominare la classifica sono quasi esclusivamente i Paesi europei, ad eccezione del Giappone e dell’Australia (e del Regno Unito, a voler considerare la Brexit): nella top ten, dopo la Germania, ci sono nell’ordine Danimarca, Australia, Svizzera, Regno Unito, Olanda, Austria, Lussemburgo, Portogallo, Giappone. Il continente in cui i giovani sono più svantaggiati è invece l’Africa, le cui città occupano le ultime dieci posizioni.

Foto di copertina © Flickr – Victor van Werkhooven CC BY SA 2.0

 

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • 10000
    107.529 italiani sono espatriati nel 2015: lo rileva il rapporto «Italiani nel mondo 2016» presentato ieri a Roma dalla Fondazione Migrantes. Rispetto all'anno precedente c'è stato un incremento del 6,2 percento nelle iscrizioni all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (Aire) e un'irruzione sempre più prepotente dei millennials in cima alle statistiche. A fare le valigie sono stati…
  • 10000
    di Anna D'Ambrosio* Questo articolo è un esperimento. Intervistare due ragazze "qualsiasi", dove per qualsiasi intendiamo che non hanno nessuna storia alle spalle che farebbe notizia, ma che in qualche modo possono rappresentare le due città da cui provengono, Roma e Berlino. Da una parte abbiamo Benedetta, vive alla Garbatella,  è…
  • 10000
    Nonostante da  tempo non sia più fanalino di coda tra i Bundesländern, il tasso di disoccupazione a Berlino resta preoccupantemente alto rispetto alla invidiabile media tedesca: come comunicato dalla Bundesagentur für Arbeit (l'Agenzia federale per il lavoro) alla fine dello scorso anno, circa 186.000 persone sono attualmente senza lavoro, per…
  • 10000
    La città più felice della Germania, quanto meno quella dell’Est, non è Berlino, anzi. A rilevarlo è stata una ricerca promossa su tutto il territorio tedesco da Deutsche Post, le poste tedesche. Le conclusioni per la Germania sono abbastanza incoraggianti: su una scala di valori dove 0 rappresenta la totale infelicità e 10…
  • 10000
    Martedì 5 ottobre 2016 i magistrati tedeschi hanno deciso di non procedere contro Jan Böhmermann, il comico accusato di lesa maestà dopo aver recitato una poesia oscena sul presidente turco Recep Tayyip Erdoğan. Solo cinque giorni dopo, il presidente turco ha deciso di presentare un ricorso, che però è stato nuovamente respinto.…

Ilaria Porru

Classe 1993, sarda. E’ laureata in Lingue e Comunicazioni presso l’Università degli Studi di Cagliari. Viaggiatrice per natura, durante il suo corso di studi ha incontrato la Turchia, Paese che le ruba il cuore e da cui non riesce più a separarsi.

Leave a Reply