Germania, uomo incastrato nell’anello vibrante chiama i pompieri, loro lo sfottono su Facebook

“Un anello per domarli, un anello per trovarli, un anello per ghermirli e nel buio incatenarli.” Una filastrocca che forse sarà venuta in mente a qualcuno dei vigili del fuoco della piccola cittadina tedesca di Osnabrück, nel sud della Sassonia, quando qualche giorno fa sono stati chiamati per un intervento di urgenza. La chiamata è giunta da un uomo che non riusciva a liberarsi del suo “cock ring” in acciaio. Per chi non lo sapesse si tratta di un anello che viene inserito alla base del pene prima dell’attività sessuale, esso blocca il defluire del sangue dall’organo permettendo di mantenere l’erezione più a lungo.

Sicuramente hanno una loro utilità fino a quando non si sbaglia misura e si resta letteralmente incastrati, come nel caso dell’uomo che ha dovuto chiamare i vigili del fuoco, un intervento che avrebbero volentieri evitato. Episodio che deve aver particolarmente colpito l’immaginario dei soccorritori tanto da portarli a scrivere un post apposito sulla loro pagina Facebook e che recita testualmente “Consigliamo ai nostri cittadini, soprattutto uomini, di consultare gli esperti prima di acquistare questo genere di anelli” e “Questo eviterà a voi di finire in ospedale per un intervento imbarazzante e a noi di essere perseguitati dagli incubi”.

Evidentemente il solo post non è bastato e meno di ventiquattr’ore dopo un secondo caso ha richiesto di nuovo l’intervento dei Vigili del fuoco, ancora una volta per liberare un uomo dal suo “anello” che questa volta era addirittura in oro.

Il consiglio degli esperti e del personale medico e di soccorso è di prestare particolare attenzione a come e dove indossare questi anelli e se proprio si deve, magari sarebbe meglio optare per quelli in silicone, sicuramente più semplici da rimuovere anche se meno trendy, da non sottovalutare anche il fatto che un anello in silicone vi metterebbe al riparo dagli spietati Nazgul e dall’oscuro signore Sauron.

Fonte della notizia: Thelocal.de

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

  • Oggi in ufficio si affaccia un uomo magro, incredibilmente abbronzato, con indosso dei grossi scarponi da trekking e un cappellino di lana rossa. Ci guarda sorridendo e ci chiede se vogliamo sostenerlo. Gli domandiamo per che cosa e, allora, lui ci spiega di chiamarsi Stefan Horvath e di essere il…
  • 24h a Schlesisches Tor di Ilaria Celestini (dal Workshop di Scrittura Creativa “Scrittori Emigranti”, racconto scritto in occasione della Passeggiata Letteraria) A qualsiasi ora del giorno ti fosse capitato di passare per Schlesisches Tor, Detlef era lì. Erano ormai quasi due anni che vivevo nella piccola stanza mansardata sulla Schlesische…
  • Applausi scroscianti stanno caratterizzando da giovedì 4 dicembre, ogni sera, alle 22 circa il Duomo di Berlino. La ragione? La rappresentazione di l’Oratorio di Natale di Bach adattata dal celebre regista e direttore d'orchestra Christopg Hagel in uno variegato spettacolo composto da musica, balletto e performance acrobatiche. Hagel è abituato a…
  • Chi parte da un aeroporto per atterrare in un altro Paese, visitarlo e poi tornare in patria, alla domanda «Perché sei andato in quel posto?» vi risponderà con sicurezza. Potrà sostenere che lo ha fatto per lavoro, per staccare dalla propria routine e rilassarsi, per confrontarsi con una differente cultura o…
  • Il biliardino tedesco può essere frustrante per un italiano. È diverso il tavolo di gioco, sono diverse le regole. Ecco perché ogni tanto può essere piacevole farsi una partita "all'italiana" anche se si vive a Berlino. Mercoledì 15 Novembre alle 20.30 (ma alle 20.00 iniziano le iscrizioni) avrà vita un…

Paco Romito

Barese e fiero figlio degli anni 80, non porto spalline e capelli cotonati ma chiedetemi il titolo di qualche film o telefilm (all'epoca non si chiamavano ancora SERIE) di quegli anni e non solo annuirò compiaciuto, vi canticchierò anche la sigla. Ho giocato per 10 anni a football americano, non è rugby, anticipo la domanda. Uno sport che mi ha insegnato moltissimo sul lavoro di squadra e sul sacrificio ma anche sul fatto che i quarterback cuccano solo negli USA. Sono a Berlino da gennaio 2015 e intendo restarci.

Leave a Reply