Germania, il vicecancelliere Gabriel mostra il dito medio ai neonazisti

Venerdì scorso il vicecancelliere Sigmar Gabriel stava per tenere un comizio elettorale a Salzgitter, in Bassa Sassonia, quando è stato interrotto da un gruppo di giovani della NPD (Nationaldemokratische Partei Deutschlands), partito di estrema destra spesso accusato di attestarsi su posizioni neonaziste. Gabriel, che è presidente della SPD (il partito socialdemocratico tedesco) e non è nuovo a questo genere di attacchi, ha evidentemente perso la pazienza e ha reagito in modo non proprio istituzionale mostrando ai disturbatori il dito medio. Il video del gesto, pubblicato ieri su Facebook, è stato largamente ripreso dai media tedeschi e sta facendo discutere la Germania.

Il video. Nel filmato, apparso sulla pagina Facebook dei Junge Nationaldemokraten di Braunschweig, si vede come alcuni giovani della NPD, a volto mascherato, attacchino il vicecancelliere con cartelloni e cori, accusandolo di essere un «traditore della patria» e un «comunista». Uno dei manifestanti, alludendo alle posizioni del padre di Gabriel, convinto nazionalsocialista, lo rimprovera così: «Tuo padre amava il suo Paese. E tu che fai? Lo distruggi». Gabriel, che più volte si è distanziato pubblicamente dal passato paterno, inizialmente ride sarcastico; poi, estenuato, si gira e mostra inequivocabilmente il dito medio ai provocatori.

Le reazioni. Il gesto del vicecancelliere ha acceso un dibattito che sta dividendo la Germania: se molti sul web trovano la sua reazione divertente e tutto sommato commisurata alla provocazione ricevuta, altri fanno notare come un dito medio alzato non si addica a un’alta carica istituzionale. Già in passato Gabriel era stato al centro di attacchi dell’estrema destra tedesca, intensificatisi in seguito alla sua presa di posizione sulla questione migranti. Durante l’estate 2015 il presidente SPD aveva duramente condannato gli episodi di intolleranza contro un centro di accoglienza migranti a Heidenau, in Sassonia. Dopo le sue dichiarazioni la segreteria del partito era stata intasata da mail aggressive, minacce e insulti.

banner3okok (1)

Foto di copertina © YouTube – Screenshot

Related Posts

  • A Bautzen, Sassonia, sono quasi le nove di sera del 14 settembre. Per le strade risuona il grido di una folla minacciosa, «wir sind das Volk!», siamo noi il popolo, un tempo scandito dai cittadini della DDR contro l'odioso regime della SED e oggi sinistro slogan della Germania più oscura. Gli uomini in marcia sono…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • di Mara Bisceglie Dall'università italiana a quella tedesca: il confronto (spesso impietoso) di una studentessa Erasmus sbarcata a Berlino. Con il programma Erasmus ho avuto la possibilità di studiare per un intero anno accademico presso la Technische Universität di Berlino, potendo osservare da vicino il sistema d’istruzione tedesco e confrontarlo con…
  • Una storia da non credere. Un turista cinese è stato scambiato per un rifugiato e ha dovuto trascorrere quasi due settimane in un centro di accoglienza per migranti in Germania. La dinamica dell'incredibile equivoco, che si è svolto tra Heidelberg, nel Baden-Württemberg, e Dülmen, in Nordrhein Westfalen, non è ancora del tutto…
  • “L’Europa si trova a dover affrontare una sfida generazionale: mai prima così tante persone erano in fuga dalla persecuzione politica e dalla guerra come oggi. Molte di loro cercano protezione da noi in Europa. Viste le crisi che colpiscono i Paesi nelle nostre vicinanze, è probabile che questa situazione si…

Gianpaolo Pepe

Laureato in filosofia politica e giornalista pubblicista, i suoi interessi spaziano da Hegel alle pagelle ignoranti di Calciatori Brutti. Dal 2014 coltiva un'insana passione per la cultura e la lingua tedesche, ancora non del tutto ricambiato.

Leave a Reply