Gottfried Benn e la poesia dell’ingannevole speranza

È stato uno dei grandi poeti del ‘900 tedesco Gottfried Benn, insieme a Brecht e Celan, ma viene spesso dimenticato, forse per la sua natura schietta e riservata, per il suo rifiuto innato del mondo contemporaneo e dei suoi meccanismi sociali, elementi che lo hanno sempre tenuto a distanza dalla galassia melmosa di critica e letteratura da salotto. Il dolore, la stanchezza verso il tempo e infine un’intima consolazione: quella di accovacciarsi nella semplicità della gente comune, nel sogno di un inganno personale che in qualche modo si trasforma in speranza.

Gottfried Benn, Ultima primavera

Prendi in te le forsizie nel profondo
e quando viene, anche il sambuco al sangue
rimescola, alla tua gioia e miseria,
al cupo fondo cui sei destinato.

Lente giornate. Tutto superato.
E non chiedi se è fine o se principio,
cosí forse le ore porteranno
te ancora fino a giugno con le rose.

Gottfried Benn, Letzter Frühling

Nimm die Forsythien tief in dich hinein
und wenn der Flieder kommt, vermisch auch diesen
mit deinem Blut und Glück und Elendsein,
dem dunklen Grund, auf den du angewiesen.

Langsame Tage. Alles überwunden.
Und fragst du nicht, ob Ende, ob Beginn,
dann tragen dich vielleicht die Stunden
noch bis zum Juni mit den Rosen hin.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Rose © luci CC BY-ND 2.0

Related Posts

  • Arthur Schnitzler scrive Traumnovelle (in traduzione italiana Doppio sogno) nel 1925. Il tema principale del romanzo è la crisi che colpisce una coppia borghese primonovecentesca. Siamo negli anni del trionfo dell'esistenzialismo filosofico e della concezione freudiana del sogno, che reclama la propria importanza rispetto alla logica che contraddistingue il tempo…
  • Un amore completo, unico, che non finisce e non inizia, che non si esaurisce nel momento fisico del sesso, ma che insiste e si propaga in ogni cosa dell’esistenza. Un contatto fra le anime ed i corpi che supera tutto il resto, un bacio del "vero amore" in cui il…
  • Quasi tutti coloro che si sono avvicinati allo studio della lingua tedesca sono stati sfiorati dal pensiero di aver fatto la scelta sbagliata. Non perché studiare il tedesco sia inutile o perché ci sia qualcosa di male nell’appassionarsi alle lingue germaniche, ma perché lo sforzo che questa lingua richiede per esser…
  • Poesie tormentate, a volte sconvolgenti, spesso malinconiche, nelle quali si legge tutta la voglia di scrollarsi di dosso le contraddizioni dell'esistenza, il peso della propria anima. Georg Trakl, nato a Salisburgo nel 1887, fu uno dei più grandi poeti che la lingua tedesca abbia mai avuto la possibilità di annoverare…
  • Le opportunità lavorative offerte da Berlino sono tanto maggiori quanto più il candidato è qualificato. La conoscenza del tedesco è una competenza fondamentale per trovare impiego. Le contenute spese logistiche ed operative per le imprese e il basso costo della vita sono le ragioni per cui il panorama lavorativo della…

Leave a Reply