Nel 1941 Il grande dittatore, ecco il video di uno dei monologhi più belli di sempre

Il 7 marzo 1941 usciva nelle sale americane Il grande dittatore, uno dei più grandi film della storia del cinema del cinema. L’anteprima era stata un po’ prima, il15 ottobre 1940, a New York. Gli Stati Uniti non erano ancora entrati in guerra, lo avrebbero fatto solo a fine anno dopo l’attacco a Pearl Harbor, all’epoca (marzo) a livello ufficiale erano ancora neutrali anche se di fatto già stavano aiutando i britannici in Islanda. Dei campi di concentramento tedeschi poco o nulla si sapeva, ma che Hitler fosse “il male” già era chiaro a molti (ma non a tutti negli States), a partire da Charlie Chaplin che decise così di inaugurare la propria carriera nel cinema sonoro (fino ad allora aveva realizzato solo film muti nonostante già da dieci anni fosse arrivato il parlato). Il risultato? Uno dei film più belli di sempre, perfetto in ogni sua parte, a partire proprio da quei dialoghi che Chaplin mai aveva utilizzato prima e che si dimostrò in grado di rendere immortali.

In Italia il film uscì solo a guerra finita, il 9 aprile del 1946, nella Germania dell’Ovest addirittura il 26 agosto 1958, mentre non uscì mai ufficialmente nella Germania dell’Est.

Non ho un motivo particolare per parlarne ora, sì, c’è un anniversario, ma non è una cifra tonda, rimane però il fatto  che il monologo finale, il cosiddetto “discorso all’umanità” di Chaplin/Adeonoid Hynkel/Hitler (Chaplin e Hitler non solo si assomigliavano moltissimo, ma erano nati a soli quattro giorni di distanza), sia uno di quelli che vale sempre la pena ascoltare, a prescindere dal giorno. E dire che pare che sia stato improvvisato e provato solo una volta. Che genio che era Chaplin.

Qui sotto il video con i sottotitoli, sotto solo il testo.

“Mi dispiace, ma io non voglio fare l’Imperatore: non è il mio mestiere; non voglio governare né conquistare nessuno. Vorrei aiutare tutti, se possibile: ebrei, ariani, uomini neri e bianchi. Tutti noi esseri umani dovremmo aiutarci sempre, dovremmo godere soltanto della felicità del prossimo, non odiarci e disprezzarci l’un l’altro. In questo mondo c’è posto per tutti. La natura è ricca, è sufficiente per tutti noi; la vita può essere felice e magnifica, ma noi lo abbiamo dimenticato. L’avidità ha avvelenato i nostri cuori, ha precipitato il mondo nell’odio, ci ha condotti a passo d’oca fra le cose più abbiette. Abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi. La macchina dell’abbondanza ci ha dato povertà; la scienza ci ha trasformato in cinici; l’avidità ci ha resi duri e cattivi; pensiamo troppo e sentiamo poco. Più che macchinari, ci serve umanità; più che abilità, ci serve bontà e gentilezza. Senza queste qualità la vita è violenza e tutto è perduto. L’aviazione e la radio hanno riavvicinato le genti; la natura stessa di queste invenzioni reclama la bontà nell’uomo, reclama la fratellanza universale, l’unione dell’umanità. Perfino ora la mia voce raggiunge milioni di persone nel mondo, milioni di uomini, donne e bambini disperati, vittime di un sistema che impone agli uomini di torturare e imprigionare gente innocente. A coloro che mi odono, io dico: non disperate! L’avidità che ci comanda è solamente un male passeggero, l’amarezza di uomini che temono le vie del progresso umano. L’odio degli uomini scompare insieme ai dittatori e il potere che hanno tolto al popolo ritornerà al popolo e, qualsiasi mezzo usino, la libertà non può essere soppressa. Soldati! Non cedete a dei bruti, uomini che vi disprezzano e vi sfruttano, che vi dicono come vivere, cosa fare, cosa dire, cosa pensare, che vi irreggimentano, vi condizionano, vi trattano come bestie. Non vi consegnate a questa gente senza un’anima, uomini macchina, con macchine al posto del cervello e del cuore. Voi non siete macchine, voi non siete bestie: siete uomini!

Voi avete l’amore dell’umanità nel cuore, voi non odiate, coloro che odiano sono quelli che non hanno l’amore altrui. Soldati! Non difendete la schiavitù, ma la libertà! Ricordate nel Vangelo di S. Luca è scritto: “Il Regno di Dio è nel cuore dell’uomo”. Non di un solo uomo o di un gruppo di uomini, ma di tutti gli uomini. Voi! Voi, il popolo, avete la forza di creare le macchine, la forza di creare la felicità. Voi, il popolo, avete la forza di fare che la vita sia bella e libera; di fare di questa vita una splendida avventura. Quindi, in nome della democrazia, usiamo questa forza. Uniamoci tutti! Combattiamo per un mondo nuovo che sia migliore! Che dia a tutti gli uomini lavoro; ai giovani un futuro; ai vecchi la sicurezza. Promettendovi queste cose dei bruti sono andati al potere, mentivano! Non hanno mantenuto quelle promesse, e mai lo faranno! I dittatori forse sono liberi perché rendono schiavo il popolo. Allora combattiamo per mantenere quelle promesse! Combattiamo per liberare il mondo, eliminando confini e barriere; eliminando l’avidità, l’odio e l’intolleranza. Combattiamo per un mondo ragionevole. Un mondo in cui la scienza e il progresso diano a tutti gli uomini il benessere. Soldati, nel nome della democrazia, siate tutti uniti!

Hannah, puoi sentirmi? Dovunque tu sia, abbi fiducia. Guarda in alto, Hannah! Le nuvole si diradano: comincia a splendere il Sole. Prima o poi usciremo dall’oscurità, verso la luce e vivremo in un mondo nuovo. Un mondo più buono in cui gli uomini si solleveranno al di sopra della loro avidità, del loro odio, della loro brutalità. Guarda in alto, Hannah! L’animo umano troverà le sue ali, e finalmente comincerà a volare, a volare sull’arcobaleno verso la luce della speranza, verso il futuro. Il glorioso futuro che appartiene a te, a me, a tutti noi. Guarda in alto Hannah, lassù”

Related Posts

  • 10000
    "Sono curioso per natura. Da quando sono arrivato a Berlino - estate 2012- ogni volta che ho tempo libero giro per la città portandomi dietro la mia camera. Quando trovo luoghi o momenti particolari dal punto di vista della luce, immagini che possono emozionarmi, mi metto a registrare. Dopo un anno e mezzo passato…
  • 10000
    -Stiamo parlando del Manga Fashion di Keiichiro Kimura, ne hai sentito? -Sì! -E ti piace? -Lo amo -È davvero eccezionale! -Sì, sì sembra incredibile! Questo è solo uno degli estratti delle assurde interviste raccolte durante la settimana della moda di Milano da un'arguta intervistatrice. La Keiichiro Kimura che lei cita…
  • 10000
    “What you got under that shirt, sweetie? I bet it’s a good heart!” Cosa accadrebbe se fossero le donne a fischiare dietro il bel sedere di un ragazzo o ad affacciarsi dal finestrino di un'auto in corsa solo per gridare qualche provocante complimento ad un uomo che sta passeggiando? Si intitola…
  • 38
    La notizia arriva da uno studio belga pubblicato sulla rivista Knack: test del Dna condotti sulla famiglia di Adolf Hitler rivelano la presenza dell'aplogruppo (gruppo di cromosomi) E1b1b, molto raro sia tra i tedeschi che tra gli europei occidentali in generale. Si tratta di un'impronta genetica comune in Grecia e in Sicilia…
    Tags: per, in, hitler, non, più, è, dei, dittatore, nel, ci
  • 37
    Sono passati più di 70 anni da quando sono stati messi al bando: ancora oggi molti dei film girati in Germania durante il nazismo non possono essere proiettati o diffusi. A vietarli furono gli Alleati, che subito dopo la guerra li bollarono come film di propaganda dei nazisti. Conservati nel Filmarchiv…
    Tags: film, in, cinema, è, per, più, non, nel, nazismo

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply