Hohenschönhausen: l’ex carcere Stasi a Berlino che si visita accompagnati dagli ex detenuti

Hohenschoenhausen

Nell’odierno distretto di Lichtenberg sorge il Memoriale di Hohenschönhausen, l’ex carcere della Stasi. Il comprensorio, un tempo cucina dell’Istituto per l’Assistenza Pubblica Popolare del Partito Nazionalsocialista, alla fine della Seconda Guerra Mondiale è stato tramutato in campo di raccolta e smistamento prigionieri e dal 1951 è divenuto centro interrogatori e di detenzione della polizia sovietica, fino alla sua chiusura nel 1990. L’esistenza e la funzione di questa struttura erano sconosciute alla popolazione, dall’esterno si vedevano solo portoni di ferro, torri di sorveglianza e guardie armate. Sulla mappa del territorio era indicata solo una superficie vuota.

Subito dopo la fine della guerra furono incarcerati a Hohenschönhausen principalmente ex affiliati e simpatizzanti del partito Nazionalsocialista, mentre con la costituzione della DDR vi vennero condotti gli oppositori o traditori del regime, o presunti tali.

Questo sito di interesse storico è diventato memoriale nel 1994 e dal 2000 è una fondazione indipendente. Attraverso alcuni lavori di ristrutturazione si è resa possibile l’apertura al pubblico, contando al momento oltre 200.000 ingressi annui. Un tour di Hohenschönhausen non lascia indifferenti, specialmente se si ha come guida un ex prigioniero (come molto spesso accade), che racconta la propria testimonianza in prima persona.

Gli uomini e le donne identificati come sospetti venivano prelevati e trasportati nel centro interrogatori su una camionetta (ancora oggi visionabile) dalla quale non potevano vedere all’esterno, senza sapere il motivo del la propria cattura, né dove sarebbero stati condotti. Una volta giunte nella struttura, le persone in arresto subivano perquisizioni corporali e venivano rinchiuse separatamente, affinché non potessero comunicare tra loro. Per cercare di estorcere informazioni, la Stasi non esitava a infliggere torture di natura sia fisica sia psicologica, quali la privazione del sonno, l’obbligo a rimanere in piedi per ore, o la permanenza in celle riempite di acqua molto fredda.

Hohenschonhausen

Tra tutti gli ambienti che è possibile visitare ad Hohenschönhausen, di particolare impatto è la cosidetta U-Boot (il Sottomarino), ovvero le cantine della vecchia mensa riconvertite (con il lavoro forzato dei prigionieri detenuti nel primissimo dopoguerra) in prigione claustrofobica. Non vi erano finestre, ma solo neon accesi giorno e notte, le celle erano molto piccole, dotate solo di una panca in legno e un bidone per le necessità corporee. Alcune avevano i muri foderati in gomma (in modo che i carcerati non potessero tentare il suicidio).

Innumerevoli violenze ed ingiustizie sono state perpetrate ad Hohenschönhausen, tanti prigionieri vi hanno trovato la morte. Sentire e vedere la voglia di ricominciare a vivere di coloro che sono riusciti ad uscirne è tanto educativo quanto la visita al sito in sé. Chi scrive ha assistito ad un tour guidato da un testimone oculare, un uomo imprigionato nella struttura per ben sette volte. Con l’apertura al pubblico, ha iniziato a prestare servizio come guida nel memoriale. Ogni mattina, sulla strada verso il lavoro, incontra l’aguzzino che lo sorvegliava durante la detenzione, il quale è stato successivamente impiegato nella pulizia delle strade. Il primo istinto è stato quello di aggredirlo, di vendicarsi di tutto ciò che aveva subito. Ma la sua forza di spirito e la sua ragione hanno prevalso, consapevole che si stesse costruendo una nuova vita, un futuro, e non l’avrebbe rovinato per rispondere alla violenza con altra violenza.

Il memoriala di Hohenschönhausen si trova in Genslerstr. 66 ed è raggiungibile tramiteS-Bahn (fermata Landsberger Allee), Tram (linea M 5, Freienwalder Straße o linea M 6, Genslerstraße) o con l’autobus (Bus 256, Liebenwalder Straße)
Gli orari e le indicazioni per le visite sono consultabili sul sito ufficiale.

Gedenkstätte Berlin-Hohenschönhausen -Memoriale di Hohenschönhausen

Genslerstraße 66

13055 Berlino

030 98608230

http://www.stiftung-hsh.de/

 

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Là dove un tempo sorgeva il quartiere generale dell'organizzazione di spionaggio e sicurezza della Germania Est ora sorge un museo, il museo della Stasi. La Germania riunificata, ricostruisce - o meglio testimonia - questa fetta di storia adibendo a museo il vecchio palazzo che un tempo costituiva la sede centrale…
  • di Ubaldo Villani-Lubelli* 65 anni fa, il 7 ottobre 1949, fa nasceva la Repubblica Democratica Tedesca (DDR), la cui fondazione fu la conseguenza di una serie di eventi che resero inevitabile la divisione della Germania uscita sconfitta dalla seconda guerra mondiale. Del resto, per Stalin, la Germania, al tempo, era…
  • Berlino Est e il Muro di Berlino, alla scoperta della simboli della Guerra Fredda. Sabato 28 maggio Berlino Magazine organizza un tour per conoscere i  luoghi e la storia della parte socialista della città. Un giro di tre ore che permetterà al visitatore di scoprire i personaggi e i simboli della DDR che hanno…
  • Berlino cambia a ritmi vertiginosi e diventa sempre più decisamente una metropoli capitalistica. Ma un viaggio nei luoghi di Berlino Est è ancora un'esperienza da fare. Da luoghi imprescindibili e mainstream come la Fernsehturm di Alexanderplatz o l'East Side Gallery, passando per mete meno battute come il Café Sibylle o il Kino International:…

MarySonica

MarySonica vive a Torino da sempre ma, nel 2003, compie il viaggio a Berlino che cambierà la sua vita. Da allora è innamorata della capitale tedesca e forse, un giorno, partirà per rimanervi. Laureata in Lingue e Letterature Straniere, è appassionata di musica, lettura e tutto ciò che riguarda la subcultura dark.

Leave a Reply