I 10 luoghi da vedere nel 2018 secondo Lonely Planet. C’è una città tedesca e non è Berlino

Lonely Planet

Nella classifica dei dieci luoghi da visitare nel 2018 di Lonely Planet c’è anche una città tedesca. E si è aggiudicata il quarto posto.

Se siete ancora indecisi sulla prossima destinazione di viaggio, Lonely Planet ha la soluzione giusta per voi. Ogni anno, infatti, la casa editrice australiana celebre in tutto il mondo per le sue guide di viaggio, seleziona dieci luoghi che andrebbero assolutamente visitati nei dodici mesi successivi. La classifica stilata quest’anno (denominata “Best in travel 2018“) include non solo posti di sconvolgente bellezza paesaggistica, ma anche città che in passato non hanno ottenuto la giusta attenzione mediatica o hanno subito repentini cambiamenti culturali e socio-economici. Non soprende quindi che la medaglia d’oro sia andata a Siviglia. Il capoluogo andaluso, infatti, ha conosciuto negli ultimi dieci anni una rinascita artistica impressionante. Dopo aver ospitato il set della serie TV Il trono di spade, la città avrà modo di sfoggiare il suo splendore in occasione della trentunesima edizione degli European Film Awards. La medaglia d’argento va a Detroit, seguita dall’australiana Camberra. Giù dal podio, ma pur sempre tra i primi posti, si piazza Amburgo. La seconda città più popolosa della Germania si classifica quarta tra le migliori destinazioni del 2018.

Lonely planet
Plaza de España, Siviglia. foto: ©Pixabay, jackmac34, CC0

 

Amburgo si aggiudica il quarto posto nella Best in travel 2018

La città anseatica ha conquistato il team di Lonely Planet grazie alla sua sterminata offerta culturale e di svago. Non a caso si era posizionata settima nella classifica del 2017. Questo gioiello del Mare del Nord vanta uno dei porti più grandi d’Europa e una vita notturna che non ha nulla a che invidiare a quella della ben più rinomata Berlino. Non mancano poi quartieri multietnici, bistrò alla moda, bar sulla spiaggia, mercatini in cui confluiscono autoctoni e turisti di tutto il mondo. Basti citare il famoso Fischmarkt, il mercato del pesce, che si tiene ogni domenica mattina nei pressi del quartiere di Altona. Complice del successo della città, inoltre, è stata la recente inaugurazione dell’Elbphilharmonie. Aperta al pubblico nel 2017 dopo dieci anni di lavori, l’Elbphilharmonie è una delle sale concerti più belle mai realizzate (ne abbiamo parlato qui). “Amburgo ha un respiro così internazionale (soprattutto per i suoi club leggendari) che a volte hai addirittura l’impressione di trovarti in un altro Paese” ha dichiarato Lonely Planet in riferimento alla decisione di inserire la città anseatica tra i primi posti della classifica.

Elbphilarmonie, Amburgo. Foto: ©Pixabay, Pixaline CC0

Le città tedesche che si sono classificate in passato

La Germania è sempre stata tenuta poco in considerazione da Lonely Planet, nonostante abbia molto da offrire in termini di bellezze naturali e patrimonio artistico. Monaco di Baviera è riuscita a aggiudicarsi l’ottavo posto nella classifica “Best in travel” solo nel 2016. Tuttavia, che qualcosa stesse cambiando era già intuibile nel 2010, quando la Germania è stata inserita nella top ten dei migliori Paesi al mondo. L’anno successivo Berlino ha guadagnato la medaglia d’oro nella classifica delle “Comeback cities”, ossia delle città che sono riuscite in tempi brevissimi a diventare poli di attrazione turistica dopo anni di abbandono.

La classifica completa del 2018

1.Siviglia (Spagna)

2. Detroit (Stati Uniti)

3. Camberra (Australia)

4. Amburgo (Germania)

5. Kaohsiung (Taiwan)

6. Antwerp (Belgio)

7. Matera (Italia)

8. San Juan (Porto Rico)

9. Guanajuato (Messico)

10. Oslo (Norvegia)

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © Pixabay, the Pixelman CC0

 

 

 

 

Federica Zeppieri

Viaggiatrice instancabile e lettrice insaziabile, amo tutto ciò che rappresenta evasione fisica e mentale. Gli aeroporti e le librerie sono i miei luoghi preferiti. Adoro la sabbia, l'odore della benzina, gli ostelli sovraffollati, le supercazzole, i film trash e la polemica fine a se stessa. I miei sport preferiti sono il disegno e il trekking in solitaria. Cervello germanico e cuore latino, di giorno passeggio per le strade di Berlino, di notte sogno il Brasile.

Leave a Reply