I 10 migliori ristoranti senza glutine a Berlino

senza glutine

Il “senza glutine” è sempre più diffuso nel mondo e Berlino non fa eccezione. La città offre diversi locali dove si possono gustare cibi senza glutine, ma non per questo meno succulenti. Qui una lista dei posti che consigliamo, riportati nelle top 5 di The Culture Trip e Twisper.

The Bowl
The Bowl è un ristorante vegani in zona Friedrichshain, situato al primo piano dell’edificio che ospita il supermecato vegano Veganz. Il nome, The Bowl, non è scelto a caso: il termine sta a indicare le scodelle in cui vengono servite le gustosissime insalate tipiche del posto. Porzioni abbondanti, menù ricco. I drink sono fuori dal comune e i dolci deliziosi. I tempi d’attesa sono l’unico tasto dolente: il locale è sempre pieno e di solito occorre aspettare prima di potersi accomodare. Il servizio, però, è rapido e il personale gentilissimo. Wifi gratuito a disposizione di tutti i clienti. Ambiente molto carino.

Cielo di Berlino
Alla ricerca di una pizza senza glutine? Il locale italiano Cielo di Berlino è quello che fa per voi. Scrupolosissimi nell’evitare la contaminazione, offrono sia la pizza “classica” sia quella senza glutine a soli 2,00 euro in più. Situato in Monumentenstraße, a sud di Yorkstraße, il locale serve anche ricche insalate e dessert rigorosamente senza glutine. Un posto piccolo e accogliente. Nota dolente? Dal lunedì al sabato la pizza viene servita solo dopo le 16, la domenica, invece, dopo le 14. Ma c’è un dettaglio più che positivo da aggiungere: il formaggio con cui viene guarnita la pizza può essere richiesto nell’opzione laktosefrei, ovvero senza lattosio. Menù semplice, vario e a prezzi contenuti. C’è anche la possibilità di scegliere la “taglia” della pizza. Quella senza glutine è tuttavia disponibile solo in “taglia” small.

Eat Performance
Eat Performance è un rivenditore online che ha aperto due locali a Berlino, uno nel quartiere di Kreuzberg, l’altro in quello di Schöneberg. Al momento entrambi i locali sono chiusi per ristrutturazioni, ma vale già la pena pensare di programmare una visita. La varietà del menù di Eat Performance è incredibile. Vi si trovano pietanze senza glutine, senza latte, senza lattosio, senza zuccheri aggiunti, senza additivi e senza conservanti. Ciononostante i piatti si presentano ricchi e sfiziosi: burger, insalate, smoothie, sandwich e portate principali. Eat Performance provvede anche al servizio catering in occasione di eventi.

Chaostheorie
In Lychener Strasse, Chaostheorie è un locale vegano che anche i “carnivori” giudicano gustoso. Il brunch è ottimo, le torte senza glutine degne di nota e i drink decisamente da provare. Lo staff è molto gentile, anche con i turisti che hanno bisogno di aiuto con il menù tedesco. L’ambiente è tranquillo è ben curato.

Creperia Suzette
Situato a Prenzlauer Berg, Suzette è un locale tutto francese specializzato in crepes. Che siano dolci o salate, poco importa: sono sempre ottime. I due proprietari, Olivier e Damien, parlano correntemente inglese, francese e tedesco. Accolgono tutti con un sorriso e sono ben felici di rispondere alle domande dei clienti circa le specialità della casa. Gentili e innamorati del loro lavoro, si sono inventati una varietà di opzioni “creative” per accompagnare le crepes classiche: caramellate, con mele, alla zucca, alla pancetta. Anche i drink sono degni di nota. Il “tocco francese” è assolutamente autentico e gradevole.

Let It Be
Situato in Treptower Straße, il Let It Be è un locale vegano sicuramente da provare. L’offerta del menù è immensa: crepes, burger, sandwich, torte, golosità e snack. Ogni pietanza viene offerta anche nella variante senza glutine. Per ridurre l’impatto ambientale degli imballaggi, il locale non offre più l’opzione take away, ma per caffè e dolci viene fatta un’eccezione. Aperto dalle 16 alle 22 tutti i giorni, dalle 13 alle 22 nel weekend. Una particolarità? La musica, accuratamente scelta e mixata, compare sempre nella playlist costantemente aggiornata sul sito.

NO58 Speiserei
Mangiare senza glutine è una cosa, bere buona birra senza glutine un’altra. Al NO58 Speiserei la birra senza glutine è ottima, come pure il cibo con il quale la si può accompagnare. Una delle specialità sono i sandwich “aperti”, in cui la farcitura non è coperta da una fetta di pane. Si tratta di pasti leggeri, per tutti coloro che non hanno grande appetito e vogliono evitare gli sprechi di cibo. I prezzi sono contenuti e il menù è molto vario: dalla granola al pudding con chia, fino a bevande calde, insalate, pasti completi. Il tutto servito in un ambiente molto carino e tranquillo, ideale per un’ora di relax. Non meno importante: ci sono anche dei piatti senza lattosio. Locale segnalato sul blog GlutenFrei.

Panetteria Jute
Immaginare un celiaco in panetteria è sicuramente qualcosa di strano, ma se la panetteria è la Jute allora cambia tutto. L’unica panetteria completamente senza glutine di Berlino è un tripudio di varietà di pane: vengono mescolate farina di riso, miglio, farina di riso integrale, amido di patate e vari altri. Situata nei pressi di Eberswalder Strasse, ha costi contenuti e il brunch della domenica vale senz’altro la pena.

Ohlala
Il brunch del sabato è qualcosa di immancabile. Perché mai bisognerebbe rinunciarvi? L’Ohlala serve un ottimo brunch senza glutine e anche vegano, dalle 11 alle 15 ogni weekend. Leggero, ma variegato e succulento, adatto ai palati più esigenti. Si tratta di un locale francese dove i dolci sono davvero speciali. Situato a Friedrichshain, serve prodotti freschi e salutari. L’unica nota negativa è che non accetta prenotazioni. Ma il servizio è ottimo e il posto merita realmente una visita.

Funk You
Locale al 100% tedesco nel cuore di Friedrichshain, Funk You è un must di Berlino. Cibo assolutamente sano, rigorosamente senza glutine e decisamente sfizioso. Wrap, insalate e muesli. Dietro le scelte culinarie di questo locale si cela la convinzione che la vita frenetica del 21esimo secolo richieda energia extra. Da qui l’idea di offrire opzioni salutari e energetiche. Una visita? Occorre proprio farla.

Concludiamo segnalandovi la ” target=”_blank”>mappa Glutenfrei Berlin, utilissima e sempre aggiornata.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina Jenn.b CC BY SA 2.0

Related Posts

  • La moda delle mappe tematiche di Berlino ricalcata su quella della metropolitana si arricchisce di un nuovo argomento: i ristoranti. A realizzarla è il portale Thrillist, in passato già autore di quella dei bar e club della capitale tedesca. Ecco a voi quindi una lista più o meno discutibile (di…
  • Difficile trovare una città al mondo dove non ci sia un ristorante italiano. La scelta degli ingredienti, il rispetto per la tradizione accompagnato dal nostro desiderio innato di provare sempre qualcosa di nuovo, la cura nel servizio, l’idea che sedersi a tavola significhi stare bene: tutti questi sono elementi che…
  • Ogni anno la prestigiosa guida eno-gastronomica francese Gault & Milau stila la classifica dei migliori ristoranti berlinesi assegnando un punteggio da 0 a 20 (20 è il massimo) . Quella che segue è la classifica dei migliori ristoranti di Berlino del 2015. Ci sono vari pari-merito e così seppur le…
  • Una guida ai 10 migliori ristoranti vegetariani e vegani di Berlino. A seguito della accresciuta consapevolezza e preoccupazione sociale sul tema alimentazione, oggi una grande fetta della popolazione decide di prendere una strada alimentare diversa e più consapevole. Riconosce quanto il cibo della grande industria sia contaminato da additivi, conservanti, ormoni e…
  • Situato in una delle zone più vive di Schöneberg, il ristorante greco Berkis è specializzato in cucina tipica dell'isola di Creta. Berkis è una vera chicca che vale la pena provare a Berlino. Ideale per gustarsi una cena in compagnia, ma anche per opzioni take away, questo ristorante esporta il sapore…

Giulia Mastrantoni

Laureata in inglese e francese, ama scrivere e viaggiare. Legge come se non ci fosse un domani e, non appena se ne presenta l'occasione, si butta a capofitto in nuove avventure. «Da grande» vuole non doversi mai chiedere: «E se?». Ha pubblicato i racconti "Misteri di una notte d'estate" per la Ed. Montag nel 2015 e "Veronica è mia" per la Panesi Edizioni nel 2016, sulla tematica della violenza psicologica e sessuale.

Leave a Reply