I 5 film più importanti che saranno girati a Berlino il prossimo anno

La città di Berlino non è soltanto un grande museo a cielo aperto, ma si può trasformare all’improvviso in un meraviglioso set cinematografico dove prendono vita storie di zombie, inseguimenti rocamboleschi, romance postmoderne e documentari sulla società metropolitana contemporanea. Berlino non è solo quindi la “città del Festival”, ma anche soggetto e teatro di moltissime pellicole che poi verranno proiettate proprio nei cinema della stessa Berlinale.

Fra le decine di film che saranno girati a Berlino nel 2016 possiamo anticipare alcuni titoli. Primo fra tutti l’ultimo film della saga di Resident Evil: Resident Evil 6 – The final chapter. Protagonista, come nelle altre pellicole ispirate al celebre videogame, una splendida Milla Jovovich nella parte della bella eroina Alice. Il film verrà diretto da Paul W.S. Anderson e  alcune scene di inseguimento saranno girate nella stazione della metropolitana U-Bahnhof Bundestag. Folle di zombie appestati dal virus della perfida Umbrella Corporation saranno sotto gli occhi di curiosi e passanti in una delle fermate più affollate della città.

In Blue Mauritius del tedesco Edward Berger la città sarà invece sede dell’incontro di cinque malviventi che progettano il furto di un importantissimo e rarissimo francobollo, il Blue Penny, di cui oggi rimangono solo cinque esemplari in tutto il mondo. Nel preparare il colpo del secolo i cinque incapperanno in un collezionista assassino ed in un inflessibile quanto instancabile curatore del museo dove il francobollo è esposto.

Anche il regista statunitense Clyde R. Maliauka ha scelto Berlino come sede del suo Life Code, film bizzarro che narra di un adolescente che scopre e crea un software in grado di trasportare la sorella nella quinta dimensione e che le permetterà di cambiare l’evoluzione della propria vita modificando lo spazio-tempo secondo i propri desideri.

Il documentario Moments of happiness di Vasja Mihelcic avrà per soggetto il racconto della vita quotidiana di molte persone di tutte le nazionalità che hanno trovato a Berlino la felicità, ponendo l’accento sul valore etico della partecipazione e della responsabilità. Decine di persone che vivono ogni giorno nella città, reinventandola e reinventandosi.

The Flickering Light: opera prima di J. Michael Straczynski, autore di fumetti. Il film racconterà la drammatica vicenda realmente accaduta ad un gruppo di detenuti del campo di concentramento di Marzahn: impiegati di giorno come comuni attori nel film Tiefland della regista di regime Leni Riefenstahl e nuovamente incarcerati di notte. Verrà girato negli studios di Babelsberg.

Photo: © Till Krech CC BY SA 2.0

Related Posts

  • 10000
    State pianificando un viaggio a Berlino o vivete a Berlino e volete già procurarvi i biglietti per alcune delle sue manifestazioni? Certo, c'è molto altro a Berlino nel 2015, ma molti eventi (come i Berlin Music Days) devono ancora annunciare le date o essere confermati. Ecco quindi la lista dei…
  • 10000
    È sempre difficile raccontare un amore, ancora più arduo se ha le tinte dolenti del ricordo e del distacco. Soprattutto quando l'esilio volontario si trasforma in una scelta civile obbligata per affermare la propria libertà artistica e intellettuale, oltre alla presa di posizione risoluta contro una delle più abiette dittature…
  • 10000
    di Ubaldo Villani-Lubelli Una famosa canzone tedesca, interpretata tra gli altri da Marlene Dietrich, Hildegard Knef e, più di recente, dal popolarissimo Udo Lindenberg, recita: “ho ancora una valigia a Berlino e per questo ci devo ritornare”. Il testo descrive una condizione che accomuna migliaia di persone che hanno instaurato un legame difficilmente spiegabile e…
  • 10000
    Poco cortesi e sfacciati: anche chi vive da decenni a Berlino potrebbe non riuscire ad immedesimare al meglio l'atteggiamento che contraddistingue molti del suoi cittadini. Ci vuole allenamento, costanza, dedizione ed impegno. Almeno questo è il pensiero di , attore tedesco nato in Baviera, ma "a Berlino da un vita"…

Leave a Reply