I batteri e le malattie che si possono prendere nei mezzi pubblici di Berlino

I mezzi pubblici berlinesi sono infestati di batteri: a dirlo è un recente studio dell’impresa di pulizie ZipJet.

Al fine di stabilire il livello di sporcizia dei mezzi pubblici cittadini, i ricercatori dell’azienda ZipJet hanno analizzato campioni rilevati sui sedili di bus, tram, metropolitane e taxi a Berlino, Londra e Parigi. Come riporta Bild, i campioni sono stati analizzati dal laboratorio di Mannheim della Limbach Analytics GmbH. I risultati dello studio denunciano una situazione allarmante a Berlino, ma ancora più critica nelle capitali britannica e francese.

I risultati dello studio

Stando allo studio di ZipJet, per quanto riguarda la capitale tedesca la maggior concentrazione di batteri è stata rilevata sui sedili dei taxi: si tratta prevalentemente di enterococchi ed enterobacilli, agenti patogeni associati a colibacilli e contaminazione da feci che possono causare malattie gastrointestinali, intossicazioni alimentari, infezioni urinarie, escherichia coli e salmonella. Anche nelle metropolitane berlinesi è stato rilevato un alto numero di enterococchi ed enterobacilli. Tram e bus sono invece i mezzi pubblici più puliti a Berlino: nei tram è stata rilevata la metà dei batteri presenti sulla metropolitana; gli autobus sono in assoluto i mezzi di trasporto più igienici, a Berlino così come a Londra e Parigi. I ricercatori hanno inoltre analizzato campioni rilevati su panchine della stazione S-Bahn di Alexanderplatz: le analisi hanno confermato un’altra concentrazione di streptococchi, agenti patogeni che possono causare infezioni alla faringe, alle vie urinarie ed endocarditi. In tutte e tre le metropoli prese in esame i taxi sono i mezzi di trasporto più contaminati.

Come difendersi dai batteri

«I risultati dimostrano che tutte le nostre città sono sporche» ha dichiarato Constanze Wendt, specialista in igiene e microbiologia presso la Limbach Analytics GmbH, aggiungendo alcuni consigli al fine di difendersi dai batteri presenti nei mezzi di trasporto cittadini: «Al fine di evitare la proliferazione di batteri è importante lavarsi costantemente le mani e lavare i vestiti scrupolosamente una volta a settimana».

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: U-Bahn Alper Çuğun CC BY 2.0

Related Posts

  • Un tutto nella Berlino post riunificazione, quando, finalmente le linee della metro si fermavano ad ogni stazione, ovest come est. Il terreno completamente incolto intorno al Reichastag che si vede dalla S-Bahn che da ovest attraversa la città sembra un'immagine risalente a secoli passati, siamo però nel luglio 1990, solo…
  • Drammatico ritrovamento a Berlino. Nella notte tra venerdì 23 e sabato 24 settembre 2016, un cadavere è stato rinvenuto sul tetto di un vagone della metropolitana, presso la stazione di Möckernbrücke, linea U1, nel quartiere di Kreuzberg. Come riporta Berliner Zeitung, è stato un passeggero a dare l'allarme: verso le…
  • La comodità e l'immediatezza di usare la mappa della metro di Berlino per indicare eventi, locali o musei della città è innegabile. Questa di WImdu divide anche i club secondo il genere musicale. Una mappa dei club di Berlino divisi per genere (Techno/Electro, Indie/Alternative/Rock e Jazz/Swing) ricalcata su quella della…
  • Chiunque sia stato a Berlino, come turista o residente, conosce gli innumerevoli vantaggi del poter contare su una rete di trasporti pubblici capillare e funzionante a tutte le ore. Nella U-Bahn o nella S-Bahn di Berlino non mancano poi eventi "eccezionali", come i "No pants subway rides" o il classico…
  • La Porta di Brandeburgo da ammirare, Friedrichstrasse per lo shopping, il Tempelhofer Feld per una passeggiata per il parco, l'East Side Gallery per rendersi conto cosa rimane del muro, il Mauerpark per un mercatino domenicale, Checkpoint Charlie per rivivere le fughe dall'ex est e molto altro ancora: si intitola semplicemente Sightseeing…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply