I biglietti, i cinema, le feste, le star: guida in 10 punti alla Berlinale 2017

Dal 9 al 19 febbraio avrà vita la 67esima edizione della Berlinale. Ecco 10 cose da sapere per godersi al massimo quello che è uno dei più importanti festival del cinema al mondo.

1-I BIGLIETTI, DOVE E COME COMPRARLI

Si possono comprare con un anticipo massimo di tre giorni per i film in prima proiezione e quattro per quelli in replica. Le prevendite partono lunedì 8 febbraio (per i film dell’11). Si possono compare:

-online sul sito della Berlinale. Cliccate qui, scegliete il film e la proiezione a cui volete andare.

-all’Arkaden di Potsdamer Platz

-al Kino International (Karl-Marx-Allee 33 – Mitte)

-all’ Haus der Berliner Festspiele, (Schaperstraße 24 – Wilmersdorf).

-all’Audi City Berlin (Kufuerstendamm 195 – Charlottenburg)

-direttamente nel cinema poco prima della proiezione sempre che siano rimasti dei biglietti.

Per i prezzi vi rimandiamo a questa tabella

Prezzi diversi a seconda del film e della sala di proiezione
Prezzi diversi a seconda del film e della sala di proiezione

2-LE PROIEZIONI SONO TUTTE IN LINGUA ORIGINALE CON SOTTOTITOLI IN INGLESE

Non tutti i film hanno anche i sottotitoli in tedesco, ma l’inglese è sempre garantito.

3-LE PROIEZIONI DI GALA

Le proiezioni serali al Berlinale Palast o all’Admiral-Palast sono sempre accompagnate da almeno un membro del cast e/o dal regista e i biglietti normalmente costano qualcosa in più.

4-I RED CARPET E IL CENTRO OPERATIVO DEL FESTIVAL SONO A MARLENE DIETRICH PLATZ

Ovvero il continuo di Potsdamer Platz. E’ qui che avviene quasi tutto: al Berlinale Palast le proiezioni di ogni film in concorso con tanto di red carpet e sfilata degli invitati, mentre accanto, al Grand Hyatt Hotel, avvengono le conferenze stampa e soggiornano molte delle star invitate. Se avete poco tempo e volete solo gustarvi l’arrivo di attori e attrici di richiamo, fatevi una passeggiata da queste parti. Anche molte delle proiezioni avvengono qui tra Berlinale Palast, CineMaxx e CineStar. Il resto delle location, sparpagliato per tutta la città, è ben riassumibile da questa bella cartina realizzata dalla Berliner Zeitung. Cliccate il tasto destro, sopra l’immagine, per aprire “in un’altra finestra” a risoluzione maggiore.3372174050685168dmDataneumitlogoBerlinale-.U-Bahn

Mappa della Berlinale

5-IL MERCATO DEL FILM

Si svolge al Martin Gropius Bau che per l’occasione sospenderà la sua solita programmazione di esposizioni di mostre d’arte. Normalmente l’ingresso è solo per chi ha un pass, ma provate a chiedere una cortesia o cercate un amico con il pass che garantisca per voi. Dentro ci troverete i vari stand delle cinematografie di tutto il mondo (anche l’Italia, pronta a vendere anche i suoi peggiori film), tute con il proprio stanzino per le proiezioni private, la scrivania per siglare i contratti e tante locandine. E’ un’esperienza che, chi non ha mai fatto, dovrebbe fare se ama il cinema e vuole vedere/sapere come funziona il dietro le quinte.

6-NON TUTTI I FILM SONO IN ANTEPRIMA MONDIALE

A differenza di Venezia e Cannes, Berlino è un festival che non ci tiene molto a presentare solo film in anteprima mondiale, e molti dei suoi film sono spesso già stati presentati durante il Sundance (il festival del cinema indipendente USA che prende il via proprio in questi giorni) o altri festival.. Poiché la selezione dei film della Berlinale è spesso piuttosto discutibile e non sarebbe una novità avere una lunga serie die film in concorso degni delle migliori dormite (non brutti, ma infinitamente noiosi), è bene cercare di cautelarsi

7-LA GIURIA 2017

Presidente di giuria è quest’anno dal regista olandese Paul Verhoeven.  Altri membri: l’attrice statunitense Maggie Gyllenhaal, l’attrice tedesca Julia Jentsch, il regista e attore messicano Diego Luna, il regista e attore cinese Wang Quaran’an, la produttrice tunisina Dora Bouchoucha Fourati e l’artista islandese Olafur Eliasson. A loro il compito di assegnare l’Orso d’oro al migliore film e ai migliori attori, nonché gli altri premi della competizione principale.

8-I FILM 2017

I 10 più attesi? Difficile metterli in ordine. Ve li diciamo alla rinfusa:

-The DInner

di Oren Moverman, con Richard Gere, Steve Coogan, Laura Linney, Rebecca Hall e Chloë Sevigny, racconta di due coppie di genitori che cercano di capire come fare uscire dai guai i figli resisi colpevoli di un crimine. Se la trama vi ricorda un po’ I nostri ragazzi di Ivano De Matteo (2014) che, non a caso, negli States è stato distribuito con il titolo The Dinner, è perché l’origine è la stessa: l’omonimo libro di Herman Koch

-The Lost city of Z

di James Gray, nel cast Charlie Hunnam, Sienna Miller, Robert Pattinson e Tom Holland), storia vera di Percival Fawcett, esploratore che scomparve cercando una città misteriosa dell’Amazzonia negli anni ’20

-The Party

di Sally Potter, tragi-commedia con Emily Mortimer, Cillian Murphy, Kristin Scott Thomas, Timothy Spall e Bruno Ganz.

-Django

È il film di apertura, biopic dedicato a Django Reinhardt, genio gitano della chitarra interpretato dall’attore francese Reda Kateb

– The Other Side of Hope

di Aki Kaurismäki. Il regista finlandese è sempre una garanzia di qualità. Qui racconta l’amicizia tra un commesso viaggiatore finlandese convertitosi alla ristorazione e un rifugiato siriano in cerca di asilo politico a Helsinki

-El Bar

di Alex de la Iglesia, sarà il solito tourbillon di colori, ritmi esasperati, scene di cattivo gusto, ironia grottesca e, in definitiva, grande spettacolo che o si ama o si odia, a cui ci ha abituato il cineasta spagnolo che, qui, come ormai quasi sempre, mette al centro della storia la sua bellissima moglie Carolina Bang

-T2 Trainspotting

di Danny Boyle: il seguito di Trainspotting, 20 anni dopo. Bello o brutto che sia, se ne parlerà. E sarà interessante gustarselo sul grande schermo.

-La Reina de Espana

di Fernando Trueba, vanta Penelope Cruz nel cast ed è il sequel di La niña dei tuoi sogni, film che quasi vent’anni fa, 1998, vinse ben 7 premi Goya (gli Oscar spagnoli)

-Call Me by Your Name

di Luca Guadagnino, unico film italiano nelle sezioni principali (è in Parnoama), è un melodramma  tratto dal libro Chiamami col tuo nome di André Aciman. È ambientato in Liguria negli anni ’80 sulla relazione amorosa tra un diciassettenne musicista e un ventiquattrenne americano

-Logan

di James Mangold, con Hugh Jackman, è un film completamente incentrato su Wolwerine degli X-Men (è il terzo spin-off sul personaggio). Mangold è normalmente garanzia di qualità (suo fu Walkt the line)

9-LE FESTE

Quasi ogni film ne organizza una. E non solo loro. Lo fanno le cinematografie di vari paesi (anche l’Italia ha la sua festa), film in produzione, sponsor, sezioni del festival e così via. Come essere invitati? La cosa più semplice e passeggiare per il Martin Gropius Bau e chiedere informazioni su chi fa una festa lo stesso giorno o il giorno precedente e chi la gestisce per chiedere poi il biglietto direttamente a loro. E’ infatti nel giro delle produzioni che girano gli inviti. Se avete un aggancio, non lasciatevelo sfuggire. Le feste sono normalmente open bar (sia che siano after-party che cene) ed è questa la ragione per cui di mattina durante la Berlinale succede poco o nulla.

10-PERCHÈ LA BERLINALE È SPECIALE

Perché, a differenza di Venezia o Cannes, qui la città partecipa davvero. Tutti i quartieri si sentono coinvolti sia grazie ad iniziative come Berlinale goes Kiez che per i suoi cittadini, pronti a fare file di ore per accaparrarsi un biglietto qualsiasi e sentirsi parte della manifestazione. Il festival di Berlino è stato fondato nel 1951 nella parte ovest per ridare vita culturale e fermento ad una città semi-distrutta e spartita in settori. Un tempo sede del festival era la zona del Ku’damm. Lo spostamento a Potsdamer Platz è avvenuto solo negli anni ’90, a muro caduto. Ad oggi è il festival europeo con più crescita per numero di partecipanti sia addetti ai lavori che pubblico. La ragione? Sembra davvero una grande festa popolare aperta a tutti, senza puzza sotto il naso, ma con un unico obiettivo: amare il cinema e chi lo fa.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • 10000
    Orso d'oro alla carriera per l'italiana Milena Canonero, una delle più affermate costumiste di cinema e teatro dei nostri tempi. Fra le sue realizzazioni ricordiamo i costumi di Arancia meccanica e The Grand Budapest Hotel. Alla conferenza stampa di apertura del 31 gennaio 2017, il direttore della Berlinale Dieter Kosslick ha annunciato la…
  • 10000
    La sezione dei film in concorso alla Berlinale 2017 è completa. Annunciati i 18 film che correranno per l'Orso d'oro nella 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino dal 9 al 19 febbraio 2017. Venerdì 20 gennaio i Berliner Festspiele hanno reso noti gli ultimi titoli che vanno a…
  • 10000
    Annunciati i primi dieci film in concorso alla Berlinale 2017. La 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino si prospetta affollata di stelle. Giovedì 15 dicembre 2016 la direzione del Festival ha annunciato i primi dieci film che correranno per l'Orso d'oro tra il 9 e il 19 febbraio 2017 e 4…
  • 10000
    Si è conclusa anche questa 66esima edizione della Berlinale. Come ormai saprete a vincere l’orso d’oro è stato un docu-film italiano, “Fuocoammare” del regista Gianfranco Rosi, ambientato a Lampedusa. Un bellissimo spaccato della vita degli abitanti dell'isola e dei migranti che mettono a rischio le proprie per attraversare il canale di…
  • 57
    Dall'11 al 21 febbraio avrà vita la 66esima edizione della Berlinale. Ecco 10 cose da sapere per godersi al massimo quello che è uno dei più importanti festival del cinema al mondo. 1-I BIGLIETTI, DOVE E COME COMPRARLI Si possono comprare  con un anticipo massimo di tre giorni per i…
    Tags: per, i, film, in, è, berlinale, festival, non, l, platz

Leave a Reply