I luoghi di Kafka a Berlino, lì dove lo scrittore immaginò il celebre Processo

kafka casa berlino

Kafka a Berlino: una passeggiata tra i luoghi della capitale dove visse il celebre scrittore partendo dalla mostra

Fino al 28 agosto il Martin-Gropius-Bau di Berlino espone il manoscritto originale del Processo, il capolavoro di Franz Kafka. La piccola mostra, intitolata Franz Kafka. Der Ganze Prozess, espone i fogli autografi di uno dei più grandi e controversi autori del XX secolo, insieme ad una collezione di fotografie di Kafka e della sua famiglia, una raccolta di edizioni del romanzo in varie lingue e la proiezione del film diretto da Orson Welles del 1962. Per ogni lettore e ammiratore dell’autore praghese, la mostra è un appuntamento da non perdere, ma i veri devoti sanno che Kafka a Berlino visse per un un po’ che l’appartamento dove visse per alcuni mesi è tuttoggi visibile.

Il Processo di Kafa nacque proprio a Berlino

Nell’estate 1914 Kafka si trovava a Berlino e alloggiva all’albergo Askanischer Hof, oggi scomparso, che all’epoca si trovava a pachi passi dal Martin-Gropius-Bau. In quel periodo Kafka aveva deciso di rompere il fidanzamento con Felice Bauer, scatenando l’ira della donna. Felice chiese dunque a Kafka di incontrarsi proprio all’Askanischer Hof. Giunto all’appuntamento, Kafka si trovò davanti tre donne: Felice, la sorella  di lei Erna Bauer e Greta Bloch. Dopo quell’incontro, lo scrittore annotò nel suo diario che quel giorno gli era parso di trovarsi non in un albergo ma in «una corte di giustizia». Probabilmente fu proprio quest’incontro che gli diede l’idea per Il Processo, scritto di getto tra l’agosto 1914 e il gennaio 1915. Il romanzo, a cui Kafka continuò a lavorare fino al 1917, venne pubblicato da Max Brod nel 1925. Brod costudisce il manoscritto fino a poco prima della sua morte, quando decide di donarlo alla sua segretaria e probabile amante Esther Hoffe. Nel 1988 la Hoffe vende all’asta il manoscritto originale, il quale viene acquistato al prezzo di 3 milioni e mezzo di marchi dal governo federale tedesco, dalla fondazione culturale degli stati federali tedeschi e dallo stato del Baden-Württemberg.

Kafka 1924
Franz Kafka © Archiv Frank Wagenbach

La casa di Kafka e la tranquillità trovatata nella capitale tedesca

A pochi passi dalla Schwartzsche Villa, nel quartiere residenziale di Steglitz, a ovest di Berlino, al numero 13 di Grunewaldstraße si trova la casa dove Kafka visse insieme a Dora Diamant, ebrea di origine polacca e ultimo amore dello scrittore praghese. Kafka arrivò a Berlino nel1923. All’epoca la città richiamava artisti da tutto il mondo, proponendosi come la capitale europea dell’avanguardia artistica. Anche per Kafka il soggiorno a Berlino significava presentarsi finalmente al pubblico come scrittore, sfuggendo agli obblighi che avevano caratterizzato la sua vita a Praga. Quando arrivò nella capitale tedesca, Kafka era già malato di tubercolosi, malattia che gli causò la morte nel 1924. A prendersi cura di lui per tutto il suo soggiorno berlinese fu proprio Dora Diamant. Kafka abitava inizialmente in un piccolo appartamento a Miquelstraße 8. L’edificio è stato distrutto dalle bombe della Seconda Guerra Mondiale, e sostituito oggi da un nuovo complesso di edifici moderni. A causa di problemi con la proprietaria di casa, una piccola donna tedesca di cui Kafka parla anche nel suo diario, lo scrittore dovette lasciare l’appartamento e trasferirsi al secondo piano di Grunewaldstraße, dove visse fino alla primavera 1924.

Ripercorrere le vie di Kafka a Berlino

La vita di Kafka a Berlino è raccontata da Hans-Gerd Koch nel libro Kafka in Berlin. Come si legge nel libro, per Kafka Berlino fu la città della Sehnsucht, il luogo dove poteva sentirsi finalmente se stesso. Lo scrittore era solito passeggiare tra le strade alberate del quartiere, condividendo con Dora le proprie giornate. Da otto anni Sarah Mondegrin accompagna gli appassionati di Kafka lungo le strade percorse dallo scrittore. Attraverso le sue letture, in tedesco o in inglese, di lettere e frammenti del diario di Kafka si entra così nella vita quotidiana dello scrittore, che riveve ancora tra i verdi viali di Steglitz.

Tutte le informazioni sui walking tour organizzati da Sarah Mondegrin sono reperibili su questo sito.

 

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 

Foto di copertina © Archiv Klaus Wagenbach

Leave a Reply