«I rifugiati abbassano il livello delle scuole tedesche»

[sharethis]

I rifugiati abbassano il livello di istruzione delle scuole tedesche: lo dice uno studio dell’Istituto di economia di Colonia (IW – Institut der deutschen Wirtschaft Köln).

I rifugiati non possono colmare il bisogno di forza lavoro specializzata in Germania. Come riporta Die Welt, i risultati di uno studio condotto dall’Istituto di economia di Colonia dimostrano che i richiedenti asilo sono responsabili dell’abbassamento del livello di istruzione e dell’aumento del numero di salari bassi nel Paese.

I numeri

Il 9% dei rifugiati adulti in Germania non ha mai frequentato una scuola; il 24% di loro ha lasciato la scuola senza terminarla. Questi numeri non costituiscono una novità: già nel 2016 l’IW aveva infatti divulgato dati simili, ma all’epoca non era stata data loro grossa risonanza. Allora si guardava ai rifugiati come a moderni Gastarbeiter che avrebbero costituito la base per un nuovo miracolo economico tedesco. Ma ignorare questi dati non porta benefici per nessuno, né per i cittadini tedeschi né per i rifugiati stessi.

Investire nell’integrazione

I nuovi arrivati rappresentano una grossa sfida per il sistema scolastico tedesco. Poiché i rifugiati non costituiscono forza lavoro specializzata, la Germania deve investire molto nell’integrazione. Soltanto in questo modo si può evitare che il livello delle scuole tedesche si abbassi, con conseguenze negative per gli studenti e per l’economia del Paese. Senza investimenti immediati non si potranno evitare costi altissimi per il sistema sociale né la concorrenza nel settore dei salari bassi. Come riporta Die Welt, la Germania non può permettersi di commettere l’errore di associare la questione rifugiati al bisogno di forza lavoro, in quanto si tratta di due questioni di natura completamente diversa, l’una umanitaria, l’altra economica. In altri termini: il bisogno di forza lavoro in Germania non può essere colmato attraverso la politica dell’asilo. Ciò che serve è una solida politica d’immigrazione che porti in Germania la forza lavoro di cui il Paese necessita realmente.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Verteilaktion Schreibmaterial © gruenewien Public Domain Mark 1.0

Related Posts

  • Il dibattito sulla questione migranti è sempre più importante in Europa. Molti paesi europei si ritrovano spaccati in due. Da un lato chi è totalmente contrario ad ospitare i rifugiati, dall'altro chi è disposto ad accoglierli a braccia aperte. Una casa, una coppia omosessuale e 24 rifugiati. Questa è la…
  • Una sigaretta elettronica in bocca, la perenne voglia di ironizzare e un'espressione severa stampata in volto: così il cineasta finlandese Aki Kaurismäki ha preso parte alla conferenza stampa tenutasi dopo la proiezione in anteprima di The other side of hope, la sua ultima fatica in concorso al Festival del cinema di Berlino.…
  • Forse l'arte non può cambiare la storia, ma può aprire la mente. Così pensava nel 2014 Jonas Nipkow, studente di management 22enne, mentre il conflitto nella striscia di Gaza esplodeva nuovamente sotto gli occhi del mondo. Il suo primo progetto, magliette dipinte insieme in Israele da artisti ebrei e musulmani, si…
  • Comprare una mini-ghigliottina per decapitare i bambini rifugiati: come riporta Deutsche Welle, è questa la proposta avanzata da alcuni impiegati della PeWoBe, compagnia tedesca che si occupa della gestione degli alloggi per rifugiati a Berlino, per impiegare una donazione di 5000 euro ricevuta dalla BMW. In seguito alla pubblicazione del macabro…
  • Un'iniziativa di integrazione di successo Si parla tanto di crisi dei rifugiati, di barriere e criminalità, ma quanto sappiamo davvero delle persone che vivono il viaggio della speranza  in prima persona? Ci siamo mai chiesti perché sono qui? Con il progetto Why we're here (tradotto "perché siamo qui), l'organizzazione Refugees Voices intende…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply