Il bellissimo gesto dell’Università di Bologna che dedica due borse di studio post-laurea a Fabrizia Di Lorenzo

L’Università di Bologna annuncia la messa in palio due borse di studio in memoria di Fabrizia Di Lorenzo, una delle vittime dell’attentato di Berlino.

L’Università di Bologna Alma Mater Studiorum dedica due borse di studio alla memoria di Fabrizia Di Lorenzo, una delle 12 vittime dell’attentato di Berlino avvenuto il 19 dicembre scorso al mercatino natalizio di Breitscheidtplatz. I due premi sono destinati a laureati che hanno scritto la dissertazione finale su temi di politica e/o sicurezza internazionale o di “studi d’area”, gli stessi argomenti che Fabrizia Di Lorenzo ha trattato, con passione, quando frequentò l’Università di Bologna nella sede distaccata di Forlì, fino ad una laurea in Relazioni internazionali e diplomatiche.

Fabrizia Di Lorenzo

Originaria di Sulmona, Fabrizia viveva a Berlino dal 2013. Dopo essersi laureata in Relazioni internazionali e diplomatiche all’Università di Bologna e in Mediazione Linguistico-culturale presso La Sapienza di Roma, Fabrizia aveva deciso di traferirsi prima a Vienna e poi nella capitale tedesca, città che amava da anni. Ha lavorato prima per Car2go, poi per 4Flow, società di consulenza trasporti e logistica cercando comunque di mantenere intatta la sua passione per gli argomenti del suo percorso di studi tanto da pubblicare articoli per diverse riviste di geopolitica tra cui quella dell’IsAG, l’Istituto di Alti Studi in Geopolitica. Tra il 2014 e il 2015 ha anche collaborato per Berlino Magazine. Nelle settimane passate i suoi familiari si erano lamentati, attraverso un’intervista al Corriere della Sera, del mancato sostegno da parte delle istituzioni tedesco, dopo l’attentato.  «Nostra figlia uccisa da Amri. Dalla Germania nessun rispetto. Dalla Germania nessun rispetto». Le due borse di studio dell’Università di Bologna di certo non leniranno il dolore per la scomparsa, ma rappresentano un bel modo di ricordare una persona più che mai meritevole, gentile e sempre disponibile, al di là di quanto la situazione dl caso possa fare sembrare obbligatorio dire. Sarà bello pensare che due persone il prossimo anno potranno portare avanti la propria passione per gli studi ricordando quotidianament il suo nome. 

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina © Facebook

Related Posts

  • Nessun risarcimento per i familiari di Fabrizia Di Lorenzo, ragazza 31enne di Sulmona morta nell'attentato di Berlino del 19 dicembre 2016. «Insensibili, assenti, disorganizzati, incapaci»: queste le parole con cui la famiglia di Fabrizia descrive il comportamento delle autorità tedesche in un'intervista al Corriere della Sera, la prima rilasciata dai Di Lorenzo dopo…
  • I timori si sono purtroppo trasformati in una tragica certezza: Fabrizia Di Lorenzo, 31enne italiana che viveva e lavorava a Berlino dal 2013, è tra le vittime della strage di Breitscheidplatz. Lo conferma il ministro degli Esteri Angelino Alfano. «La magistratura tedesca ha esaurito le verifiche necessarie e purtroppo, ormai, c'è…
  • Ad un mese dal tragico attentato al mercatino di Natale di Breitscheidplatz la chiesa Heilig Kreuz di Berlino celebra una messa in italiano in commemorazione delle vittime. Giovedì 19 gennaio alle ore 20:00 presso la Heilig-Kreuz Kirche, in zona Wilmersdorf di Berlino, la Missione Cattolica Italiana, la Missione Cattolica Polacca di Berlino, la Nunziatura Apostolica e…
  • Tutte le dodici vittime dell'attentato al mercatino di Natale di Breitscheidplatz sono state identificate. Sette sono di nazionalità tedesca, una ceca, una ucraina, una israeliana, una polacca e una italiana, la 31enne di Sulmona Fabrizia Di Lorenzo. Lo ha fatto sapere il Bundeskriminalamt (BKA), la polizia criminale federale, che però per motivi…
  • A tre giorni dall'attacco che ha colpito Berlino la sera di lunedì 19 dicembre, riapre il mercatino di Natale di Breitscheidplatz. Dopo il lutto e lo sgomento, Berlino prova a ripartire. E lo fa riaprendo dopo meno di 72 ore il Weihnachtsmarkt in zona Ku'damm duramente colpito dall'attentato. In segno di rispetto non ci…

Federica Zeppieri

Viaggiatrice instancabile e lettrice insaziabile, amo tutto ciò che rappresenta evasione fisica e mentale. Gli aeroporti e le librerie sono i miei luoghi preferiti. Adoro la sabbia, l'odore della benzina, gli ostelli sovraffollati, le supercazzole, i film trash e la polemica fine a se stessa. I miei sport preferiti sono il disegno e il trekking in solitaria. Cervello germanico e cuore latino, di giorno passeggio per le strade di Berlino, di notte sogno il Brasile.

Leave a Reply