Il canale tra Kreuzberg, Treptow e Neukölln: uno degli angoli più belli, e meno conosciuti, di Berlino

[sharethis] Kreuzberg

Ci sono certi angoli di Berlino di cui a volte è meglio non parlare per non farli diventare “turistici”, ce li si tiene per sé, come piccole oasi da godersi senza il rischio di inflazione. Sono passati tre anni da quando ci venne voglia di scrivere di questo posto. Lasciammo stare. Ora di tempo ne è passato abbastanza per sentirci autorizzati a farlo. E così eccoci a parlar di quell‘angolo di terra di Kreuzberg che costeggia il Landwehrkanal lì dove il canale lambisce anche i quartieri di Treptow e Neukölln. Vi ci si arriva passeggiando o dal Paul Lincke Ufer (il lungo canale opposto al Maybachufer) o da Ratiborstrasse. Da lì, magari passando all’interno dello Jockel Biergarten, ecco ci si ritrova su di uno stretto, ma eccezionalmente suggestivo prato quasi all’altezza del fiume da cui godere alcuni dei più bei panorami cittadini soprattutto quando c’è il sole al tramonto.

Proprio qui infatti il flusso d’acqua proveniente dalla Sprea (proveniente da quel lato del fiume in cui c’è anche il Club der Visionaere) si divide in due rami, uno verso Kreuzberg (e poi Tiergarten) e un altro verso Neukölln (e poi Rudow). Quando la giornata è particolarmente calda non sarà difficile vedere gommoni e piccole imbarcazioni di berlinesi scendere in acqua da questa sponda, iniziando una navigazione che qui è abbastanza sicura.

Se siete alla ricerca di un luogo dove fare un picnic (il grill è vietato anche se in molti lo fanno lo stesso) o di un posto dove fermarsi un attimo prima di continuare una passeggiata che poi può proseguire verso Treptower Park (magari attraversando il ponte), questo è il posto giusto. 

Schermata 05-2457169 alle 09.46.39

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Photo: © Frederic Jaeckel CC By SA 2.0

Related Posts

  • 10000
    di Maria Palmieri* Berlino, novembre 2014. Inutile, ma obbligatorio dirlo: Berlino è una città particolare da fotografare (oltre che da vivere). I monumenti non sono poi così importanti, molto più interessante è la gente, ciò che accade, le sensazioni che suscita. È silenziosa e libera allo stesso tempo. La scorza è dura, ma non…
  • 10000
    Conosciuto anche come quartiere gay per eccellenza con svariati locali, party e negozi dedicati, Schöneberg colpisce per l'eleganza dei suoi palazzi, per gli spazi verdi e per il senso di rilassatezza e di tolleranza che si respira. Situato a sud-ovest di Berlino, è un altro mondo ancora all'interno della città:…
  • 10000
    Si intitola semplicemente Berlin Junction Prenzlauer Berg, lo ha realizzato l'olandese Will van Kleev in una sorta di slow motion con una Nikon D 5100 durante un pomeriggio autunnale berlinese intorno alla stazione di  Eberswalder Strasse, tra Kastanienallee, Schonhauser Allee e Danziger Strasse. Vi si vedono persone che camminano, altre…
  • 10000
    Una mattina di qualche mese ho invitato mio padre a fare colazione in un bar-panetteria del centro di Milano. Lui ha preso il solito, espresso e croissant, io un cappuccino e uno di quei tramezzini dai mille strati che tanto mi mancavano. Mentre lo gustavo, notando l'espressione esterefatta di lui che mi…
  • 10000
    L'East Side Gallery è in continua trasformazione da quando esiste, ovvero dal 1990 quando numerosi artisti da tutto il mondo diedero colore al tratto più lungo rimasto in piedi del muro di Berlino. Ma quello che sta succedendo in quella zona di Friedrichschain a riva della Sprea, è un'impennata immobiliare…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

One Response to “Il canale tra Kreuzberg, Treptow e Neukölln: uno degli angoli più belli, e meno conosciuti, di Berlino”

  1. Alfonso

    Ma è vicino al mercato turco?

    Rispondi

Leave a Reply