Il carcere tedesco dove si riabilitano gli ex combattenti dell’Isis

[sharethis] Bare-Handed. Fighting the Islamic State.

Il carcere minorile di Wiesbaden (Assia) ha all’attivo un progetto di recupero di giovani ragazzi che hanno subito l’indottrinamento dell’Isis. Diretto dall’italiano Stefano Obino, il documentario Bare-Handed (A mani nude) racconta la loro storia. 

Per la prima volta il Ministero della Giustizia tedesco e i responsabili del carcere minorile di Wiesbaden hanno acconsentito a mostrare il lavoro di chi si impegna giornalmente per “riabilitare” giovani musulmani dall’indottrinamento Isis. Un lavoro duro quello di Martin Meyer Husamuddin, tedesco convertito all’Islam e diventato imam, e Arne Dechow, regista teatrale, raccontato nel documentario Bare-Handed, diretto dall’italiano Stefano Obino. La maggior parte degli ospiti del carcere è costituita da returning fighters, ragazzi plagiati dalla propaganda dello Stato islamico che molto spesso guardano alla Siria e al terrorismo come all’unica alternativa di riscatto. Fondendo il Corano e Brecht, il progetto di riabilitazione intende mostrare ai giovani ragazzi in questione che la violenza non è mai la soluzione, nel tentativo di proteggere così l’Europa ed il mondo dal pericolo dell’estremismo islamico.

Il film

Prodotto da Tfilm e diretto da Stefano Obino (Vinicio Capossela – Nel Paese dei Coppoloni; Il Vangelo Secondo Precario), il documentario Bare-Handed – A mani nude ha un titolo a dir poco esplicativo che sottolinea quanto l’unica via percorribile contro l’Isis passi attraverso la riabilitazione e la prevenzione. Si tratta di un film ambizioso che punta a mostrare un modo diverso per “guarire” dalla violenza. Il progetto sarà presentato all’East European Forum, un importante appuntamento per produttori e investitori che si terrà a Praga dal 6 al 12 marzo 2017.

Il progetto

Per sostenere il documentario è partita una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Indiegogo. Il budget raccolto servirà a finanziare la presentazione ufficiale del film all’East European Forum, occasione in cui il documentario potrà trovare i fondi necessari per essere ultimato. L’obiettivo da raggiungere tramite crowdfunding è di 17mila euro. Chi donerà 10 euro, verrà citato nei crediti del film; chi donerà 25 euro, potrà scaricare il film; con 50 euro si potrà effettuare una chiamata Skype con il regista Stefano Obino. Per chi donerà somme ancora più consistenti sono previste ricompense diverse: con 100 euro si avrà la possibilità di vedere il documentario in anteprima; con 250 euro si diventerà ufficialmente co-produttori.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Già distribuito in 20 paesi, arriva finalmente anche in Germania uno dei più importanti film italiani della scorsa stagione cinematografica "Nel 2006 a Parigi un amico compositore mi racconta di un uomo che aveva perso il figlio e che, dopo il funerale, aveva iniziato a negare l'accaduto e le persone intorno…
  • Il film On Body and Soul della regista ungherese lldikó Enyedi è il vincitore dell'Orso d'oro come miglior film della 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino. Nella giornata di oggi era già stato premiato con tre riconoscimenti da parte delle giurie indipendenti, in particolare dalla giuria ecumenica, dalla giuria Fipresci e…
  • In occasione della 67esima edizione della Berlinale, la regista ungherese Ildikó Enyedi torna al grande schermo dopo un’interruzione di 18 anni e lo fa con On Body and Soul (titolo originale: Testről és lélekről), un film che racconta una storia d’amore surreale tra due esseri solitari ed estranei al mondo…
  • A quattro anni di distanza dalla vittoria dell'Orso d'oro con Il caso Kerenes (2013), torna in concorso alla Berlinale il regista rumeno Călin Peter Netzer. Alla 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino Netzer presenta il film Ana, mon amour, melodramma che narra la relazione amorosa tra Toma e Ana, una storia…
  • Tra i grandi nomi della 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino compare anche quello di Volker Schlöndorff, storico regista tedesco vincitore nel 1979 della Palma d'oro a Cannes con Il tamburo di latta. Alla Berlinale 2017 Schlöndorff presenta in concorso Return to Montauk (titolo originale: Rückkehr nach Montauk), un film…

Leave a Reply