Il fotografo coreano-tedesco che fa fare sesso ai suoi modelli per un marchio di moda

[sharethis] Heji Shin

Il servizio fotografico di Heji Shin lascia poco all’immaginazione

Che la pubblicità sia sempre più esplicita è ormai evidente. Siamo sempre più bombardati da immagini allusive e slogan ammiccanti. Finora, però, non si era mai varcata la soglia della pornografia. Nell’era di internet, dei social il confine si è fatto via via sempre più sottile. Il marketing si è fatto sempre più estremo spingendo un’azienda a fare di tutto pur di far diventare il suo brand virale in rete. Il fotografo tedesco-coreano Heji Shin ci è riuscito trasformando la campagna pubblicitaria per un marchio di abbigliamento in un dibattito su scala mondiale.

Le foto

Heji Shin ha realizzato un servixio fotografico in cui i modelli praticano realmente sesso. Le foto hanno indagato ogni tipo di rapporto: lesbo, etero, gay in ogni tipo di posizione: anale, orale e vaginale. Il dibattuto servizio fotografico è stato fatto per presentare la collezione della primavera 2017 degli stilisti statunitensi Mike Eckhaus e Zoe Latta. I due stilisti e il fotografo hanno chiesto ai modelli, per promuovere il marchio, di fare sesso durante le sessioni fotografiche. Una richiesta inusuale che ha colpito tutti per la sua unicità. «Doveva essere autentico,» – ha affermato Mike Eckhaus – «non credo che l’idea di simulare il tutto ci sia mai passata per la testa. Per noi, è stato molto importante pensare al sesso come qualcosa di veramente naturale e non qualcosa di finto, ipersessualizzato o tabù». Un’idea che ha colpito tutti per la sua forza, anche se non sempre positivamente. Una campagna pubblicitaria che sfiora il voyerismo; ci troviamo infatti di fronte a foto che se da un lato promuovono i capi dall’altro mostrano scene di sesso esplicito.

Eccone alcuni scatti.

Heji Shin

Heji Shin

Heji Shin

Heji Shin

Tutte le foto su eckhaus_latta, l’account Instagram ufficiale dello stilista.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Heroinkids è un marchio di moda e un progetto artistico ispirato ai rave illegali e alla gioventù fragile e decadente berlinese. A breve la mostra fotografica a Berlino. Depressione, tristezza, edonismo e feste dal vago gusto fetish saranno i protagonisti della mostra di Heroinkids, noto marchio berlinese di abbigliamento e…
  • A Berlino e a Bucarest molti giovani sono costretti a vivere per strada in condizioni precarie: lo scotto da pagare per una libertà tanto desiderata quanto difficile da conquistare. In una mostra dal titolo Verloren in Berlin und Bukarest (tradotto "Persi a Berlino e a Bucarest"), i fotografi Fara Phoebe Zetzsche e…
  • Città dai mille volti nota a livello internazionale come hub dell'arte di strada, Berlino non poteva che scegliere la sede di una vecchia banca per il più grande e innovativo progetto di street art del mondo. Come riporta MitVergnügen, il progetto in questione si chiama THE HAUS e ha vita presso…
  • Libertà, estro rivoluzionario e desiderio di rinnovamento. Come poteva essere la Berlino Ovest negli anni Ottanta? Il fotografo Christian Schulz ci regala sette foto meravigliose che ritraggono la capitale tedesca tra il 1981 e il 1989. Quando si parla degli anni Ottanta, la fantasia comincia a galloppare in modo febbrile: capelli…
  • Vi siete mai chiesti che aspetto aveva la capitale tedesca negli anni Venti? Un video in bianco e nero dell'epoca rivela una Berlino inedita e straordinariamente romantica. Uno splendido video in bianco e nero, risalente presumibilmente al 1925, ci mostra una Berlino cui non siamo abituati: romantica e silenziosa nei…

Leave a Reply