Il sindaco di Berlino a Trump: «Signor Presidente, non costruisca quel muro»

Berliner_Mauer

Lo scorso mercoledì il nuovo presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha reso esecutivo l’ordine di costruire un muro al confine col Messico.

Lo aveva già promesso durante la sua campagna elettorale e adesso sembra più che mai intenzionato a portare avanti questo progetto. L’obiettivo principale dichiarato è quello di contrastare l’immigrazione clandestina e rafforzare la sicurezza interna. La decisione è stata oggetto di critiche sia da parte dei governi di altri Stati che all’interno dello stesso Partito Repubblicano americano. Berlino, scossa ed indignata, ha rivolto un accorato appello al presidente USA. A cominciare dal suo Bürgermeister, il sindaco SPD Michael Müller.

L’appello del sindaco di Berlino

Come riportato dal Berliner Morgenpost, Michael Müller, tramite il comunicato stampa del Senato di Berlino, ha commentato il piano di Trump: «Se un paese nel mondo progetta la costruzione di un nuovo muro, Berlino, città dell’Europa divisa e poi città dell’Europa libera, non può tacere davanti ad una tale decisione. Noi berlinesi sappiamo meglio di tutti quante sofferenze abbia provocato una separazione imposta con cemento e filo spinato. Alla fine noi, come popolo, siamo riusciti a superare questa divisione e ciò rappresenta uno dei più grandi momenti del ventesimo secolo». Con tono più critico ha poi aggiunto: «Oggi non possiamo accettare che le esperienze storiche della Germania vengano gettate in mare proprio da coloro che hanno contribuito più di tutti alla nostra libertà, gli Stati Uniti». Infine il primo cittadino di Berlino si è rivolto al neo-presidente USA invitandolo a non intraprendere quella strada di isolamento ed esclusione. E lo ha fatto attraverso un drammatico appello: «Pensi al suo predecessore Ronald Reagan. Tenga a mente le sue parole, Tear down this wall ( abbattete questo muro). E perciò io dico: Caro Presidente, non costruisca quel muro».

Il memoriale del Muro e il suo direttore

«Nessun muro è durato a lungo e tutti quelli costruiti nella storia, alla fine, hanno perso la loro funzione»: si è espresso così, sempre sul Berliner Morgenpost, Axel Klausmeier, storico, direttore della Fondazione Muro di Berlino e responsabile del memoriale sito in Bernauer Strasse. In questa strada è possibile visitare i resti forse meglio conservati di quel Muro che, innalzato nel 1961, sarebbe poi diventato il simbolo della Guerra Fredda e della divisione del mondo in due blocchi contrapposti. In merito alla decisione del presidente USA, Klausmeier ha detto: «La costruzione del muro al confine col Messico non risolverà il problema dell’immigrazione clandestina. Così come non risolse il problema della DDR, che volle creare un “muro di protezione antifascista”. Una caratteristica comune dei populisti, purtroppo, è quella di offrire soluzioni semplici ed efficaci nel brevissimo periodo. Ma a lungo termine si rischia di andare fuori strada». Infine Klausmeier ha aggiunto: «Magari il signor Trump è attratto dal nostro modello storico. Se vuole potrei mostrargli il memoriale sul Muro e spiegargli la storia di Berlino. È sempre il benvenuto». Una lezione di storia che testimonia ancora una volta come gli uomini imparino poco o niente da questa. E forse anche l’uomo più potente del mondo potrebbe averne bisogno.

Photo: Berliner Mauer, Anyone who wants to keep the world as it is, does not want it to remain © Own WorkCC BY-SA 3.0

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • di Giovanna Barca* Il Muro di Berlino, uno dei più assurdi prodotti della storia mondiale, ha ispirato moltissimi romanzi e racconti sia da parte di chi l'ha vissuto in prima persona che di chi negli anni tra il 1961 e il 1989 è passato per la città divisa. Da una…
  • È il 9 novembre 2014 a Berlino, una giornata speciale. Tutti ne parlano freneticamente e l’emozione è alle stelle: io ho la possibilità di viverla. Esco di casa e sento l’atmosfera di festa. Le vie della città sono addobbate con migliaia di palloncini bianchi. Mi fermo dinanzi al memoriale nella…
  • Sono le 11.06 quando il treno finalmente inizia a rallentare. I miei occhi sono incollati al finestrino, voglio tenere a mente questa sensazione, quasi dimenticata, di sbarcare in una città dal nome importante, che ha in sé qualcosa di speciale. In pochi minuti mi catapulto fuori dalla stazione: sono disorientata…
  • "Almeno abbiamo qualcosa in comune" così  Donald, ieri durante la conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca, ha tentato di coinvolgere Angela Merkel. La considerazione era riferita alle presunte intercettazioni effettuate dall'amministrazione Obama alla Trump Tower equiparate al passato spionaggio della NSA, l'agenzia dei servizi segreti statunitensi, nei confronti della Cancelliera tedesca…
  • «Qualcuno potrebbe organizzare un evento 'abbraccia un americano'? Perché molti di noi, in questo momento, hanno davvero bisogno di un abbraccio». Lo scrive sul gruppo Facebook Berlin Expats Bridget Buscemi Tunis, americana di Rochester emigrata a Berlino. Sul web, dopo la schiacciante - e per molti inattesa - vittoria di Donald Trump alle presidenziali…

Leave a Reply