“Italia corrotta e senza una guida.” Ecco cosa diceva Goethe a inizio Ottocento

[sharethis]

Goethe aveva una grande passione per l’Italia che si concretizzò in un lungo viaggio di quasi due anni tra il 1786 e il 1788. L’Italia che cercava non era quella rinascimentale di Firenze, dove sostò solo poche ore, ma quella dell’antichità greca e romana, nonché quella stereotipata del sole e dei limoni (leggi qui la sua poesia Conosci il paese dove fioriscono i limoni). Da questa esperienza nasce il celebre saggio Viaggio in Italia (Italienische Reise), pubblicato tra il 1816 e ’17. Più tardi Goethe visiterà nuovamente l’Italia, ma questo secondo viaggio lo lascerà perplesso e deluso. Le parole con cui descrive l’atteggiamento del popolo e quello di chi lo guida in questa breve poesia (si parla di un’Italia ancora divisa in numerosi staterelli) è di disarmante attualità e non può che farci riflettere.

L’Italia è ancora come la lasciai

L’Italia è ancora come la lasciai,
ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero,
si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai
invano,
c’è vita e animazione qui,
ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano,
dell’altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro,
pensano solo per sé.
Bello è il paese! Ma Faustina, ahimè,
più non ritrovo.
Non è più questa l’Italia
che lasciai con dolore.

(Traduzione in Goethe – poesie d’amore. Testo tedesco a fronte. A cura di Anna Reali, con un’introduzione di Giorgio Manacorda Grandi Tascabili Economici Newton, Roma 1997)

Noch ist Italien, wie ichs verließ

Noch ist Italien, wie ichs verließ,
noch stäuben die Wege,
Noch ist der Fremde geprellt,
stell er sich, wie er auch will.
Deutsche Rechtlichkeit suchst du in allen Winkeln vergebens,
Leben und Weben ist hier,
aber nicht Ordnung und Zucht;
Jeder sorgt nur für sich, ist eitel,
misstrauet dem andern,
Und die Meister des Staats
sorgen nur wieder für sich.
Schön ist das Land! doch ach!
Faustinen find ich nicht wieder.
Das ist Italien nicht mehr,
das ich mit Schmerzen verließ.

In copertina: Goethe in der Campagna © Johann Heinrich Wilhelm Tischbein – Public Domain

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • 10000
    Questo breve canto contenuto nel romanzo di formazione Gli anni di apprendistato di Wilhelm Meister viene fatto pronunciare da Goethe a Mignon, la ragazzina che Wilhelm incontra in un gruppo di danzatori di strada e decide di prendere sotto la sua protezione. Mignon, di origini italiane, ricorda con nostalgia il suo Paese…
  • 10000
    E' tratto dal Faust I questo bellissimo canto. Faust si è invaghito della giovane e bellissima Margherita e grazie all'aiuto del diavolo Mefistofele è riuscito a sedurla. Dopo aver ceduto a lui, Gretchen (diminutivo di Margherete, Margherita) esprime in questo passaggio il suo sentimento d'amore nonché la disperazione e lo smarrimento che l'uomo misterioso ha causato nella sua…
  • 10000
    L'amore che arriva quando meno te lo aspetti e che ti sconvolge. Con una poesia tanto leggera, quanto vera, Goethe parla di una passione che si fa fatica a controllare, ma di cui si ha anche paura, di un desiderio incontrollabile che a volte rischia anche di far fuggire via. Purtroppo…
  • 10000
    L'ardore dei giovani amori, quando non c'è niente che si pensa che possa fermare una passione e basta correre e prendere, come se non ci fosse domani: Goethe aveva solo 22 anni (era il 1771) quando scrisse questa poesia così romantica e avventurosa. La sua forza, a distanza di quasi…
  • 10000
    Goethe scrisse molte poesie d'amore ed è sempre piacere leggerle. In questo caso è interessante vedere la versione tedesca originale (scritta nel 1795). Nessuno oggigiorno direbbe "Ich denke Dein", io penso a te, saremmo tutti per un semplice Ich denke an dich, ma nella traduzione italiana (di cui purtroppo non…

Sara Trovatelli

Dottoranda in traduzione letteraria, traduttrice, amante del buon cibo, dei viaggi e di tutto ciò che è cultura, vive a Berlino dal 2012 dopo essersene innamorata durante una gita lampo ai tempi del liceo.

Leave a Reply