Joachim Gauck potrebbe diventare il 117o cittadino onorario di Berlino

Il Senato berlinese a quanto pare ha deciso. Il presidente della repubblica federale tedesca, Joachim Gauck, riceverà entro la fine del 2014 la cittadinanza onoraria di Berlino, diventando il 117° Ehrenbürger della capitale tedesca.
Da Theodor Heuss (primo presidente della Repubblica Federale, dal 1949 al 1959) in avanti tutti i presidenti hanno ricevuto la prestigiosa onoreficenza da parte dell’amministrazione cittadina. Le uniche eccezioni riguardano Horst Köhler (2004-2010) e Christian Wulff (2010-12), i due predecessori di Joachim Gauck, messi fuorigioco dalle loro rumorose uscite di scena.

Il titolo di cittadino onorario della città di Berlino costituirebbe addirittura la trentatreesima onorificenza per Joachim Gauck, che nel corso di questo 2014 è già stato premiato con la medaglia Leo-Baeck ed insignito della Gran Croce dell‘Ordine reale norvegese di Sant’Olav, un ennesimo attestato di stima per l’amatissimo presidente tedesco con un prestigioso passato di attivismo politico (su tutto, ricordiamo il suo impegno di investigazione negli archivi della Stasi dopo la caduta del Muro).

La lista dei 116 cittadini onorari include, fra gli altri, Marlene Dietrich, i presidenti statunitensi Ronald Reagan e George H. W. Bush ed il presidente sovietico Michail Gorbatschow, premiati per gli sforzi politici profusi per la fine della Guerra Fredda e la caduta del Muro. Dalla lista, che originariamente includeva 131 nomi, sono invece stati esclusi, per ovvi motivi, Adolf Hitler, Joseph Goebbels, Hermann Göring ed altri personaggi legati al nazismo od alla DDR.

Insieme al titolo, la cittadinanza onoraria di Berlino porterà per Gauck anche una serie concreta di privilegi, come ad esempio un abbonamento annuale, perpetuo, ai mezzi pubblici della capitale offerto dalla BVG, un sepolcro d’onore nel cimitero cittadino e la possibilità di scegliere un artista che ne dipinga il ritratto, da custodire nella galleria riservata ai cittadini onorari nella Abgeordnetenhaus di Berlino (la Camera dei deputati della città).

Foto di copertina: Joachim Gauck, Bundespräsident der Bundesrepublik Deutschland, © Dirk VorderstraßeCC BY 2.0

Related Posts

  • Il The local.de pubblica le statistiche di soddisfazione per i mezzi pubblici in varie località tedesche. E quelle sui viaggi senza biglietto. Interessante risultato per Berlino. La compagnia berlinese dei mezzi pubblici, la BVG, dichiara in tutti i modi il proprio amore per la capitale, non da ultimo con lo slogan…
  • Il Palast der Republik, Pariser Platz senza niente intorno, né l'ambasciata americana né l'Adlon o la DZ Bank, Potsdamer Platz ancora campo di terra, il Reichstag senza cupola, l'aeroporto di Tempelhof quando era ancora in funzione, la zona della stazione centrale completamente vuota: fa impressione vedere Berlino dall'alto nel 1991 e…
  • Berlino est, Berlino Ovest, la guerra fredda vista dall'interno della Germania da una spia tedesca.  In questi giorni Berlino è tappezzata dai manifesti della serie Deutschland 83, partita lo scorso 26 Novembre ed in onda una volta a settimana, per un totale di 8 puntate, su RTL. In Italia va in onda dal 2 dicembre…
  • "La piccola Berlino": così i soldati americani che ne occupavano il settore occidentale soprannominarono Mödlareuth, villaggio al confine tra Baviera e Turingia che durante la Guerra Fredda fu diviso da un muro, esattamente come Berlino. Al di qua del torrente Tannbach si utilizza il saluto Grüß Gott, al di là invece…
  • di Giovanna Barca* Il Muro di Berlino, uno dei più assurdi prodotti della storia mondiale, ha ispirato moltissimi romanzi e racconti sia da parte di chi l'ha vissuto in prima persona che di chi negli anni tra il 1961 e il 1989 è passato per la città divisa. Da una…

Leave a Reply