Kaiser Pavillon, il mega ristorante cinese All-you-can-eat di Berlino

Cosa porta i berlinesi a recarsi oltre i confini della città ed espatriare in Brandeburgo, precisamente a Hoppegarten, anche se solo per una sera? Ma il Kaiser Pavillon, naturalmente!

Questo ristorante asiatico offre la tanto apprezzata formula All-you-can-eat, cioè “mangia quanto riesci” ad una cifra irrisoria (12,90 € a cena / 8,90 € a pranzo), in grado di attirare i clienti più affamati e golosi, provvisti di stomaci forti e decisi.

Dall’esterno, il locale si presenta come la pacchiana imitazione di un tempio cinese, con due leoni a guardia dell’ingresso, le tipiche colonne rosse a sorreggere il portico adornato da lanterne orientali. Al suo interno, può ospitare fino a 600 avventori su due piani, arredati con gusto squisitamente kitsch, tra cui spiccano marmi finti, intarsiature dorate, colonne sormontate da teste di draghi, mobili laccati e, per finire, una fantastica fontana munita di pesci rossi (no, niente carpe koi).

Per quanto riguarda il cibo, questo ristorante è la fiera delle fritture. Petto d’anatra croccante, pollo fritto, gamberi in pastella e chi più ne ha più ne metta; il tutto facilmente, comodamente e illimitatamente reperibile al buffet, su cui fa anche timidamente capolino una vetrina dedicata al sushi.

Il Kaiser Pavillon non ha niente da invidiare ai ristoranti asiatici più chic del centro di Berlino, infatti riesce sempre a riempire i suoi 600 coperti con estrema facilità.

Certo, non ci si può aspettare l’intero ventaglio dei piatti tradizionali cinesi, tra cui piatti tipici regionali come le zampe di pollo oppure le ostriche: il cibo è adattato al gusto occidentale, ancora di più al gusto tedesco. Tuttavia, leggendo le recensioni lasciate da chi ha già assaporato la cucina del Kaiserpavillon, si trovano solo clienti molto soddisfatti, pronti a tornarci e a consigliarlo vivamente. Merita una visita, anche solo per la location e per la promessa di una mangiata epica. Andateci affamati. Astenersi deboli di stomaco.

Kaiser Pavilion 

15366 Hoppegarten, Alte Berliner Straße 20

Prezzo: 8,90 € a pranzo e 12,90€ a cena

Aperto tutti i giorni, dalle 12 alle 23

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Presente a Berlino in due diverse location, una a pochi passi dalla stazione di Nollendorfplatz, in una delle zone più vive di Schoeneberg, e una a Kollwitzplatz a Prenzlauer Berg, è il ristorante greco Berkis, specializzato in cucina tipica dell'isola di Creta. Una vera chicca che vale la pena provare. A…
  • Gli Hipster? A Berlino sono una categoria tanto amata quanto presa di mira. Ma dove vanno a mangiare? Attraverso le valutazioni dei propri utenti del portale Quandoo, portale per la prenotazione online per ristoranti di varie città del mondo (da Monaco a Roma, da Beirut a Città del Capo, passando…
  • E' vero, Berlino ha un'offerta gastronomica praticamente infinita ed è bello poter provare ogni giorno prodotti provenienti da una cucina diversa come quella vietnamita, turca, messicana, africana, greca, giapponese... Ma anche la Germania ha la sua (piccola) offerta culinaria e, visto che siamo a Berlino, perché non provarla? Potrebbe riservare delle…
  • Si chiama Unicht-Bar, il bar invisibile, e ci hanno cenato celebrità come Natalie Portman e John Malkovich. Le star sono state sicuramente attratte dalla possibilità di mangiare senza che qualcuno degli altri commensali li disturbasse con occhiate o richieste indiscrete. Tutto il pasto infatti avviene completamente al buio. Non si…
  • Arrivando dall'Italia ci si fa subito caso: i ristoranti vietnamiti a Berlino sono centinaia. Soprattutto in alcuni quartieri, Prenzlauer Berg su tutti, è a volte quasi più semplice trovare una cucina del Sud-est asiatico che del cibo europeo. Le ragioni della grande presenza di uomini e donne originarie del Vietnam nella…

Federica Felicetti

Comunicatrice appassionata, social media addicted per professione e anche un po´per passione, in trasferta a Berlino grazie a uno scambio europeo. Innamorata di questa cittá, ancora come il primo giorno.

Leave a Reply