Kater Blau, il club di Berlino erede del Kater Holzig

Scrivere che il Kater Holzig fosse un’istituzione a Berlino è forse poco. La dice lunga lo straordinario “closing party” con il quale lo stabile, che aveva preso il posto del celebre Bar25, ha detto addio al suo grande pubblico, chiudendo i battenti nella prima settimana del 2014.

La storia. A Berlino le concessioni vengono assegnate a tempo determinato, lo sapevano bene anche i proprietari del Kater Holzig che, avendo a disposizione lo spazio per tre anni, sono arrivati al giorno della scadenza con non poca tristezza. E così, come per altri luoghi minacciati dalla “gentrification”, anche il Kater Holzig ha visto giungere il suo termine. Un grande dispiacere per gli amanti della scena elettronica di Berlino: dire addio a uno dei club più originali della città deve aver fatto il suo effetto…

La riapertura. Ma non bisogna dimenticarsi che a velocità imprevedibile arrivano anche le novità, qui nella capitale tedesca: perché un angolino da sfruttare, un terreno fertile per il divertimento e la creatività, a Berlino non mancano mai ed è proprio quello che è successo per il Kater, che da Holzig si è spostato sulla riva opposta del fiume, è diventato Blau e ad agosto 2014 per la gioia dei suoi frequentatori ha riaperto le porte. A gestirlo sono gli stessi gestori e fondatori del Bar 25, dell’Holzmarkt, della Neue Heimat e dello Chalet. Come già accennato, il progetto è legato a quell’Holzmarkt25 dove si sta sviluppando un particolarissimo progetto di carattere sociale con un asilo nido, un biomarkt, delle terre per l’agricoltura, un ristorante e appartanementi da affittare solo per tre anni e nulla più.

Il locale. Stile finto decadente, chiatte sul fiume e vari angoli dove spendere la serata solo facendo due chiacchiere (ma all’aperto quindi dipende dalla temperatura fuori) Il Kater Blau ha due dancefloor al chiuso, uno più grande e uno davvero minuscolo non sempre aperto. La selezione musicale è sempre virata sull’electro, ma il posto è così suggestivo che anche se non amate il genere, vi consigliamo una visita soprattutto d’estate. Proprietà del Kater Blau è l’etichetta discografica Katermukke, con la quale vengono regolarmente organizzate serate al locale dedicate agli artisti che appartengono all’etichetta.

Kater Blau

Holzmarktstr. 25, Friedrichshain

Aperto normalmente da venerdì sera a domenica sera

Prezzo di entrata: ca. 15 euro

banner3okok-1-1024x107 (1)

Related Posts

  • La Techno Oasi in un Plattenbau, così la rivista Tip Berlin ha definito questo club di Fredrichshain. L'arredamento anni '70, con tanto di dancefloor in movimento, è perfetto per le serate del venerdì quando si balla spesso soul e funk, mentre è particolare il sabato, quando di mezzo c'è l'electro. A differenza…
  • di Martin Patiño* Fine settimana, esco e vado ad una festa: 500 persone, bella la musica, peccato per le luci (un po' troppe per il mio umore oggi lievemente solitario), basse aspettative, ma la serata mi sorprende e mi diverto più del previsto. Nonostante la presenza di tanta altra gente, questa…
  • Alexanderplatz? No, House of Weekend. Rosa Luxemburg Platz? No, Kaffee Burger. Hermannplatz? No, Fuchs & Elster. Ostbahnhof?No, Berghain. Schlesisches Tor? No, Madame Claude. La mappa delle stazioni metro  si trasforma in un'esilarante mappa dei bar e dei club di Berlino appositamente creata dai grafici del sito thrillist.com. Per ogni fermata c'è…
  • Era sabato il 20 luglio dello scorso anno quando al Festsaal Kreuzberg, locale ormai culto del quartiere che porta lo stesso nome, intorno alle 20:00  scoppia un incendio che ridurrà ad un cumulo di macerie il bar, la galleria e il palco, rendendolo in poche ore impraticabile. Solo qualche ora…
  • A Friedrichshain, vicino alla stazione di Ostkreuz e non lontano da un altro storico locale berlinese, il Salon zur wilden Renate, l'://about blank è un club tanto difficile da trovare così nascosto e a prima vista anonimo quanto, una volta che ci si è stati, da non poter dimenticare. La coda non è…

Margherita Sgorbissa

Con sempre il solito imbarazzo delle autodescrizioni, mi presento: sono Mag e sono laureata in mediazione linguistica. Finita la vita in Italia, presto sarò a Berlino per iniziare un nuovo capitolo. Un grande legame che mi ha tenuta stretta alla realtà tedesca è stato sicuramente Berlino Cacio e Pepe Magazine, con cui collaboro dal 2011. Inutile citare la mia grandissima passione per la scrittura e il giornalismo!

Leave a Reply