Körperwelten Museum, il museo degli zombie di Berlino realizzati da Von Hagens

© Körperwelten Museum

Aperto nel 2015 ad Alexanderplatz, il Körperwelten Museum è la “casa” di una mostra che dal 1995 gira per il mondo scandalizzando e attraendo allo stesso tempo.

In mostra, infatti, ci sono cadaveri scuoiati e imbalsamati, o meglio, «plastinati» attraverso la tecnica messa a punto dal celebre anatomopatologo tedesco Gunther von Hagens.

Perché rendere immortali i cadaveri?

La giustificazione dell’autore è che si tratta di ragioni didattiche. Mostrare come sia composto il nostro organismo e spiegarne il funzionamento delle varie parti: la crescita, l’invecchiamento, le malattie e la morte. Sarà. Certo è che le pose scelte da von Hagens per le sue opere sono prima di tutto spettacolari. Gesti da atleti, da persone innamorate o di vita quotidiana. Peccato solo che non si veda la pelle, ma la carne che ne stava sotto. Impossibile non suscitare polemiche: tanto che anni fa sul sito della CDU, il partito di Angela Merkel, accusò von Hagens di speculare con la morte. «Non sono un Frankenstein» la sua difesa.

Cos’è la plastinazione?

È un  processo che rende rigidi e senza rischio di decomposizione i corpi di persone decedute. La chiave è nella sostituzione dei liquidi corporei con dei polimeri di silicone e di resina lavorati poi con luce, gas e calore. Diventa così possibile analizzare ogni più piccola fibra di un muscolo, i fori della spina dorsale, l’avvilupparsi dell’intestino e via dicendo. I vari tessuti rimangono solidi, definiti e per questo osservabili come se si fosse davanti a delle statue.

La plastinazione fu brevettata nel 1978 dopo anni di studi presso l’università di Heideberg. «Stavo osservando una collezione di preparati dentro una provetta, all’epoca la più avanzata miscela per la conservazione. Mi chiesi perché non provare a mettere direttamente il preparato dentro le cellule e lasciare che indurisse direttamente gli organi anziché avvolgerlo dentro della plastica e applicarlo solo in superficie». L’idea parve avere una sua potenzialità commerciale (oggi le salme plastificate sono vendute alle università anche a 70mila euro), tanto che nello stesso anno Von Hagens aprì nella stessa Heideberg un’impresa per standardizzare il processo.

© Körperwelten Museum

 

© Körperwelten Museum

 

La sua invenzione fece il giro del mondo. Secondo la sua biografia ufficiale, nel 1983 la Chiesa cattolica gli chiese di plastificare il calcagno del piede della Santa Hildegard von Bingen. La prima mostra risale al 1995, inaugurata in Giappone e poi proseguita con un tour mondiale in più di cinquanta città. Negli ultimi anni il boom di popolarità. Una cattedra di professore di medicina alla New York University College of Dentistry, una in Kyrgyzstan. Un’altra ancora a Dalian, in Cina, dove è stato oltretutto aperto un altro centro per la plastificazione a coronamento degli ottimi rapporti stretti dallo scienziato con Pechino e dintorni.

I retroscena

Quando alcuni detrattori lanciarono il sospetto di un possibile approvvigionamento di corpi tramite le vittime delle esecuzioni capitali in Cina e Kyrgyzstan, Von Hagens non negò mai del tutto («Opero in conformità con le leggi del Paese dove lavoro»), ma quantomeno cominciò a distribuire i dati sulle continue donazioni volontarie che riceve ogni anno (complessivamente, circa diecimila dal 1982). Persone che firmano un contratto gratuito affinché, a morte avvenuta, il proprio corpo possa continuare ad esistere. Le ragioni? La pubblica utilità (per il 22% di loro), il fascino per la plastificazione (19%), il desiderio di non essere né cremati né interrati (13%) passando per la preoccupazione di non far pesare ai propri familiari le spese di un’eventuale sepoltura e il grottesco desiderio di essere protagonisti di una mostra pubblica.

E così sono più di vent’anni che von Hagens riesce a girare per il mondo con le sue mostre a volte allestendone varie contemporaneamente in più parti del mondo (alcune in Germania già diventate permanenti) o a fornire inquietanti scenografie per film, come capitato per Casino Royale (il film 007 del 2016). Un business senza interruzioni e senza confini basato su quel mito dell’immortalità che lo scrittore polacco Stanisław Jerzy Lec ben stigmatizzò in un celebre aforisma: «La prima condizione dell’immortalità è la morte.»

Körperwelten Museum

Panoramastraße 1a 10178,  Berlin 

Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 19.00

Entrata: 14€ (12€ per studenti)

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © Körperwelten

Related Posts

  • La storia tedesca dall’antichità ai giorni nostri in 7500 metri quadri di esposizione si trova dentro un’ex armeria costruita in stile barocco proprio accanto all’Isola dei musei. Sono stati necessari sei anni di ricerche e restauro per riaprire questo museo nel 2006. Servirebbero giorni per visitare dettagliatamente l’eccezionale collezione che…
  • Parlando di turismo in un confronto tra Italia e Germania, viene spontaneo vantarsi delle bellezze del Nostro Paese. Abbiamo il più siti UNESCO di qualunque altro paese al mondo, che fanno della Penisola un vero e proprio museo a cielo aperto. Ma quando andiamo a guardare i dati abbiamo poco…
  • Un tuffo nella vita della Germania dell'est raccontato attraverso foto, oggetti, pannelli didascalici, video e giochi interattivi: il DDR Museum è un museo più che mai interessante per chi vuole avere un'infarinatura generale su come fosse vivere dall'altra parte del Muro. Inaugurato nel 2006, si tratta di un museo privato.…
  • Oltre alla visitatissima Isola dei Musei e al (per ora ancora chiuso) Kulturforum, Berlino ha molti altri musei. Molti di questi organizzano continue esposizioni di arte contemporanea. Tra le istituzioni della città, il Boros (ex bunker di Berlino, ora galleria d'arte ambitissima tra i visitatori e gli appassionati d'arte) e…
  • “In principio era il materiale solo” (“Im Anfang steht allein das Material”) era uno dei motti del Bauhaus, la più grande scuola di design, arte e architettura del 20° secolo, pronunciato dal pittore tedesco e a lungo suo insegnante Josef Albers. La prestigiosa scuola, fondata a Weimar nel 1919 e…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply