La Berlinale celebra l’italiana Milena Canonero, la costumista dei 4 premi Oscar

Orso d’oro alla carriera per l’italiana Milena Canonero, una delle più affermate costumiste di cinema e teatro dei nostri tempi. Fra le sue realizzazioni ricordiamo i costumi di Arancia meccanica The Grand Budapest Hotel.

Alla conferenza stampa di apertura del 31 gennaio 2017, il direttore della Berlinale Dieter Kosslick ha annunciato la destinataria dell’Orso d’orso alla carriera che verrà consegnato durante la 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino. Si tratta di Milena Canonero, costumista italiana pluripremiata a livello internazionale. 4 volte vincitrice dell’Oscar per i migliori costumi, Canonero ha collezionato ben 9 nomination all’Academy Award, un David di Donatello, tre BAFTA Awards e tre Nastri d’argento.

Il premio

«Milena Canonero è una costumista straordinaria. Con il suo lavoro ha contribuito in maniera decisiva a forgiare lo stile di numerosi capolavori del cinema. L’Orso d’oro alla carriera di quest’anno non intende soltanto celebrare una grande artista, ma anche focalizzare l’attenzione sull’importanza della figura professionale del costumista» ha dichiarato il direttore Kosslick in conferenza stampa. Barry Lindon di Stanley Kubrick, Momenti di gloria di Hugh Hudson, Marie Antoinette di Sofia Coppola e The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson sono i 4 film che hanno valso a Canonero l’Academy Award per i migliori costumi. Oltre alle 4 statuette vinte, Canonero è stata nominata altre quattro volte all’Oscar per i costumi di La mia Africa di Sidney Pollack, Tucker – Un uomo e il suo sogno di Francis Ford Coppola, Dick Tracy di Warren Beatty, Titus di Julie Taymor e L’intrigo della collana di Charles Shyer. Canonero ha inoltre realizzato i costumi per altri capolavori cinematografici quali Arancia meccanica e Shining di Stanley Kubrick, The Cotton Club e The Godfather Part III di Francis Ford Coppola. Milena Canonero verrà insignita dell’Orso d’oro alla carriera il 16 febbraio 2017 nel Berlinale Palast. A seguire verrà proiettato Shining di Stanley Kubrick. Per rendere omaggio alla grande artista, durante la Berlinale 2017 verranno mostrati altri 9 film i cui costumi portano la firma di Milena Canonero.

Chi è Milena Canonero

Nata a Torino nel 1946, Milena Canonero ha studiato storia e arte del costume a Genova. Si è trasferita poi a Londra dove ha iniziato a frequentare personalità di spicco della scena cinematografica e teatrale internazionale. L’incontro con il regista Stanley Kubrick ha segnato l’esordio della carriera di Canonero: suoi sono i costumi di Arancia meccanica, Barry Lindon e Shining. Quella con il regista Wes Anderson è stata la seconda grande collaborazione professionale di Canonero: i costumi de Le avventure acquatiche di Steve Zissou, Il treno per il Darjeeling e The Grand Budapest Hotel portano la sua firma. Sin dai suoi primi lavori Canonero ha influenzato significativamente il mondo della moda: la sua arte è stata addirittura fonte d’ispirazione per celebri stilisti come Alexander McQueen e Ralph Lauren. Prendendo le mosse da approfondite ricerche storico-artistiche, i lavori di Milena Canonero non si limitano mai ad applicare le direttive della moda, ma si spingono oltre reinterpretandole in modo creativo e adattandole al singolo film. Milena Canonero è stata anche costumista teatrale: i suoi straordinari lavori per numerose produzioni della Metropolitan Opera di New York, della Scala di Milano e della Wiener Staatsoper hanno contribuito alla sua fama internazionale.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: 138625_5641 © Disney | ABC Television Group CC BY-ND 2.0

Related Posts

  • La sezione dei film in concorso alla Berlinale 2017 è completa. Annunciati i 18 film che correranno per l'Orso d'oro nella 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino dal 9 al 19 febbraio 2017. Venerdì 20 gennaio i Berliner Festspiele hanno reso noti gli ultimi titoli che vanno a…
  • Annunciati i primi dieci film in concorso alla Berlinale 2017. La 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino si prospetta affollata di stelle. Giovedì 15 dicembre 2016 la direzione del Festival ha annunciato i primi dieci film che correranno per l'Orso d'oro tra il 9 e il 19 febbraio 2017 e 4…
  • Si è conclusa anche questa 66esima edizione della Berlinale. Come ormai saprete a vincere l’orso d’oro è stato un docu-film italiano, “Fuocoammare” del regista Gianfranco Rosi, ambientato a Lampedusa. Un bellissimo spaccato della vita degli abitanti dell'isola e dei migranti che mettono a rischio le proprie per attraversare il canale di…
  • Insomma, venerdì 19 febbraio siamo entrati in sala alle 10 del mattino e siamo usciti alle 19.30. Il film era A Lullaby to the Sorrowful Mystery di Lav Diaz, regista filippino, sottotitoli inglesi e tedeschi. È in concorso, c'è la possibilità che vinca un premio. Si tratta di ben otto ore…
  • "Voglio dedicare questo premio a tutti i cittadini di Lampedusa, alla loro apertura mentale, alla gioia con cui vivono. Ho chiesto una volta al dottore Bartolo cosa faccia speciale Lampedusa e lui mi ha risposto che Lampeudsa è un'isola di pescatori e i pescatori accettano tutto ciò che viene dal mare"…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply