La Brexit capovolge la Storia: boom di inglesi che richiedono la cittadinanza tedesca

Brexit_Campaigners_out_side_Parliament_November_2016

Mentre il dibattito nella Gran Bretagna post Brexit si concentra sul futuro degli immigrati dell’Unione Europea presenti nel Paese, molti espatriati britannici iniziano a considerare la possibilità di richiedere una seconda cittadinanza.

Come riporta la BBC, questo è per esempio il caso di numerosi cittadini inglesi residenti sul suolo tedesco, attanagliati dall’incertezza circa il proprio destino quando la Gran Bretagna lascerà definitivamente l’UE. Stando a quanto afferma FAZ, i dati delle naturalizzazioni tedesche relativi al 2016 non sono ancora disponibili, ma gli uffici competenti riferiscono di un trend in netta crescita, soprattutto nelle grandi città di Amburgo, Monaco di Baviera e Berlino.

Gli espatriati britannici in Germania

Al momento in Germania risiedono circa 100.000 cittadini britannici. Molti di loro hanno già presentato domanda per diventare a tutti gli effetti cittadini tedeschi; altri contano i giorni che li separano dalla maturazione dei requisiti necessari per fare richiesta. Sebbene per i britannici non esistano limitazioni a una seconda cittadinanza né rischi di eventuali ripercussioni sulla cittadinanza originaria, diventare cittadini tedeschi non è affatto immediato. In particolare bisogna soddisfare i seguenti requisiti: minimo 8 anni di residenza stabile in Germania, il superamento del test di cittadinanza, la fedina penale pulita e una conoscenza sufficiente del tedesco. Gli espatriati britannici in questione sono prevalentemente giovani professionisti freelance dal reddito altalenante e pensionati la cui sopravvivenza si sostiene su entrate fisse martoriate dal crollo della sterlina. Se in futuro dovessero richiedere un visto per vivere e/o lavorare in Germania, il loro sostentamento, già magro di per sé, si prosciugherebbe del tutto. Con l’ottenimento della cittadinanza tedesca, gli ex cittadini britannici continuerebbero invece a godere dei vantaggi dell’Unione Europea.

Motivazioni pratiche ed emotive

Oltre alle motivazioni pratiche che attualmente spingono molti britannici a richiedere la cittadinanza tedesca, entrano spesso in gioco ragioni emotive. Mentre la Gran Bretagna vota per l’uscita dall’Unione Europea e Trump firma ordine esecutivo su ordine esecutivo per limitare l’immigrazione negli Stati Uniti, Angela Merkel va nella direzione opposta definendo la Germania un Paese fondato sull’immigrazione, in tedesco Einwanderungsland, un’affermazione rivoluzionaria se si considera che la cancelliera fa capo allo schieramento politico cristiano-conservatore tedesco (CDU). Se storicamente la Germania viene associata al drammatico passato nazista, oggi la Repubblica Federale Tedesca rappresenta per molti i valori positivi dell’Europa: la politica dell’accoglienza adottata da Merkel a seguito dell’acuirsi della crisi migratoria nel 2015 ha lasciato un profondo segno nella storia della Germania, definendo la sua posizione nell’Unione Europea e facendo della cancelliera tedesca l’unico leader politico a essersi interessato realmente della questione rifugiati. Agli occhi di numerosi espatriati provenienti da tutto il mondo e a maggior ragione dalla Gran Bretagna post Brexit, un Paese che si fa forte della sua presenza in Europa per adottare una linea politica di tolleranza e accoglienza risulta pertanto particolarmente attrattivo. La rivalità storica tra inglesi e tedeschi, che pare abbia avuto un peso nello spingere molti cittadini britannici a sostenere l’uscita della Gran Bretagna dall’UE, viene così capovolta dagli effetti della stessa Brexit.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Photograph of a Brexit rally outside of Parliament 23/11/2016 © Bulverton CC BY-SA 4.0

Related Posts

  • Nessuno conosce con certezza quali saranno gli effetti a lungo termine del terremoto Brexit. Quelli simbolici, però, hanno cominciato a farsi sentire già subito dopo il trionfo del Leave. Mentre Parigi provava a sedurre le banche inglesi, l'FDP, il partito liberaldemocratico tedesco, ha cominciato una campagna per convincere le start-up londinesi a spostarsi…
  • Il Regno Unito esce dall'Unione Europea. Non sappiamo come, se i parlamentari britannici di Bruxelles da domani non voteranno più, se gli stessi immigrati europei, italiani, francesi o spagnoli che siano, potranno rimanere e beneficiare di diritti identici a quelli dei britannici o meno, se e come saranno le conseguenze…
  • Angela Merkel saluta l'elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti d'America con un autorevole discorso, in cui le esigenze della diplomazia non si scindono da un messaggio politico molto chiaro: la Germania offrirà «stretta collaborazione» al nuovo presidente americano solo a patto che rispetti la dignità umana indipendentemente dalla provenienza, dal colore della pelle, dalla…
  • La Germania aumenta del 50% il previsto programma di investimenti fino a 15 miliardi di euro. Punta soprattutto alle amministrazioni comunali. È questo ciò che emerge da quanto dichiarato martedì scorso, 3 marzo 2015, dal Governo Federale. Si è deciso di incrementare il programma di investimenti già annunciato, pari a 10 miliardi…
  • La cancelliera tedesca Angela Merkel si è pronunciata contraria al nuovo decreto immigrazione introdotto dal neopresidente americano Donald Trump. Il provvedimento impedisce per tre mesi l'ingresso negli Stati Uniti ai cittadini di sette Paesi musulmani (Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen). Come riporta DW, Merkel ha dichiarato che la Germania…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply