La casta? C’è anche a Berlino: per l’ex portavoce del sindaco ricca “pensione” a 37 anni

A Berlino in molti non riescono a crederci: Daniela Augenstein, ex portavoce al Senato del sindaco SPD Michael Müller, ha lasciato il suo incarico subito dopo le vittoriose elezioni del 18 settembre e, in base al suo contratto, riceverà 6.385 euro al mese di pensione temporanea per i prossimi 21 mesi. Dettaglio non trascurabile: la Augenstein ha 37 anni.

Riposo dorato. Come conferma il Berliner Morgenpost, per i primi tre mesi l’ex portavoce percepirà una pensione temporanea di importo pari al suo stipendio (8900 euro lordi). Poi incasserà una cifra equivalente al 71,75 percento del suo onorario, vale a dire 6.385 euro, per i prossimi 21 mesi. La Augenstein aveva cominciato a lavorare per l’amministrazione SPD nel dicembre 2014, dunque proprio 21 mesi fa. Intanto, non trapelano notizie certe sui motivi che hanno portato al suo licenziamento: la stampa berlinese parla di disaccordi sulla conduzione della campagna elettorale, mentre dall’ufficio di Müller dichiarano che si è trattato di una decisione consensuale, maturata già dallo scorso gennaio e ufficializzata ora solo per non ostacolare la corsa del sindaco. Avevano però destato scalpore le inusuali vacanze della portavoce proprio nei giorni precedenti l’election day, motivate dai vertici SPD con non meglio precisate «ragioni personali» della Augenstein. Infine martedì 20, subito dopo la riconferma di Müller, le dimissioni ufficiali e la rivelazione della sua dorata buonuscita.

Le reazioni. La Augenstein, a quanto pare, vorrebbe ora dedicarsi a qualcosa di completamente diverso. Intanto, le reazioni dei media berlinesi sono state di enorme sorpresa e sottile ironia: il presentatore televisivo Christoph Süß, ad esempio, si chiede scherzosamente su Twitter se quello applicato alla ex portavoce non sia il modello di un nuovo piano pensioni anticipate che la SPD vorrebbe proporre al Paese. Le polemiche infuriano, il sarcasmo si spreca: e l’Italia sembra improvvisamente meno lontana.

Foto di copertina © Twitter – Quer vom BR

banner3okok (1)

Related Posts

  • Michael Müller è il nuovo sindaco di Berlino. L’ex-senatore per lo sviluppo della città e politico della SPD è diventato l'11 dicembre il nuovo sindaco in carica della capitale tedesca. La coalizione formata dai partiti SPD/CDU aveva informato già da tempo che avrebbe appoggiato la sua candidatura. Il cinquantenne Müller ha…
  • Le elezioni amministrative del 18 settembre 2016 hanno confermato le previsioni: Michael Müller continuerà ad essere il sindaco di Berlino. Era per lui la prima candidatura, due anni fa subentrò al dimissionario Klaus Wowereit. La domanda ora è: con chi? Finora la coalizione che lo sosteneva era formata dai "suoi" socialdemocratici…
  • Berlino dice addio agli Spätkauf. Tutte le drogherie aperte 24 ore su 24 saranno costrette a chiudere ogni giorno alle 22 e tutte le domeniche dal 1 giugno 2017. AGGIORNAMENTO 2 APRILE 2017: SI TRATTA DI UN PESCE D'APRILE :) L'ordinanza è stata firmata dal sindaco Michael Müller ieri sera…
  • Si chiama Alexander Freier, ha 29 anni, è di Berlino e usa Tinder, la più popolare app per organizzare appuntamenti con ragazzi e ragazze partendo dal reciproco like sulle foto profilo, da molti considerata oggigiorno il modo più facile per una one-night-stand. Fin qui nulla di strano. Sugli smartphone dei…
  • Una pensionata settantenne racconta perché è costretta a lavorare ancora come cassiera di un supermercato. La pensione è un traguardo importante. Dopo anni di duro lavoro rappresenta il momento per riposarsi e dedicarsi agli hobby, ai viaggi, alla lettura o ai nipoti. Eppure non tutti possono godersi la pensione con…

Leave a Reply