La classifica delle migliori città in cui vivere per gli under 30 (ben 3 tedesche nella top 10)

classifica migliori città

Nestpick, piattaforma online made in Germany per l’affitto di appartamenti a medio-lungo termine, ha stilato una classifica delle migliori mete internazionali per i 25-36enni di oggi.

È una generazione nata con la valigia alla mano quella dei millennials, ossia i ragazzi nati tra il 1981 e il 1995. I giovani adulti di questi anni sempre pronti ad approfondire i propri studi, a seguire le proprie aspirazioni o anche solo a cercare un futuro migliore ovunque nel mondo. Le distanze possono fare male, ma non paura. Cosa contraddistingue i millennials? È questa la domanda che si è posta l’azienda tedesca Netspick per dare le migliori risposte alle esigenze della generazione motore dell’attuale economia. Per definire il range entro il quale una città può essere ritenuta desiderabile da un giovane under 30 sono stati presi in considerazione i parametri che contraddistinguono la generazione figlia degli anni ’80-’90. Le chiavi della classifica hanno tenuto conto delle offerte non solo in ambito lavorativo e delle possibilità di realizzazione per chi ha una mente imprenditoriale, ma anche del livello tecnologico delle città, dell’eguaglianza di genere nonché della libertà sessuale e la vivibilità intesa come offerta in campo sanitario, nel trasporto pubblico e nella ricchezza della vita notturna. I criteri di giudizio hanno tenuto conto di tutto: possibilità di impiego, numero e qualità di startup avviate, turismo, disponibilità appartamenti e case, trasporto urbano, salute, accesso ai metodi contraccettivi, qualità del cibo, velocità di connessione a internet, il numero di negozi Apple presenti, l’eguaglianza di genere, la tolleranza verso gli immigrati e verso la comunità LGBT, nonché la qualità delle birre, della vita notturna e dei festival.

La classifica delle 30 città migliori per gli under 30

Ebbene siete curiosi di scoprire la classifica delle 30 città migliori in cui vivere? Allerta spoiler: il centro Europa vince rispetto al resto del mondo e nella top 5 domina la Germania anche se il primo posto è occupato dalla capitale di un’altra nazione. Non stupitevi di non trovare l’Italia in testa alla classifica: tra le 100 città le uniche rappresentanti della bandiera tricolore sono Milano, Venezia, Bologna e Roma, rispettivamente al 75°, 82°, 88° e 89° posto.

30. Glasgow, Regno Unito

Una media discreta per tutti i parametri, meno per l’offerta relativa alla vita notturna e alle possibilità di impiego. È pur sempre fra le prime 30 su un totale di 100 città.

29. Vienna, Austria

Le sue pecche? I parametri “essenziali” come le case e poca eguaglianza di genere. Donne cambiate meta.

28. Madrid, Spagna

Tallone d’Achille è la carenza del mercato del lavoro. Buona la media degli altri parametri, tranne per quello della contraccezione.

27. Marsiglia, Francia

La tolleranza verso gli immigrati e la qualità dell’ecosistema degli affari la tengono lontana da posizione più alte della classifica.

26. Oslo, Norvegia

La qualità del cibo e le offerte disponibili per i momenti di relax, vita notturna e birre in particolare lasciano i fiordi in alto mare.

25. Bristol, Regno Unito

Il tallone d’Achille di Bristol? Turismo e trasporti pubblici, punteggi bassissimi.

24. Toronto, Canada

Una delle poche città d’oltreoceano presenti, affitti e vita notturna non le permettono di scalare posizioni più alte.

23. Auckland, Nuova Zelanda

Le scarne offerte relative alle case e alla movida la rendono un posto non così allettante per gli under 30.

22. Bordeaux, Francia

Il suo punto debole? Il mercato del lavoro, il punteggio raggiunto è particolarmente basso.

21. Manchester, Regno Unito

Nessun difetto in particolare, tutti i parametri sono buoni anche se non eccellenti. Viva la mediocrità.

20. Helsinki, Finlandia

Sprofonda per…la birra!

19. Praga, Repubblica Ceca

È sulla tolleranza e l’eguaglianza che la piccola perla ceca urta contro le necessità dei millennials.

18. Nantes, Francia

Turismo, lavoro e qualità della birra frenano la scalata della cittadina francese.

17. Rotterdam, Olanda

Il suo neo? La scarsa iniziativa imprenditoriale la blocca al 17° posto.

16. Londra, Regno Unito

Su questa è facile capire perché non sale oltre nella classifica. Ci siete arrivati? Già, gli affitti alle stelle.

15. Montreal, Canada

Con questa posizione inizia la parte della classifica dove la lotta è più serrata e la conquista del primo posto è una battaglia all’ultimo punto. L’eccellenza di Montreal è nell’eguaglianza dei diritti e nell’offerta della vita notturna.

14. L’Aia, Olanda

Benché non sia fiorente sotto i punti di vista che hanno a che fare con l’impresa, L’Aia se la cava egregiamente nei punteggi concernenti gli altri parametri della classifica.

13. Valencia, Spagna

La terza città della Spagna per numero di abitanti pecca per il mercato del lavoro, ma raggiunge dei punteggi ragguardevoli per ciò che concerne la qualità della vita in generale.

12. Zurigo, Svizzera

Ineccepibile, se non fosse per gli affitti, la qualità del cibo e della birra. La parentela con la Germania non salva le pinte svizzere.

11. Lilla, Francia

La scarsa offerta di lavoro non le permette di entrare, anche se per poco, nella top 10.

10. Vancouver, Canada

L’unica città non europea a far parte delle prime dieci posizioni, Vancouver eccelle per la tolleranza, ma pecca nella vita notturna. Deve offrire ben pochi svaghi.

9. Parigi, Francia

Nella classifica dominano le capitali dell’Europa centrale, per cui non poteva mancare quella francese. Ottima sotto molti punti di vista, purtroppo cade nell’offerta lavorativa, negli affitti e, incredibile ma vero, nella qualità del cibo.

8. Colonia, Germania

Punteggi medio-alti per la grande città tedesca che vede crollare però sotto lo zero il tasso concernente il turismo.

7. Lione, Francia

La qualità della birra e del cibo controbilanciano negativamente gli ottimi punteggi relativi alla sanità e al trasporto pubblico.

6. Barcellona, Spagna

L’ultima posizione prima dell’ambita top 5 è occupata da una città spagnola. Il miglior risultato per lo stato regnato da re Filippo VI è occupato dalla caotica e multiculturale Barcellona che, a dispetto di una media invidiabile per tutti i criteri di giudizio, pecca solo nell’offerta di lavoro.

5. Anversa, Belgio

Posizione altissima per una delle 3 città belghe presenti in classifica. Anversa si piazza al 5° posto, lasciandosi alle spalle le connazionali Bruxelles (39° posto) e Bruges (56°). La qualità generale della vita che offre è buona se non eccellente sotto molti aspetti.

4. Lisbona, Portogallo

Se non fosse per la scarsa offerta lavorativa e le connessioni internet non molto veloci, la capitale portoghese sarebbe sul podio. Si ferma invece al 4° posto.

3. Monaco di Baviera, Germania

I punteggi raggiunti dal capoluogo bavarese sono invidiabili, tanto che è poco lo scarto che le ha fatto perdere il secondo posto, assegnato a un’altra città tedesca.

2. Berlino, Germania

Come promesso, è nelle posizioni alte che la Germania doppia addirittura la sua presenza. Davvero ottima sotto tutti i punti di vista, la giungla lavorativa della capitale tedesca fa sì che questo parametro sia il suo tallone d’Achille per cui perde la medaglia d’oro.

1. Amsterdam, Olanda

L’arancione della capitale olandese domina la vetta di questa classifica. Perfetta o quasi in tutti i parametri, ha come unico neo il caro affitti dei Paesi Bassi.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • 10000
    Trovare una camera o una casa a Berlino è ormai una vera e propria impresa che richiede tempo, fortuna e determinazione. Ad offrire una nuova soluzione per chiunque sia in cerca è da circa un anno nestpick, startup di base a Berlino fondata circa un anno fa al ventiduenne tedesco…
  • 10000
    Secondo un sondaggio Eurostat del 2016 sulle percentuali di «giovani adulti» europei che vivono con i propri genitori, In Italia a restare a casa è il 67,3% dei giovani tra i 18 e i 34 anni. Nnel 2014 era il 65,4%. Un dato altissimo, se paragonato alla media europea (47,9 percento) e alle percentuali dei Paesi del Nord Europa. Ma…
  • 10000
    Quali sono le città non tedesche più rappresentate a Berlino? A svelarcelo è uno studio realizzato dall’ Amt für Statistik Berlin - Branderburg (Potsdam) per il Berliner Morgenpost. Secondo una statistica aggiornata al 30 giugno 2015 e basata sul registro dell'anagrafe berlinese, solo il 48% dei residenti a Berlino sono…
  • 10000
    Quante volte avete desiderato di voler viaggiare senza alcuna preoccupazione economica? O addirittura di volervi trasferire in un altro paese evitando tutte le spese di viaggi, documenti, casa, cibo? Young Germany ha cercato di rispondere a queste domande proponendo 10 modi per trasferirsi in Germania, non solo senza aprire il…
  • 10000
    La ricerca della casa, quella del lavoro, basta l'inglese per sopravvivere? se si ha solo l'italiano si riesce a trovare lavoro nella ristorazione? Mi arrivano continuamente domande di questo tipo, gente speranzosa che vuole lasciare l'Italia senza avere un piano preciso o le competenze per inserirsi subito in un Paese…

Stella Sacco

Con i piedi per terra e la mente intenta a fantasticare. Sono giornalista e, quindi, curiosa...o sono curiosa e quindi giornalista? Ai posteri l'ardua sentenza. Passatempi preferiti? Cinema e libri. Amo i gatti e rido di gusto con "l'ignoranza".

Leave a Reply