La cucina napoletana a Berlino ha un nome, ed è Lima Lima (che è una conchiglia)

lima lima

Parmigiana, ravioli capresi con ricotta, timo e limone, tortini alle verdure, paccheri alla genovese (sugo tipico partenopeo a base di cipolle e carne di spezzatino), spaghetti alla marinara, alla puttanesca e all’amatriciana, fusilli al ragoût di salsiccia, tagliolini alla finestrella di Marechiaro, linguine al sugo di polpo, spaghetti alle vongole e bottarga. E siamo solo ai primi. Vogliamo continuare? Ecco: salsiccia napoletana con friarielli, saltimbocca alla sorrentina, scaloppina al marsala, baccalà mantecato con crostoni e contorno, polpo alla luciana con contorno. No, non abbiamo ancora finito: palle di riso (che è qualcosa di diverso dai siciliani arancini) torta caprese, tiramisù agli amaretti e infine limoncello, finocchietto, nocillo, rucolino e… Insomma, impossibile non farsi venire l’acquolina in bocca. Lima Lima è un vero e proprio paradiso della cucina napoletana a Berlino. Ha aperto il 21 dicembre 2015 su Schlüterstrasse 74, zona Charlottenburg di Berlino, e da allora non c’è italiano che, sentendone parlare, non abbia avuto desiderio di provarlo.

Lesen Sie den Artikel auf Deutsch hier.

1490584_1664027833869804_5062385228208537061_o

I creatori. «Benvenuti da Daniela e Rosario» recita un’insegna all’entrata. Lui napoletano, lei tedesca, di Neuburg, si sono conosciuti in Sardegna, nel 1987. Daniela, all’epoca 19enne, si era appena trasferita sull’isola con i genitori a causa del lavoro del padre. «Non parlavo la lingua, ma ci ho messo poco ad impararla e, soprattutto, dopo pochissimo tempo dopo il mio trasferimento ho iniziato a sognare e a pensare in italiano». Rosario all’epoca era il giovane chef di un ristorante di Cagliari dal nome, per l’appunto, Lima Lima. E da qui deriva il nome del ristorante di Berlino, come vedremo a breve. «Abbiamo deciso di venire a Berlino perché ci è sempre sembrata una città globale. E la nostra impressione è stata perfettamente confermata», spiega Daniela.

Il nome. «Tutti collegano il nome Lima Lima al Perù, ma lo Stato sudamericano non c’entra nulla con noi. Il nostro locale si chiama così per la passione di Rosario per il mare, e soprattutto, per le conchiglie. Lima Lima è infatti il nome di una conchiglia». Il locale è stato aperto lo scorso dicembre. Daniela ci racconta: «All’inizio è stata dura confrontarsi con la burocrazia tedesca, soprattutto perché ero rimasta scottata dagli uffici italiani. Invece devo dire che qui a Berlino sono stata fortunata, ho trovato sempre persone gentili e pronte ad aiutarmi».

Solo prodotti italiani. «La gente nota la differenza. Il caffè per esempio, lo ordiniamo da Napoli e lo paghiamo tantissimo. Potremmo prenderne uno qualsiasi, ma quando le persone riconoscono che il caffè ha un gusto diverso, lì rimaniamo davvero soddisfatti». Il caffè è solo un esempio: Lima Lima si appoggia a fornitori italiani per tutti i prodotti che utilizza per creare i suoi piatti, dalla pasta, solamente De Cecco, alla passata Mutti, all’acqua San Pellegrino, passando per i formaggi e gli affettati. Fateci un salto e gusterete la differenza.

Lima Lima

di Daniela Schaube & Rosario De Paola GbR

Schlüterstrasse 74, 10625 Berlin

Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 22

Telefono: +49 (0)30 31998384

E-Mail: info@limalima.cafe

Pagina Facebook

Instagram

—-

Lima Lima fa parte del network True Italian. I possessori della Berlino Magazine Card hanno diritto al 10% di sconto tutti i giorni su tutto. 

Related Posts

  • Difficile trovare una città al mondo dove non ci sia un ristorante italiano. La scelta degli ingredienti, il rispetto per la tradizione accompagnato dal nostro desiderio innato di provare sempre qualcosa di nuovo, la cura nel servizio, l’idea che sedersi a tavola significhi stare bene: tutti questi sono elementi che…
  • Difficile trovare una città al mondo dove non ci sia un ristorante italiano. La scelta degli ingredienti, il rispetto per la tradizione accompagnato dal nostro desiderio innato di provare sempre qualcosa di nuovo, la cura nel servizio, l’idea che sedersi a tavola significhi stare bene: tutti questi sono elementi che…
  • Es gibt Orte, wo man sich sofort zu Hause fühlt. Man fühlt sich von der Freundlichkeit aus der anderen Seite der Theke willkommen, die man sofort beim Eintreten bemerkt. Und auch wenn man alleine geht, quatsch man die ganze Zeit zwischen einem Bier und dem nächsten, weil es nicht schwierig ist,…
  • «I nostri clienti affezionati ci dicono spesso che dovremmo aumentare i coperti. Che i nostri piatti meritano una popolarità che non si raggiunge con una ventina di 20 posti a sedere. Sono complimenti e suggerimenti che ci fanno piacere, ma non è possibile. La nostra non è una cucina per 300…
  • Bigoli fatti a mano conditi con ragù d’anatra o salsa alle sarde, risotto al radicchio tardivo di Treviso, baccalà mantecato, polenta con l’Asiago, i funghi e la salsiccia, taglieri di affettati e formaggi nostrani. Questi sono solo alcuni dei piatti de La Pecora Nera, l’osteria veneta di Herrfurthplatz 6 a…

Leave a Reply