La fotografa che ritrae ragazzi nudi nei bagni dei club di Berlino

Anna-Lena Krause, 21 anni, è una fotografa nata e cresciuta a Berlino, dove studia alla Hochschule für Gestaltung (BTK). La fotografia è una passione che la accompagna da quando era bambina: «Avevo chiesto a mia madre di regalarmi una macchina fotografica. Secondo lei però ero ancora troppo piccola per poterne avere una professionale, quindi mi regalò una macchina analogica usa-e-getta. Iniziai a fotografare con quella e una volta finito il rullino chiesi di poterne avere un’altra. La cosa divenne una specie di tradizione perché da allora mi madre iniziò a regalarmi una macchinetta usa-e-getta ogni mese. Probabilmente è proprio per questo che adoro la fotografia in analogico, che utilizzo per tutti i miei progetti».

anna lena krause

The Flesh. Da quasi tre anni Anna-Lena sta lavorando al progetto The Flesh, the poesy of nudes on the club toilets in Berlin (di cui ha parlato anche Vice Germania). Si tratta, come chiarisce il sottotitolo, di una serie di ritratti scattati nelle toilette di alcuni club di Berlino. Come è nata quest’idea? «All’accademia mi era stato chiesto di realizzare un progetto sul nudo. Avevo deciso di non fotografare i miei amici o dei modelli ma di chiedere a degli sconosciuti di posare senza vestiti. Trovo molto interessante vedere come una persona si relaziona al proprio corpo e come decide di mostrarlo a un estraneo. Per farlo, però, avevo bisogno di un luogo dove avrei potuto fotografare sul momento le persone che decidevano di partecipare al mio progetto. Ho pensato quindi di provare a farlo nei bagni di alcuni club di Berlino. Sono arrivata ai locali con una macchinetta usa-e-getta nascosta in borsa e ho passato la sera ad osservare le persone, cercando di non farmi notare da loro. Cercavo qualcuno di interessante, il cui aspetto mi colpisse. Una volta individuato il soggetto andavo da lui, mi presentavo e iniziavo a raccontargli l’idea di The Flesh, chiedendogli se voleva farne parte. Nel caso accettasse andavamo in bagno insieme, gli chiedevo di spogliarsi, mettersi in posa e facevamo la foto. Sono rimasta molto sorpresa dal fatto che finora solo una delle persone a cui ho chiesto di posare mi abbia detto di no».
toilette.disposabel007

Photo © Anna-Lena Krause

Hai rivisto o ricontattato le persone che hai fotografato? «Certamente. Quando fotografo qualcuno gli chiedo di darmi il suo indirizzo email, a cui poi invio le foto. La fotografia per me si basa su un rapporto di fiducia tra fotografo e modello, e in un progetto come The Flesh è fondamentale che le persone che si lasciano fotografare possano fidarsi di me. Le persone che scelgo devono dirmi di sì in modo consapevole, nessuno deve essere troppo ubriaco o “distrutto”, non voglio che si pentano delle foto che gli ho scattato. Poi aspetto sempre l’autorizzazione del modello prima di rendere pubblica la foto. Benché siano degli sconosciuti, il rapporto che instauro con le persone che ho fotografato si basa sulla totale collaborazione. Con due dei ragazzi che ho fotografato sono rimasta in contatto, siamo diventati amici e li ho coinvolti in un altro mio progetto Mr. Ree and Miss Tery. In generale, comunque, contatto i soggetti delle mie foto quando devono essere esposte o usate in un articolo, le foto sono mie quanto loro, per cui non le utilizzo se prima non ho avuto la loro autorizzazione».Toilette1.3

Photo © Anna-Lena Krause

Hai mai pensato di continuare la serie The Flesh fuori Berlino? «Potrei, ma il risultato sarebbe completamente diverso. Credo che per il luogo e la situazione in cui faccio le foto, questo progetto sia strettamente connesso alla città di Berlino. I soggetti della serie e gli scatti stessi riescono a comunicare quel senso di libertà che si respira qui. Se provassi a fare le stesse foto a Monaco sarebbero completamente diverse, magari belle e interessanti comunque, ma in un altro modo. La relazione che instauro lavorando a The Flesh è breve ma estremamente intensa, le foto nascono proprio da ciò, dalla capacità di approfittare del momento e di creare un rapporto istantaneo e febbrile che subito si conclude. The Flesh non solo parla di Berlino, ma nasce inevitabilmente da questa città».

Toilette1.2Photo © Anna-Lena Krause

flsh

Photo © Anna-Lena Krause

11303967_10204457650067989_331557786_o-2

Photo © Anna-Lena Krause

Toilette1.4

Photo © Anna-Lena Krause

Toilette1.6

Photo © Anna-Lena Krause

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina © Anna-Lena Krause

Related Posts

  • Il Berghain è il club più famoso di Berlino. Complici l'atmosfera e la musica techno, il locale si è conquistato una fama più unica che rara, tanto da meritare, qualche giorno fa, che una lista dei drink rubata venisse messa in vendita su eBay. Riuscire a entrare o capire i…
  • Una fotocamera e 365 nudi berlinesi. «Ho fotografato Elle nel suo appartamento. Le ho dato la mia fotocamera e lei ha fotografato M nel suo appartamento il giorno dopo. M ha fotografato Jonathan e Jonathan ha fotografato Carise e Carise ha fotografato Christoph e Christoph ha fotografato Joanna e Joanna…
  • L’orario dell'appuntamento è fissato alle 23.30 davanti all’Insomnia, uno dei nightclub più popolari di Berlino. Marco e Ludovico sono già lì, Gerhard invece deve ancora arrivare. Non si può entrare prima, c’è il suo nome in lista, è grazie a lui che stasera si darà un’occhiata ad una di quelle feste di…
  • Il suo profilo Instagram ha oltre 95.000 follower. Ha una pagina Facebook e un canale YouTube seguitissimi. Alcuni fan le scrivono «sono innamorato di te» o «ti prego, arrestami». Sì, perché Adrienne Koleszár, 31enne tedesca, di lavoro fa la poliziotta a Dresda. La sua non è una mansione semplice: si…
  • Heroinkids è un marchio di moda e un progetto artistico ispirato ai rave illegali e alla gioventù fragile e decadente berlinese. A breve la mostra fotografica a Berlino. Depressione, tristezza, edonismo e feste dal vago gusto fetish saranno i protagonisti della mostra di Heroinkids, noto marchio berlinese di abbigliamento e…

2 Responses to “La fotografa che ritrae ragazzi nudi nei bagni dei club di Berlino”

  1. Una fotografa immortala ragazzi nudi nei bagni dei locali di Berlino | Darlin Magazine

    […] Se volete leggervi l’intervista completa, seguite questo link. […]

    Rispondi
  2. Una fotografa ritrae ragazzi nudi nei bagni dei klub di Berlino | Clubber Confession

    […] dice da un’intervista redatta per Berlino Magazine, seguite questo link per l’intervista […]

    Rispondi

Leave a Reply