La Schneider Brauerei, da bunker a studio di registrazione

Schneider Brauerei

La Schneider Brauerei è uno degli ultimi baluardi della memoria storica di Prenzlauer Berg. Costruita nel 1891 la fabbrica produceva birra che veniva servita all’aperto nel bellissimo Schweizer Garten.

In breve tempo, la Schneider Brauerei diventò un punto di riferimento per le notti del quartiere. Venne allestito un cinema, una grande sala da ballo e un piccolo parco divertimenti. La struttura forniva un ampio spazio per la produzione della birra. Ma risultava ottimale anche per la costruzione di passaggi segreti e bunker sotterranei dove avevano luogo incontri segreti.

La storia

Come per altre strutture produttive, l’attività non durò a lungo. Con lo scoppio del primo conflitto mondiale la produzione si arrestò e la birreria Schneider chiuse dopo 23 anni dalla sua fondazione. Il parco divertimenti nello Schweizer Garten, rilevato nel 1921 da W. Paeschke, venne trasformato nel teatro estivo più grande di Berlino. Venne rinnovato anche il cinema e diventò un locale per proiezioni. Nella sede si organizzarono feste e balli, ma anche importanti incontri politici.

La Schneider Brauerei ai tempi del Nazismo

Si narra che proprio in questi locali, durante un dibattito politico nel 1932, scoppiò una violenta rissa nella quale perse la vita un esponente del NSDAP (Partito Nazionalsocialista). Joseph Goebbels, ministro della propaganda, fu costretto a fuggire dalla finestra. Sembra che Hitler abbia poi scelto di costruire proprio qui, di fronte alla fabbrica di birra Schneider – come un atto di vendetta per questo attacco ricevuto dalla sinistra – la prima sede del Ministero della Propaganda. Nacquero, per mano di Goebbels, le mosse e le strategie della propaganda naziste.

Dove oggi si trova il parco di Friedrichshain vi erano due enormi torri antiproiettile, costruite per abbattere aerei militari ostili e adoperate anche come bunker militare. Si racconta che uno dei passaggi segreti per arrivare alla struttura, partisse proprio dal vano ascensore della birreria. Questa traccia oggi è stata eliminata dalle fondamenta scavate per far posto alla costruzione di un progetto residenziale che copre completamente l’area dell’antico Schweizer Garten.

Dopo aver liberato Berlino, i russi provarono a far saltare in aria la massiccia struttura in cemento, riuscendoci solo in parte. È ancora possibile scorgere quel che rimane del bunker all’interno del parco. La parte integra degli edifici della Schneider, dopo i bombardamenti del ’45, venne poi adoperata durante la DDR per gestire operazioni di Intelligence e controllo.

Gli Ufo Sound Studios

Nel 2006 Jens Reule, tecnico del suono, ha comprato il vecchio edificio con l’idea di creare studi e sale di registrazione. Gli Ufo Sound Studios si trovano ora nello storico birrificio Schneider, nascosto nel cortile tra Greifswalder str. e Am Friedrichshain. Adesso l’edificio sembra ancora un rudere. Il timpano è crollato e la facciata con i tipici mattoni gialli è coperta da una patina grigia. Un attento progetto di ripristino disegna all’interno dello spazio la grande sala principale. Questa è divisa mediante pareti temporanee, in foyer, uffici e studio di registrazione. L’obiettivo di Reule non è solo il restauro e la ricostruzione degli spazi ma sopratutto la conservazione delle tracce della storia che in questo luogo è possibile leggere.

I lavori di ripristino delle antiche strutture vanno avanti dal 2006: l’appassionato lavoro di Reule non si ferma, la sua missione è preservare la Berlino degli anni ‘90, quando nei vuoti edifici industriali si improvvisavano centri culturali e si era ancora lontani dall’idea della costruzione di Loft e appartamenti di lusso a tutti i costi. In una vecchia intervista dichiara “Penso che sia importante preservare l’arte e la cultura nel centro della città, anche se in contrasto con le politiche attualmente in atto di gentrification”.

Musikbrauerei

Greifswalder Str. 23A, 10405

Pagina Facebook

Sito Ufficiale

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © S. Corso

Related Posts

  • Ecco una lista di dieci cose/luoghi/oggetti/persone che si chiamano Berlin, ma non sono quello che pensate. Berlin (Berlino in italiano) è la capitale della Germania. Ma basta farsi un giro nella pagina di disambiguazione di wikipedia per venire a conoscenza di altri luoghi, oggetti e individui che portano lo stesso…
  • «I don't think we did go blind, I think we are blind, Blind but seeing, Blind people who can see, but do not see.» José Saramago, Blindness Il nome lux (plurale: lux; simbolo: lx) è un'unita’ di misura dell’illuminamento. Equivale ad un lumen, unità di flusso luminoso per metro quadro. Lux è…
  • Dunkelheit, Weltenflucht, Techno, ovvero Oscurità, fuga dalla realtà e, logicamente techno. Sono le tre parole chiave del prossimo Bunker Rave, party "sottoterra" che sabato 15 aprile caratterizzerà lo ZK/U di Siemensstraße 27. La storia dei party sottoterra di Berlino  Di rave nei bunker a Berlino se ne sono visti tanti dal dopoguerra…
  • Berlino celebra la birra con un'intera settimana di eventi, la Berlin Beer Week 2015, e la creazione di una nuova, specifica bionda Pale Ale frutto della collaborazione della Brauhaus Lemke con vari altre realtà della birra berlinesi. Il festival. Si partirà il 13 giugno con una serata presso il Brauerei Lemke…
  • Voglia di Oktoberfest? A Berlino c'è un posto dove è possibile tuffarsi nei sapori, colori e vestiti tipici bavaresi. Si chiama Hofbräuhaus, casa della Hofbräu, ovvero di una delle più conosciute birre bavaresi al mondo che da alcuni anni ha accresciuto la propria fama grazie alla costruzioni di grandi ristoranti/birrerie tipiche del sud…

Zuleika Munizza

Zuleika Munizza responsabile del progetto di ricerca Berlino Explorer, presenta e racconta Berlino attraverso la sua storia e le sue trasformazioni, da un punto di vista architettonico e sociale.

Leave a Reply