La storia del dj anglo-berlinese in fuga per avere remixato una preghiera islamica

DAX J

È stato condannato in contumacia Dax J, il dj britannico, ma di base a Berlino, che durante l’Orbit festival ha remixato una preghiera islamica.

Non sono bastate le scuse sul suo profilo Facebook né una fuga: Dax J è stato condannato da un tribunale tunisino per offesa alla pubblica decenza e al buon costume. La sua colpa? Aver fatto ascoltare il testo di una preghiera musulmana su una base di musica house.

Cosa è successo?

La notte del 31 marzo durante la seconda edizione dell’Orbit festival in scena per due giorni presso il locale El Guitoune di Hammamet. In pochi, durante la performance, avevano notato o si erano scandalizzati per il campionamento. Il problema è sorto dopo che il dj ha pubblicato su Facebook il video della serata. Il post diventato virale attirando le ire di fondamentalisti e l’obbligato intervento delle autorità. Il locale è stato chiuso. Il governatore di Nabeul (cittadina accanto ad Hammamet), Mnaouar Ouertani, ha spiegato all’agenzia France-Presse che non possono essere tollerati attacchi alla religione. Dal canto loro gli organizzatori dell’Orbit festival, inizialmente arrestati così come il PR della serata, si sono scusati, ma hanno declinato ogni responsabilità.

Dax J

La scomparsa pubblica di DAX J

Di DAX J si sono perse perso per un po’ le tracce. Dopo essersi scusato su Facebook ed aver chiuso il proprio temporaneamente il profilo a causa delle tante minacce di morte ricevute, ha ricominciato a pubblicare solo negli ultimi giorni. Il suo profilo su Resident Advisor parla di due date in Argentina (21 e 22 aprile) , del Nassau festival di Amsterdam (27 aprile), del Lumen 006 presso la Mandela Hall in Irlanda del Nord e di una data in Italia, a Taranto il 13 maggio. Niente da paesi del Nord Africa, o in particolare, in Tunisia dove se si presentasse sarebbe costretto a scontare almeno un anno di reclusione.

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • 10000
    Back To The Future mix series, una raccolta musicale che racconta il percorso musicale di Paul Kalkbrenner. Da Berlino Est ad oggi. Da alcuni mesi è disponibile su Soundcloud il mix Back To The Future - Part 1. Una raccolta musicale divisa in tre parti che ripercorre la storia e le influelze…
  • 10000
    Può la musica essere un crimine? Nel documentario Raving Iran, la regista tedesca Susanne Regina Meures narra la storia di Anoosh e Arash. Due DJ della scena techno di Teheran che devono scontrarsi con le restrizioni imposte dal regime. Mischiando riprese professionali a video realizzati con il cellulare, il film documenta la presenza…
  • 10000
    Il primo Museo della techno di Berlino avrà vita dentro al complesso del Kraftwerk, l'ex centrale elettrica di Mitte che già ospita il Tresor. A confermarlo è Dimitri Hegemann, fondatore del celebre club underground. Le prime indiscrezioni uscirono, grazie allo stesso Hegemann, già lo scorso anno. La conferma arriva invece nell'estate 2016.…
  • 10000
    Fino al 1988 Bernhard Enste era un falegname che viveva a Magonza (Mainz). Un lavoratore come tanti: famiglia, casa di proprietà, macchina. Ma, alle soglie del quarantesimo compleanno, una grave forma di cancro gli strappò via il figlio e mise in crisi il suo matrimonio. Bernhard decise allora che la…
  • 10000
    Berlino: tempio della techno e della club culture ora anche per i più piccoli. Venerdì 22 aprile l’ ://about blank apre le porte agli under 18 a partire dalle 15. L’evento si chiama ://about kinderdisco e porterà nel giardino dello storico club berlinese clown, giochi gonfiabili, trampolieri e dolci il…

One Response to “La storia del dj anglo-berlinese in fuga per avere remixato una preghiera islamica”

  1. paolo

    il profilo facebook e´molto aperto invece e ci sono post di 2gg fa….

    Rispondi

Leave a Reply