Lakino: film, party e cumbia per il festival del cinema latinoamericano a Berlino

Si inaugura questa sera a Berlino la terza edizione del Festival del Cinema Latino Americano Lakino. A ospitarlo saranno le sale del cinema Babylon, che da pochi giorni ha chiuso in bellezza la rassegna dell’Italian Film Festival.

Dal 13 al 18 ottobre è la volta dell’America Latina, con un programma d’autore che porta l’attenzione su un continente alle prese con profondi cambiamenti di natura sociale ed economica. Argentina, Cile, Perù, Colombia, Messico, Costa Rica e Brasile saranno i protagonisti della rassegna Lakino, ognuno raccontato attraverso una produzione cinematografica originale su come ogni singolo paese si stia affacciando al futuro, continuando a fare i conti con un trascorso non sempre facile.

La tierra y la sombra, film del regista colombiano César Augusto Acevedo e vincitore della Camera d’Oro al Festival di Cannes 2015, sarà la pellicola d’apertura stasera alle 20.
Il film porta sugli schermi una storia familiare che incarna metaforicamente una Colombia orientata al distacco dalla tradizione rurale e decisa a intraprendere il controverso processo di modernizzazione. Ritmo lento, atmosfera quasi onirica e una fotografia d’eccellenza sono le premesse di una storia individuale ma dal respiro fortemente sociale, che costringe a porsi nuove domande sul futuro di un paese in transizione. Ancora con una saga familiare, la Colombia torna in scena venerdì 16 ottobre alle 21.30 con Noche Herida e la vicenda di una nonna che, al confine con Bogota, difende la vulnerabilità adolescenziale dei suoi nipoti in uno sfondo urbano dai toni aspri e spesso violenti.

Un ruolo di rilievo all’interno della rassegna lo occupano le donne, con tre film al femminile: Paulina è un social thriller che porta in scena la storia di una donna avvocato di Buenos Aires che abbandona la sua carriera per seguire da vicino la causa di un gruppo di bambini in condizioni precarie sul confine con Uruguay e Brasile. Travolta dalla violenza di una gang del posto, non si lascerà scoraggiare dalla difficoltà di perseguire la sua battaglia ed esplorerà da vicino il processo con cui la violenza influenza il concetto di giustizia ai margini della società argentina. Alias Maria prende invece nome dalla protagonista appena tredicenne, combattente nelle fila della guerrilla argentina, costretta a fuggire dal gruppo militare una volta scoperto di essere incinta: le regole la costringerebbero all’aborto forzato, motivo per il quale si dà alla macchia. Aurora è la storia della lotta per un’adozione speciale, due genitori alle prese con una burocrazia invalicabile, che cercano di abbattere i cavilli del sistema per dare una degna sepoltura ad Aurora, la bimba nata morta alla quale Sofia e Pedro hanno deciso di dedicare la loro commozione e il loro impegno.

Non poteva mancare il tema politico: con il film Allende, mi abuelo Allende e il documentario Tiempo Suspendido, si rinnova l’attenzione al tormentato passato politico dell’America Latina, che ha dato alla produzione culturale molto di cui parlare. Il film di Marcia Tambutti Alliende ripercorre la biografia del presidente Allende da un punto di vista inedito e più familiare. Il documentario Tiempo Suspendido dà spazio alla voce di una donna che cerca di mantenere viva la memoria della lotta contro l’amnesia storica sui crimini politici dell’Argentina.

Sabato 17 alle 11 ci sarà una proiezione esclusivamente dedicata al cinema d’animazione per bambini, con una serie di otto corti animati, ognuno dalla durata di non più di dieci minuti, in modo da non escludere nemmeno i più piccoli.

La terza edizione ha dunque tutte le premesse per rivelarsi un appuntamento immancabile, sei giorni e tantissime occasioni per riflettere attraverso una produzione cinematografica d’eccellenza sulla profondità e la complessità di un angolo di mondo ricco di fascino e contraddizioni.
I prezzi del biglietto singolo sono di 9 € per il cinema 1 e di 7€ per le sale 2 e 3.
Il programma completo qui.

E, per non farsi mancare davvero nulla, sabato al Silverwings si terrà il Lakino Festival Party, serata a base di cumbia, salsa e mango.

LAKINO LATIN AMERICA FILM FESTIVAL 
Festival di cinema latino americano
Dal 13 al 18 ottobre 2015
Cinema Babylon, Rosa Luxembourg Platz (U2)
Costo d’entrata: 7-9€

LAKINO FESTIVAL PARTY
Deputamadre sun system
Sabato 17 dalle 23 alle 6
Silverwings | www.silverwings.de, Columbiadamm 10, 12101 Berlin (U6: Platz der Luftbrücke)
Ticket: 6,00 €
Floor 1: Cumbia, Latin Rock & Funk
Floor 2: Salsa Brava, Boogaloo, Mambo, Guaguancó

Related Posts

  • Il Lakino Short filmfest giunge quest’anno alla sua quinta edizione e mostrerà al pubblico dal 22 al 26 Aprile una vasta collezione di cortometraggi di registi esordienti ed indipendenti provenienti da varie nazioni dell’America Latina. Sarà un’occasione per appassionati e non di venire a contatto con realtà poliedriche e per…
  • “Da dove venite? A chi appartenete? Cosa state cercando?”, queste sono le domande che il viandante si pone attraversando le terre dei padri. Luoghi e personaggi immaginari che diventano reali, uno spazio fisico che si trasforma in pura immaginazione, il tutto proiettato verso una continua ricerca delle proprie origini. Questo è in…
  • Il bellissimo film di Fabio Bobbio evento punta di diamante di Visionär, festival internazionale di opere prime e seconde a Berlino. Matteo e Samuele hanno 12 anni e passano l'estate tra il fiume, il bosco e il centro commerciale. Sono in quella fase della vita in cui, quasi inconsciamente, si…
  • Dai giochi di luce del Festival of Lights ai grandi festeggiamenti per la riunificazione tedesca, l'autunno a Berlino è ricco di manifestazioni. Ecco cosa fare a Berlino a ottobre 2014, tutti gli eventi da non perdere. Mostre Al Deutsches Historisches Museum inizia il 1 ottobre la toccante mostra fotografica The Eyes…
  • Dal 2 al 4 ottobre 2015, presso il Kino Babylon di Mitte, approda a Berlino l'Italian Film Festival. L'ultimo film in programma, previsto per le 19:30 di domenica, è Una piccola impresa meridionale, diretto e interpretato da Rocco Papaleo con Riccardo Scamarcio e Barbora Bobulova. Papaleo si troverà eccezionalmente a Berlino e dopo la…

Margherita Sgorbissa

Con sempre il solito imbarazzo delle autodescrizioni, mi presento: sono Mag e sono laureata in mediazione linguistica. Finita la vita in Italia, presto sarò a Berlino per iniziare un nuovo capitolo. Un grande legame che mi ha tenuta stretta alla realtà tedesca è stato sicuramente Berlino Cacio e Pepe Magazine, con cui collaboro dal 2011. Inutile citare la mia grandissima passione per la scrittura e il giornalismo!

Leave a Reply