Le bellezze nascoste della Germania del Nord: Brema e Lubecca

8725721158_7dfe0c8cbd_z

Quando si parla della Germania dall’Italia, subito vengono in mente luoghi come Francoforte, Monaco, Amburgo, Stoccarda, Berlino, grandi città dalla fama internazionale e invase da turisti di tutti i tipi. La prima volta che ho visitato io la Germania, tre anni fa, ho esordito con Brema. «Vieni a trovarmi a Bremen», mi disse un amico. Diedi un’occhiata a dove si trovava: Nord, profondo Nord.

Fortunatamente era estate e stranamente faceva parecchio caldo. Vidi la Germania con il sole e le belle giornate e Bremen mi piacque molto: il Weser, il suo fiume immerso nel verde, la Schlachte, la splendida passeggiata sul lungofiume, il centro cittadino coi suoi pub e ristoranti all’aperto. E poi lo Schnoor, il quartiere medievale della città dove ci si perde tra vicoli stretti e colorati e dove ogni tanto si trova qualche musicista di strada. Sì, perché Bremen è la città dei musicanti e infatti nella Marktplatz, la piazza del mercato, la statua dei Musicanti lo testimonia: un asino, un cane, un gatto e un gallo uno sopra all’altro e, dopo pochi passi, l’enorme statua del Rolando. Ancora oggi, dopo innumerevoli visite a Bremen, ripercorro le stesse strade e visito tutto ancora una volta perchè si tratta di una città che trasmette magia.

Due anni dopo la prima visita a Brema decisi di trasferirmi in Germania, alla volta di LubeccaLübeck in tedesco: storica città della Lega Anseatica (insieme alla stessa Bremen, a Rostock, Bremerhaven e Hamburg), teatro di tante guerre e patria di Thomas Mann (1875-1955 / Premio Nobel per la Letteratura 1929) e Willy Brandt (1913-1992 / Premio Nobel per la Pace 1971). Anche Günter Grass, nato  a Danzica, vi trascorse gli ultimi anni della sua vita, quelli del Nobel per la Letteratura, a partire dal 1995.

L’immagine caratteristica della città è il famoso Hosteltor, una delle porte della città, circondata dal verde e attraversata dal fiume Trave. Sono due anni che vivo qui, in quest città tra il verde e l’acqua, il cui centro storico è incorniciato dai due fiumi principali Trave e Wakenitz che lo trasformano in un’isola, con laghetti che si trasformano in piscine naturali durante l’estate (ma il mare è a non più di 20 km) e in piste di pattinaggio quando le temperature sono molto rigide. E poi c’è un’architettura tutta da scoprire: a Lubecca moltissime case storiche sono tutte storte, caratteristiche, quasi divertenti. E ancora i Gänge, ovvero i cortili interni di complessi di case: posti magici, labirintici, curatissimi e calmi. Lübeck è una città che colpirebbe chiunque con la sua bellezza irripetibile. Ogni tanto sarei tentato di allontanarmi dal freddo nord tedesco, ma il fascino di queste città strega, innamora e rende difficile staccarsene.

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

In copertina: Brema – Photo © Andrea Dantz CC BY SA 2.0

Related Posts

  • È stato reso visibile al pubblico solo lo scorso mercoledì scorso, anche se la sua nascita risale al giugno 2015 il serpente topo a due teste nato allo zoo di Rostock, nord della Germania. Il rettile è lungo 65 centimetri e lungo 45 grammi. L'episodio sta attirando centinaia di visitatori e…
  • Germania, Alpi, Svizzera, Scandinavia, America, Italia, tutto in un'unica città. Possibile? Ebbene sì: ad Amburgo, la bellissima città nel nord della Germania, c'è Miniatur Wunderland, il più grande plastico ferroviario al mondo nonché una delle attrazioni turistiche più visitate in Germania, che riproduce in dettaglio città, regioni, monumenti, aeroporti, infrastrutture ferroviarie,…
  • Quante volte avete desiderato di voler viaggiare senza alcuna preoccupazione economica? O addirittura di volervi trasferire in un altro paese evitando tutte le spese di viaggi, documenti, casa, cibo? Young Germany ha cercato di rispondere a queste domande proponendo 10 modi per trasferirsi in Germania, non solo senza aprire il…
  • Una duplice esplosione ha colpito l'azienda chimica tedesca BASF. Come riporta SpiegelOnline, si sono verificate questa mattina le gravi deflagrazioni in due stabilimenti del colosso situati nelle città occidentali di Lampertheim (Assia) e Ludwigshafen (Renania-Palatinato), a circa 30 km di distanza l'una dall'altra. Una portavoce della società riferisce che diverse persone sono rimaste ferite, senza precisarne…
  • La città più felice della Germania, quanto meno quella dell’Est, non è Berlino, anzi. A rilevarlo è stata una ricerca promossa su tutto il territorio tedesco da Deutsche Post, le poste tedesche. Le conclusioni per la Germania sono abbastanza incoraggianti: su una scala di valori dove 0 rappresenta la totale infelicità e 10…

Ylenia

Insegnante di Italiano, e segnante in LIS e IS

Leave a Reply