Le parole più particolari entrate nella nuova edizione del principale vocabolario tedesco, il Duden

Duden

Lo storico e autorevole dizionario di lingua tedesca Duden, pubblicato per la prima volta nel 1880 da Konrand Duden, ha da poco dato alle stampe la sua 27° edizione.

Non si tratta di una rivisitazione dell’edizione precedente, ma di una pubblicazione di 1264 pagine che ha l’intento di analizzare tutti gli aspetti della lingua tedesca. L’ortografia, la grammatica e i sinonimi. La novità più interessante di questa edizione è l’aggiunta di ben 5000 parole che prima non esistevano. Parole che per la frequenza del loro utilizzo sono diventate di uso corrente tra i madrelingua.

Le novità: Denglish e anglicismi

Gran parte dei nuovi termini sono legati a eventi della storia contemporanea o alle nuove tecnologie che sfruttano un linguaggio globalizzato. Parliamo di neologismi che ci dicono molto della cultura tedesca ed europea. Derivanti spesso dalla fusione dalla lingua inglese e tedesca, definita in gergo Denglish. Tra le parole del Denglish entrate a pieno titolo nella lingua tedesca, ricordiamo facebooken (stare su facebook), liken (mettere like) e emoji. Particolare anche postfaktish. Termine derivato da post-truth, in riferimento a una discussione su una notizia in cui la verità passa in secondo piano di fronte alle emozioni personali. Altri termini sono invece rimasti invariati nella loro forma inglese. Come Veggie, Tablet, Selfie, Darknet, Hashtag e Brexit.

La polemica

Il dato che ha suscitato più controversie è l’influenza inarrestabile della lingua inglese sul tedesco. Tuttavia come sappiamo una lingua cambia e muta seguendo le tendenze della società cui è strettamente collegata. Nonostante la Brexit, l’Europa continua a parlare inglese. Ed è in inglese che sono state coniate per la prima volta parole per riferirsi alla nostra epoca, siano esse innovazioni tecnologiche o spiacevoli eventi di natura politica. La Verein Deutsche Sprache, un’associazione volta a difendere il purismo della lingua tedesca, si era già espressa negativamente riguardo alla precedente versione del Duden. Che nel 2013 aveva dato spazio a tanti altri termini inglesi nel vocabolario tedesco. Comunque il fenomeno dell’anglicizzazione non è recente. Già nel 1880 il Duden includeva 27,000 parole, e oggi il loro numero, tra anglicismi e neologismi, è arrivato a ben 145,000.

Neologismi tedeschi

I nuovi termini entrati nel vocabolario non sono solo anglicismi, ma anche neologismi tedeschi il cui uso ora è anche formalmente riconosciuto. Solo per fare alcuni esempi, sono nuove parole tedesche Cyberkrieg (guerra virtuale) e Hasskriminalität (crimine di odio). Kopfkino (sognare a occhi aperti), Kopftuchstreit (dibattito sul velo), Nachtshopping (fare compere a tarda notte) e Wildpinkler (colui a cui piace urinare fuori). Ancora, Schmähgedicht (poema blafemo), termine coniato dal Jan Böhmermann, comico che ha di recente composto un ode al presidente turco Erdogan.

Inoltre, alcune parole già esistenti hanno subito modifiche ortografiche. Tra queste, tre parole inglesi precedentemente germanizzate sono state reintrodotte nel vocabolario con la loro forma inglese originaria. Majonäse è tornata Mayonnaise, Ketschup Ketchup e Anschovis Anchovies. Per quanto riguarda l’ortografia, i cambiamenti più rilevanti consistono nell’introduzione di trattini in parole come Co-Trainer e Ex-Kanzler. I come l’introduzione della forma maiuscola della ß.

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © CC0 Creative Commons

Jale Farrokhnia

Classe '91, madre italiana e padre iraniano. Ho nutrito sin da piccola una grande passione per la letteratura e per la scrittura. Nel 2010 mi sono trasferita a Pisa per studiare Lettere Classiche e per specializzarmi poi in Filologia e Storia dell'Antichità, pur essendo allo stesso tempo un'appassionata di tecnologia, social media e lingue moderne. Dopo la laurea mi sono trasferita a Berlino per un breve e intenso tirocinio e ora, somewhere in Italy, scrivo, traduco e faccio cose strane coi social da freelance. Giuro che prima o poi farò un lavoro serio, mi stabilirò e imparerò il Farsi, ma non adesso.

4 Responses to “Le parole più particolari entrate nella nuova edizione del principale vocabolario tedesco, il Duden”

  1. zoppaz

    Non conosco il tedesco, ma sono molto interessato al tema degli anglicismi, e sono rimasto molto sopreso dai numeri riportati di 145.000 “parole inglesi” che immagino si riferiscano non agli anglicismi integrati ma a quelli di derivazione dell’inglese. Un dizionario monovolume italiano è infatti composto da 100/160.000 lemmi in tutto… Dunque faccio fatica a interpretare questi dati che, se non si tratta di una svista, mi paiono sproporzionati, e mi piacerebbe saperne di più. Grazie

    Rispondi
    • Jale Farrokhnia

      Ciao e grazie del commento e dell’acuta osservazione. Il numero è corretto ma non riferito esclusivamente ad anglicismi, bensì al volume totale di lemmi ora inclusi nel dizionario, tra anglicismi, che sono comunque molti, e neologismi. Ho corretto l’informazione riportata nell’articolo!

      Rispondi
  2. zoppaz

    Non volevo fare il maestrino, scusa, solo non riuscivo a capire i numeri… sono molto interessato all’argomento, ma non so il tedesco, e dalle comparazioni che ho fatto tra italiano, francese e spagnolo ho constatato che all’estero la penetrazione non è come quella in Italia; invece in Germania il fenomeno è molto più esteso, da quel che ho letto, e secondo Doris Steffens gli anglicismi sarebbero nel tedesco superiori alle altre lingue europee, ma non ho trovato numeri precisi in proposito per fare confronti (Doris Steffens, “Nicht nur Anglizismen… Neue Wörter und Wendungen in unserem Wortschatz”, in IDS-Sprachforum, 21 maggio 2003, pp. 2-9, www1.ids-mannheim.de/fileadmin/lexik/LexikalischeInnovationen/pdf/sr03-4a.pdf ). Se tu ne sai qualcosa di più o hai delle indicazioni di dati numerici, o studi in lingua non tedesca… grazie! 🙂

    Rispondi
    • Jale Farrokhnia

      Al momento dovrei documentarmi perché non ho a portato di mano studi sull’argomento, ma appena trovo qualcosa di interessante e con riferimenti numerici concreti ti informerò. In ogni caso, nonostante la pronuncia e la costruzione sintattica diversa, inglese e tedesco sono lingue germaniche morfologicamente simili che traggono in inganno quando sono usate insieme. Un termine inglese in italiano, francese e spagnolo è più riconoscibile, in tedesco invece si nasconde e si assimila abbastanza bene, rendendo spesso difficile il passaggio da una lingua all’altra senza confonderle anche a un madrelingua tedesco, non solo un italiano. Si parla appunto di Denglish e credo che questo fenomeno sia inarrestabile nel momento storico in cui viviamo.

      Rispondi

Leave a Reply